Guillaume Barazzone (Keystone)
Svizzera
30.11.2018 - 17:540

Ginevra, spese allegre: Guillaume Barazzone (Ppd) non si ripresenterà

Del municipale e consigliere nazionale avevano fatto notizia i 42mila franchi di spese, di cui oltre 17mila di costi di telefonia mobile e 3mila per taxi verso indirizzi privati

Il consigliere nazionale e municipale di Ginevra Guillaume Barazzone (Ppd), sotto i riflettori per le elevate spese fatturate alla città, lascerà il Consiglio nazionale alla fine della legislatura e non si ripresenterà alle elezioni per l'esecutivo cittadino nel 2020. Lo ha comunicato egli stesso al partito cantonale, che ha lodato la decisione, che denota - a suo avviso - senso di responsabilità. Barazzone ha discusso con il partito e la scelta è stata operata di comune accordo. "Vogliamo inviare un messaggio etico alla popolazione", ha detto il segretario generale Nicolas Fournier. Barazzone porterà a termine i due mandati e non si ricandiderà.

Il municipale Ppd è stato spinto ad agire a seguito dello scandalo delle spese allegre dei municipali. Da una verifica effettuata dalla Corte dei conti è infatti emerso che i cinque membri dell'esecutivo ginevrino hanno usato i soldi dei contribuenti per spese non legate alla loro funzione. Barazzone - già nel mirino del Ministero pubblico nell'ambito di un procedimento per accettazione di vantaggi legato a un viaggio ad Abu Dhabi nel 2017 - è risultato il più "spendaccione": per lo scorso anno 42'000 franchi di spese, di cui oltre 17'000 franchi di costi di telefonia mobile e circa 3000 franchi in taxi, in parte in piena notte e verso indirizzi privati.

Nella lettera indirizzata al comitato direttivo del Ppd ginevrino, Barazzone afferma di volersi assumere le sue responsabilità e precisa di aver restituito le somme ricevute. Il municipale si è scusato con gli abitanti di Ginevra, il partito e i collaboratori ed è cosciente della delusione che ha causato ad alcune persone. Rimarrà attivo nel Ppd, indipendentemente dai suoi mandati, ha aggiunto.

Guillaume Barazzone è arrivato al municipio nel novembre 2012 per sostituire Pierre Maudet (Plr), eletto in Consiglio di Stato. Ha così posto fine a 20 anni di assenza del Ppd dall'esecutivo cittadino. Un anno dopo è entrato al Nazionale per sostituire Luc Barthassat, eletto anch'egli in Consiglio di Stato.

Avvocato di formazione, si è fatto notare sotto la Cupola federale per le sue posizioni liberali, in particolare a favore del matrimonio per tutti. Barazzone aveva annunciato in ottobre che non si sarebbe candidato all'elezione per il Consiglio degli Stati nel 2019, preferendo continuare ad impegnarsi al Nazionale e nel municipio. Le rivelazioni della Corte dei conti hanno però minato la sua credibilità anche a livello federale.

1 mese fa Spese pazze a Ginevra, sotto accusa i municipali
Potrebbe interessarti anche
Tags
ppd
barazzone
spese
consiglio
ginevra
partito
© Regiopress, All rights reserved