Venezia
0
Torino
1
2. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
1
2 set
(5-7 : 2-2)
citare-o-no-i-nomi-in-cronaca-tra-informazione-e-codice
Ti-Press
In primo piano Roberto Porta, presidente dell’Atg
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
50 min

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
52 min

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
3 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
3 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
3 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
4 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
4 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
4 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
4 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
4 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
5 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Locarnese
5 ore

Al via il mese della castagna in Verzasca

Eventi legati all’albero e al frutto che nel passato garantivano il sostentamento della popolazione
Locarnese
5 ore

Tiratori veterani, campionato ticinese a Quartino

Gare in due poligoni per aggiudicarsi i titoli. Non ci sarà il tradizionale pranzo
Locarnese
5 ore

Magadino e Locarno, per Haiti

Dalla polenta per raccogliere fondi alla consegna, da parte del vescovo, del mandato ai nuovi missionari
Locarnese
5 ore

Colazione donne sul tema ‘Io ci sono’

Tornano le occasioni d’incontro e scambio nel Locarnese
Ticino
5 ore

Banca dati votazioni comunali, il governo segue la sua strada

Il Consiglio di Stato boccia l’iniziativa di Filippini (Udc): no all’obbligo per i Comuni di trasmettere le informazioni. Ma poi le raccoglie. La deputata: ‘Disarmante’
Luganese
5 ore

San Salvatore Trail, buona la prima

Una cinquantina i partecipanti alla gara. Fra le donne ha primeggiato Paola Vollmeier Casanova, tra gli uomini Andrea Cairoli
Ticino
20.05.2021 - 18:050
Aggiornamento : 20:20

Citare o no i nomi in cronaca, tra informazione e codice

Il tema è sollevato da uno studio realizzato dall’Istituto di media e giornalismo dell’Usi per conto dell’Associazione ticinese dei giornalisti

Da dieci anni esatti, da quando in Svizzera è entrato in vigore il Codice di diritto processuale penale unificato, meglio noto come Codice di procedura penale (Cpp), il lavoro del cronista giudiziario o di nera è diventato molto più difficile se non impossibile. Il rischio d’incorrere nei rigori della legge è altissimo. L’articolo 74 di questo codice disciplina l’informazione al pubblico e quindi il diritto di cronaca. In particolare, al cpv 4 della stessa norma, si precisa che “qualora sia coinvolta una vittima, le autorità e i privati possono, al di fuori di una procedura giudiziaria pubblica, divulgarne l’identità o informazioni che ne consentono l’identificazione soltanto se la collaborazione della popolazione è necessaria per far luce sui crimini o per la ricerca di indiziati, oppure la vittima o, se deceduta, i suoi congiunti vi acconsentano”. Una declinazione troppo restrittiva che di fatto rende anonimi quasi tutti i resoconti di episodi di cronaca nera o giudiziaria avvenuti negli ultimi anni in Ticino, si tratti di vittima o autore di reato. Cosa che con il codice di procedure cantonale precedente non avveniva e che invece con il nuovo ha fatto emergere delle contraddizioni palesi, soprattutto nei confronti del pubblico che si trova spesso disorientato di fronte a scelte di fare il nome o no di una vittima o di un autore di reato. Pensiamo a casi clamorosi avvenuti a cavallo della frontiera italo-svizzera. Da una parte si potevano facilmente trovare nei resoconti dei portali internet e dei giornali, tutti i dettagli del fatto di cronaca. Da questa parte del confine poco o nulla. 

