mascherine-niente-obbligo-non-vuol-dire-di-non-usarle
Raccomandato l'uso di quelle certificate. All'aperto, sufficiente la distanza sociale (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
9 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
9 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
9 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
9 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
9 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
10 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
10 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
10 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
10 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
10 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
11 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
25.04.2020 - 11:30
Aggiornamento: 13:08

Mascherine, 'niente obbligo? Non vuol dire di non usarle'

Il farmacista cantonale Zanini in vista delle riaperture: 'Ne avranno bisogno i professionisti della salute e chi non può garantire 2 metri di distanza"

Quello dell'utilizzo delle mascherine è un tema che fa dibattere. Sia ora, sia quando partirà la 'fase 2', quella della convivenza con il virus. "Non credo si andrà verso un obbligo generalizzato", sostiene il medico cantonale Giorgio Merlani. Fatte salve, s'intende, le categorie a rischio. Anche nel mondo del lavoro. Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, a colloquio con 'laRegione', si esprime in termini simili.

In vista delle riaperture delle attività si impone nuovamente nella popolazione la domanda sull'efficacia delle mascherine. In quali ambiti lavorativi possono essere più efficaci? E ci sono per contro categorie di lavoratori per le quali, invece, l'utilizzo non sarà raccomandato?

L’uso delle mascherine è innanzitutto necessario nell’ambito sanitario. Quindi ne avranno bisogno tutti i professionisti della salute (come medici, dentisti, fisioterapisti, estetisti) che riprenderanno quelle attività sanitarie che finora non erano più consentite. In parallelo con il progressivo allentamento delle misure e la ripartenza delle attività economiche, aumenterà però anche il numero di figure professionali non appartenenti al settore sanitario che saranno costrette a portarle. Infatti in certi settori sarà impossibile mantenere la distanza fisica di 2 metri fra colleghi o con i clienti; quindi lì bisognerà per forza proteggersi con una mascherina. Pensiamo ad esempio ai parrucchieri oppure agli operai che si spostano sullo stesso veicolo. In queste situazioni la mascherina sarà una condizione per poter riprendere a lavorare. Se uno invece lavora da solo e senza avere contatti con altre persone, allora la mascherina non gli serve.

Nella popolazione si avverte un po' di confusione sul tema mascherine. È possibile fissare una posizione sulla loro utilità/non utilità e su quali, magari, possono avere una maggior efficacia?

Secondo me la confusione deriva dal fatto che tutti stanno dicendo la loro su questo tema. A me sembra che noi autorità siamo sempre stati lineari e coerenti. Abbiamo sempre detto che le mascherine hanno un’importanza fondamentale per le persone infette o che presentano sintomi nonché per gli operatori sanitari che li assistono. Continuiamo a ripetere che per contro non ha bisogno di proteggersi con una mascherina chi sta bene, rispetta le norme igieniche sul lavaggio e la disinfezione delle mani e riesce a mantenere la distanza dagli altri nei contatti sociali. Anche in famiglia portare una mascherina non ha senso, perché vivendo assieme, le altre possibilità di contaminazione restano comunque tantissime. Evidentemente ognuno è sempre libero di fare come meglio ritiene: se finora non abbiamo emesso la raccomandazione o l’obbligo di usarle in pubblico, non vuole ancora dire che raccomandiamo di non usarle. Le mascherine “sicure e garantite” sono solo quelle che sono state testate in laboratorio e hanno ricevuto una certificazione; noi raccomandiamo queste. Chi usa una mascherina di altro tipo, non certificata o di produzione artigianale, non sa quale sia il suo potere filtrante e quindi contemporaneamente deve sempre rispettare le norme igieniche e mantenere le distanze.

Si vede molta gente indossarle all'aperto.

Se si riesce a rimanere a 2 metri di distanza dalle altre persone, l’uso della mascherina non è necessario. Se tutti si comportano bene, essere all’aperto non è un rischio. Il vero problema saranno i mezzi di trasporto pubblici.

A una persona che, poniamo, va a far la spesa è consigliato o raccomandato di indossare la mascherina?

Per andare a fare la spesa non è necessario che il cittadino normale porti una mascherina. Abbiamo visto in queste settimane che i negozi si sono organizzati bene, introducendo regole di accesso, percorsi obbligatori e barriere fisiche o virtuali. È sufficiente che tutti siano disciplinati e rispettosi degli altri, soprattutto del personale che nel negozio deve rimanerci tutta la giornata. Constato comunque che molte persone la mascherina ce l’hanno e la usano. Evidentemente non ho nulla in contrario, anzi capisco che la gente sia impaurita e voglia proteggersi; ma ancora una volta ribadisco che allora bisogna indossarla correttamente. Per esempio coprendo anche il naso! E cambiandola regolarmente, perché è usa e getta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved