Langenthal
0
Olten
2
pausa
(0-1 : 0-1)
Langenthal
LNB
0 - 2
pausa
0-1
0-1
Olten
0-1
0-1
 
 
14'
0-1 SALZGEBER
 
 
37'
0-2 CHIRIAEV
SALZGEBER 0-1 14'
CHIRIAEV 0-2 37'
Ultimo aggiornamento: 20.11.2019 21:05
Tutti e 13 gli impiegati partecipano alle lezioni (Foto: Pierre-Yves Thienpont)
Impact Journalism
24.06.2019 - 06:000

Belgio, i dipendenti dell'ostello a lezione di lingua dei segni

L'idea è venuta alla direttrice della catena di ostelli della gioventù: 'L'iniziativa sta facendosi conoscere nella comunità dei non udenti'

Imparare la lingua dei segni: un’idea folle? Non per il personale dell’ostello della gioventù di Bouillon, nel sud del Belgio, che lo scorso gennaio ha deciso di formarsi in questa lingua, poco conosciuta nel settore turistico. L’idea è nata nella testa di Dominique Duchatel, direttrice della catena Les Auberges de Jeunesse, che conta una dozzina di ostelli in tutto il paese: «Io stessa ho seguito lezioni serali di lingua dei segni per tre anni. Questa iniziativa sta iniziando a farsi conoscere nella comunità dei non udenti, così recentemente abbiamo accolto diversi gruppi di persone non udenti. Quindi ho pensato che sarebbe stata una buona idea formare anche tutto il personale». Obiettivo: essere in grado di padroneggiare le basi della comunicazione nella lingua dei segni, naturalmente, ma anche di garantire che questo pubblico speciale sia accolto con gentilezza.

Per raggiungere questo obiettivo, i tredici membri dello staff del Bouillon Youth Hostel possono contare su Annie Devos, un’interprete di lingua dei segni. Ma nel refettorio, dove si svolge la formazione, non si può dire che regni il silenzio. «Non importa quanto li introduca al linguaggio dei segni, uso anche e ancora il linguaggio orale. Questo è importante per renderli consapevoli di certe cose, soprattutto per quanto riguarda il contesto e la cultura della comunità dei non udenti», spiega l’interprete. Una sensibilizzazione alle specificità di questa comunità, che permette soprattutto di smontare idee preconcette. «La prima cosa che una persona udente deve capire è che una persona non udente non è muta. Si esprime semplicemente attraverso modalità differenti. Dobbiamo quindi bandire dal nostro vocabolario le espressioni sorde e mute», insiste Annie Devos. 

La familiarizzazione procede con altre specificità della comunicazione con le persone non udenti. «Alcuni udenti hanno il riflesso di chiamare una persona non udente per via orale. È inutile. Per ottenere la sua attenzione, è necessario colpire il tavolo per causare piccole vibrazioni, fare grandi gesti nel campo visivo o spegnere e riaccendere la luce più volte», dice l’interprete.

Questi sono tutti elementi che permetteranno al personale di facilitare l’incontro tra i residenti udenti e il pubblico non udente. «Nella sala da pranzo, per esempio, se abbiamo un gruppo di udenti e un gruppo di non udenti, possiamo spiegare tutte queste cose agli udenti. Dire loro che fanno un sacco di rumore senza rendersene conto, che bussano sul tavolo per dirsi buon appetito... Questo può favorire la comprensione e l’integrazione», rileva Dominique Duchatel. Una volta conclusa l’importante fase di sensibilizzazione, i corsisti possono iniziare la formazione linguistica, con una prima grande sfida per gli udenti: quella di pensare per immagini. «Gli ascoltatori tendono a concentrarsi sulle parole che vogliono spiegare e cercano di tradurre parola per parola. Ma una persona non udente non ragiona così, pensa per immagini. Quindi occorre forzare il proprio cervello a pensare in questo modo», racconta Devos.

E quale modo migliore per farlo se non attraverso il gioco del mimo? Poi arrivano le prime nozioni di base della lingua dei segni. «Per prima cosa impariamo tutto il vocabolario di base dell’accoglienza: ciao, grazie, arrivederci. Ma cerco anche di non inserire troppo vocabolario, non lo ricorderebbero. L’obiettivo non è che alla fine della formazione siano bilingue, ma che siano in grado di sbrogliarsela», dice l’interprete. Per aiutarli a farlo, Annie Devos ha pensato a tutte le professioni rappresentate all’interno dell’ostello. Dal cuoco alla guida turistica, al personale addetto alla manutenzione, nessuno viene dimenticato. In questo modo, ognuno può assimilare le basi del vocabolario specifico delle proprie mansioni.

Naturalmente bisogna allenarsi a praticare i segni. E se alcune persone sono inizialmente in imbarazzo a provare, le dita e le mani si allentano rapidamente. «È davvero bello, divertente e molto gratificante – dice Jérôme, il vicedirettore dell’ostello –. All’inizio, hai un po’ paura di non essere in grado di farlo, ma in realtà è alla portata di tutti». Un’opinione condivisa dalla collega Véronique, guida turistica: «Impariamo molto e questo ci dà davvero un’apertura. Avevo già adattato le mie visite a persone con disabilità motoria e ai non vedenti, ma mai ai non udenti. Ora posso farlo». 

Questo corso di lingua dei segni, che è stato testato presso l’ostello di Bouillon per nove giorni, viene utilizzato come progetto pilota. Un progetto che potrebbe, nel prossimo futuro, estendersi all’intera rete degli ostelli della gioventù del Belgio. Un’iniziativa che sicuramente piacerà a tutti i belgi interessati dalla sordità. Secondo i dati della Federazione francofona dei non udenti del Belgio, nel 2017 ve ne erano 972,103 ovvero l’8,6% della popolazione.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ostello
lingua
segni
lingua segni
belgio
persona
interprete
idea
comunità
persona udente
© Regiopress, All rights reserved