Un dettagliato studio sulla situazione vissuta in Ticino solleva per la prima volta la questione pubblicamente con l’intenzione di sensibilizzare il pubblico e la politica a tutti i livelli istituzionali. Il rapporto ‘Citazione dei nomi in cronaca - Libertà di stampa e doveri dei giornalisti’, promosso dall’Associazione ticinese dei giornalisti (Atg) e curato dall’Istituto di media e giornalismo (Imeg) e dell’Osservatorio europeo di giornalismo (Ejo) dell’Università della Svizzera italiana, è stato presentato ieri alla stampa. Tra i relatori, oltre a due degli autori - Philip Di Salvo dell’Imeg ed Enrico Morresi, già presidente della Fondazione del Consiglio svizzero della stampa – anche due giornalisti che si occupano quotidianamente di cronaca giudiziaria: Andrea Manna, vicedirettore del quotidiano ‘laRegione’ e John Robbiani, responsabile della giudiziaria del ‘Corriere del Ticino’. Entrambi sulle medesime posizioni critiche nei confronti della prassi attuale.

Manna ha parlato di «camicia di forza» riferendosi soprattutto all’articolo 74 del Cpp. «È assolutamente indispensabile aprire un dibattito pubblico e cercare di cambiare questo stato di cose in un’epoca in cui i social network hanno in pratica campo libero in questo ambito». In pratica quello che non si può scrivere sui giornali e media elettronici tradizionali (radio e tv), lo si ritrova sui social. «Come redazioni siamo sollecitati da lettori che ci chiedono come mai scriviamo di ex funzionario del Dss accusato di reati sessuali oppure di un ‘celebre commerciante luganese’ accusato di incendio intenzionale senza fare nomi. Nomi del resto noti a molti». Colpa di norme nate per tutelare le vittime di reato, ma che diventano di fatto censorie quando si tratta di casi di rilevanza pubblica. «Almeno prima – ha proseguito Andrea Manna – c’era questa regola aurea per cui il nome dell’accusato che finiva davanti alle Corte delle assise criminali si faceva e basta. Si sottaceva il nome di chi finiva davanti alla Corte delle assise correzionali perché la prospettiva di pena era più lieve. Se quest’ultimo però era un personaggio minimamente noto al pubblico, anche in questo caso il nome lo si faceva».

Dell’esigenza di regole chiare per chi si occupa di cronaca ha parlato anche John Robbiani. «I giornalisti non sono giuristi e le testate locali non possono fare capo ad avvocati seduta stante per sciogliere i dubbi. Anzi, spesso, se si chiede un parere a due legali per la medesima questione si ottengono risposte diverse e contraddittorie», ha affermato Robbiani che ha fatto riferimento a casi che riguardano per esempio la piazza finanziaria e che hanno addentellati anche oltre confine. «I colleghi italiani hanno accesso per esempio alle ordinanze giudiziarie con molti dettagli e si muovono su un terreno più solido rispetto a noi».

Fatto evidenziato da Philip Di Salvo. «In Italia non esistono grandi limitazioni legali alla diffusione dei nomi in cronaca, tranne che per situazioni molto particolari (minori e vittime di reati sessuali, ndr). C’è però la pratica delle querele temerarie che mettono pressione su chi si occupa di inchieste giornalistiche. L’autocensura è dietro l’angolo».

«I giornalisti hanno il dovere d’informare il pubblico. La libertà di stampa è un pilastro fondamentale della democrazia occidentale. Negli Usa o nel Regno Unito tale libertà non è messa in discussione in nessun modo. La Svizzera anche se si rifà a una prassi più vicina a quella del nord Europa o dei paesi di lingua tedesca, ha in realtà una situazione peggiore che deve essere cambiata dal legislatore. La mozione di Fabio Abate, già consigliere agli Stati, bocciata a marzo dello scorso anno, aveva colto nel segno chiedendo di allentare la legge e di tenere conto dell’avvento dei social. Qualcuno a Berna dovrà riprendere la questione», ha concluso Enrico Morresi.

Il prossimo 9 giugno, ha ricordato da parte sua Roberto Porta, presidente dell’Atg, il rapporto sulla citazione dei nomi in cronaca verrà presentato durante una serata pubblica al quale sono stati invitati giuristi e politici cantonali e federali. Un tentativo per portare alla loro attenzione un tema vitale per la corretta informazione.

Ti-Press
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved