21.05.2021 - 05:40

Di Lodrino che decolla, Pestoni che atterra, e mafia in quota

Su LaRegione oggi: un polo aviatorio in rampa di lancio, un sindacalista che lascia il campo, una mafia onnipresente, un'informazione che si scontra con la legge

di-lodrino-che-decolla-pestoni-che-atterra-e-mafia-in-quota

È pronto al decollo, è il caso di dirlo, il Polo aviatorio di Lodrino, fra aziende in arrivo, un centro di competenza per droni e molti altri attori di svariati settori interessati a insediarsi.

Vola sempre alto, purtroppo, la mafia, anche in Ticino. Ne parla Madeleine Rossi in un libro che racconta una mafia potente, onnipresente e destinata a crescere ancora con la crisi post-Covid: fra scontrini di bar che “puliscono” soldi illeciti, armi troppo a portata di mano e cantieri in cui infiltrarsi.

Atterra, invece, la carriera da sindacalista di Graziano Pestoni: il presidente dell'Uss Ticino e Moesa dà le dimissioni dopo sette anni. Il suo bilancio, raccolto da Jacopo Scarinci, tra battaglie, rimpianti, e 'un mondo del lavoro sempre più fragile.

Nomi in cronaca si, nomi in cronaca no? La tensione fra diritto di informazione e codice penale è affrontato in uno studio realizzato dall’Istituto di media e giornalismo dell’Usi per conto dell’Associazione ticinese dei giornalisti.

L’assurdo avvitarsi della questione israelo-palestinese: Roberto Scarcella a colloquio con lo scrittore israeliano Etgar Keret che prova a raccontare il conflitto spogliandosi il più possibile dai pregiudizi.

Leggi anche:

Sta decollando il Polo aviatorio di Lodrino

’Ndrangheta, faremmo meglio a preoccuparci sul serio

Pestoni: ‘Ho sempre cercato di ridare dignità a chi lavora’

Citare o no i nomi in cronaca, tra informazione e codice

Intervista a Etgar Keret: ‘Bloccati dalla paura dell’altro’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved