laRegione
biden-e-la-rabbia-devastatrice-di-trump
Sempre più rabbioso. (keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
L'analisi
14.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:47

Biden e la rabbia devastatrice di Trump

Nessuna intenzione dunque di accettare la sconfitta malgrado la decisione a lui sfavorevole

«Un folle autocrate» lo apostrofa David Axelrod, stratega della campagna elettorale che consentì al primo nero di accedere alla Casa Bianca. La pericolosa deriva politica e mentale del presidente uscente è sotto gli occhi di tutti: via tweet forsennati, Donald Trump lancia proclami infarinati di odio e ferocia. Sempre più rabbioso, ora intende silurare anche il ministro della giustizia William Barr, ex fedelissimo che ha avuto l’enorme torto di considerare del tutto corretto lo svolgimento delle elezioni. Prima di lui, sono cadute come foglie d’autunno schiere di ministri e consiglieri che non accettavano più di far da badanti all’inquilino della Casa Bianca. Oggi il collegio dei grandi elettori sancirà la vittoria di Joe Biden, 306 a 232 con oltre 7 milioni di voti di vantaggio sul 45esimo presidente che ancora ieri ribadiva che si è trattato «della più grande frode della storia americana e che in realtà la vittoria, massiccia, è sua». Nessuna intenzione dunque di accettare la sconfitta malgrado la decisione a lui sfavorevole presa dalla stessa Corte Suprema che pensava di poter facilmente manipolare. Prima della massima istanza giuridica del paese, erano state 50 le corti statali e federali a respingere i ricorsi. Degli 86 giudici che si sono espressi contro le sue assurde argomentazioni, 38 sono di nomina repubblicana. La vittoria del «rule of law» fa tirare un sospiro di sollievo a quella parte della società che ancora crede nel valore di quello stato di diritto, che 4 anni di trumpismo hanno trafitto come un San Sebastiano. Che Trump denunci la stessa corte suprema che avrebbe «truffato il popolo con una decisione disgraziata» non sorprende più. Inquieta però ancor di più il fatto che il golpismo larvato e insistente di Donald Trump trovi un numero elevato di seguaci in quelle istituzioni che della democrazia dovrebbero costituire un baluardo: 2/3 dei deputati repubblicani alla Camera dei Rappresentanti e i ministri della giustizia di 18 Stati lo hanno sostenuto nel tentativo di ribaltare la volontà popolare. Le Monde parla apertamente di «vigliaccheria»: consapevoli che parte dell’elettorato repubblicano (almeno il 70% secondo un sondaggio) imbonito dalle farneticazioni complottiste (in cui appaiono come grandi burattinai anche un presidente da tempo deceduto – il venezuelano Hugo Chavez – nonché una sorta di internazionale pedofila con tanto di bevitori di sangue dei bimbi) non abbandonerà il suo beniamino, antepongono i loro immediati interessi elettorali (per il rinnovo della Camera si voterà di nuovo fra 2 anni) alla difesa delle istituzioni. Con la nomina odierna di Joseph R. Biden Jr. quale 46esimo presidente degli Stati Uniti, la battaglia sembra de facto chiusa. Lo sarà de iure però solo il 6 gennaio quando il vicepresidente uscente Mike Pence dovrà proclamare davanti al congresso il nome del vincitore delle elezioni. Un deputato estremista dell’Alabama ha già annunciato che quel giorno contesterà l’esito delle elezioni: secondo le disposizioni di legge gli basterà il sostegno di un solo senatore per procedere a un voto congressuale con l’obiettivo di annullare la volontà popolare. Come dire che anche se la democrazia liberale americana sembra avere resistito a chi ha cercato di attrezzarne il patibolo, l’uragano Donald ne ha comunque duramente danneggiato l’immagine.

© Regiopress, All rights reserved