trump-non-vuole-ancora-mollare-biden-imbarazzante
Uncle Joe (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

La CNN sospende Chris Cuomo per l’aiuto al fratello indagato

Il presentatore, secondo la Procura di New York, ha usato la sua posizione e i suoi contatti a favore dell’ex governatore accusato di molestie sessuali
Estero
1 ora

La Nuova Zelanda invia 65 peacekeeper alle Isole Salomone

La richiesta è stata fatta dallo stesso governo dell’arcipelago in cui da poco si è placata una violenta rivolta con tre morti e ingenti danni
Estero
2 ore

Tel Aviv stacca Zurigo ed è la città più cara del mondo

La città sulla Limmat è ora quarta, dietro Parigi e Singapore. Damasco la città più economica, complice il crollo della valuta rispetto al dollaro
unione europea
11 ore

Natale ‘censurato’, l’Ue ritira il documento

Il dietrofront dopo le polemiche: i cattolici esultano. Bruxelles: ‘Volevamo essere inclusivi, ma abbiamo sbagliato le linee guida’
germania
11 ore

Fece morire di sete bimba yazida, ergastolo a jihadista

A Francoforte condanna storica per genocidio dell’Isis. L’uomo teneva schiava la piccola e sua madre
norvegia
11 ore

Breivik ha inviato minacce ai sopravvissuti di Utoya

Il comitato delle vittime: ‘Manda lettere dal carcere, è inaccettabile’
Estero
11 ore

Sparatoria in un liceo del Michigan, almeno tre morti

Il presunto killer avrebbe 15 anni ed è stato fermato dalla polizia, lo riportano i medi americani
Estero
12 ore

Zemmour, il fondamentalista ributtante

Il polemista e paladino della destra francese, xenofobo e reazionario, si candida ufficialmente per l’Eliseo
Estero
14 ore

Prime indicazioni da Israele: ‘Con tre dosi protetti da Omicron’

Il ministro della Sanità: ‘Le prime indicazioni mostrano che coloro che hanno un richiamo sono molto probabilmente protetti contro questa variante’
Estero
15 ore

Boris Johnson: ‘Terza dose a tutti entro fine gennaio’

In Gran Bretagna la campagna vaccinale riprenderà ai ritmi iniziali, con la riapertura di centri extra e l’impiego di 400 militari
Estero
15 ore

La Germania valuta misure specifiche per i non vaccinati

Oltre all’obbligo vaccinale, al vaglio l’introduzione di una limitazione dei contatti soprattutto per chi non ha ricevuto le due dosi
Estero
15 ore

47mila casi in Francia: ‘La situazione si sta aggravando’

Il ministro della Salute Olivier Véran fa leva sulla necessità di ampliare la campagna di richiamo per quanto riguarda le vaccinazioni
Estero
19 ore

‘In Cina la stretta sugli uiguri fu pianificata dal Pcc’

È quanto scrive il Guardian citando documenti segreti diffusi online, fra cui tre discorsi di Xi Jinping del 2014
Usa
10.11.2020 - 23:000
Aggiornamento : 11.11.2020 - 15:32

Trump non vuole ancora mollare. Biden: 'Imbarazzante'

Esattamente quattro anni fa, il 10 novembre 2016, Donald Trump e Mike Pence erano già alla Casa Bianca. Sembra un'altra epoca

a cura de laRegione

Esattamente quattro anni fa, il 10 novembre 2016, Donald Trump e Mike Pence erano già alla Casa Bianca, ricevuti da Barack Obama e dall'allora vicepresidente Joe Biden. A soli due giorni dall'Election Day si avviava così la transizione con il passaggio di poteri da un'amministrazione all'altra. Oggi, passata una settimana dal voto, di tutto ciò non c'è traccia, con il presidente uscente, appoggiato da gran parte del partito repubblicano, che si rifiuta di concedere la vittoria a Biden continuando ad agitare lo spettro di brogli. "Le elezioni non sono finite", ha detto con estrema chiarezza la portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, ipotizzando alla fine un ribaltamento del risultato elettorale. Il rifiuto di Trump di riconoscere la sconfitta "è imbarazzante", ha attaccato Biden, ostentando però sicurezza sulle sorti del processo di transizione: "E' già in corso, nulla ci può fermare. Il rifiuto del presidente non avrà molte conseguenze, possiamo andare avanti anche senza fondi e senza briefing. E comunque - ha aggiunto Biden - non vedo l'ora di parlare con lui".

Il fatto è però che di ora in ora diventa sempre più difficile per Biden e la sua squadra svolgere il proprio compito, tanto che gli avvocati stanno già valutando d'intraprendere un'azione legale contro l'amministrazione Trump, accusandola di ostacolare illegalmente il normale corso degli eventi. Per ora infatti gli uffici che dovrebbero riconoscere formalmente la presenza di un presidente eletto, sbloccando anche i fondi per la transizione, si sono rifiutati di farlo. Tutto dipende dal numero uno della General Services Administration, Emily Murphy, nominata da Trump: la sua posizione è che siamo di fronte allo stesso scenario del 2000, quando la vittoria tra Al Gore e George W. Bush fu in dubbio per settimane. Intanto la squadra di legali di Trump ha fatto causa alla Pennsylvania, lo Stato che ha dato la vittoria a Joe Biden, denunciando una presunta violazione della Costituzione: durante lo spoglio si sarebbe ricorso a un "doppio standard" per valutare i voti in persona e quelli per posta, usando meno rigore nell'accertare la validità di questi ultimi.

L'accusa di violazione costituzionale lascia presagire l'intenzione della campagna di Trump di arrivare in fondo alla questione, fino a portare il caso davanti alla Corte Suprema. Ma l'offensiva legale scatenata da Trump riguarda tutti gli Stati che gli sono stati strappati da Biden, o dove Biden è in testa: dunque non solo la Pennsylvania, ma anche il Wisconsin, il Michigan, il Nevada, l'Arizona e la Georgia. "Vinceremo alla grande", ha twittato il presidente, parlando di "risultati che cominceranno ad arrivare la prossima settimana". Mentre il segretario di Stato Mike Pompeo ha promesso sì una "fluida transizione", ma verso una seconda amministrazione Trump. E anche il ministro della Giustizia William Barr ha dato il via libera per avviare tutte le indagini del caso di fronte ad "accuse rilevanti" di frode elettorale.

Insomma, l'America rischia di trovarsi di fronte al dopo elezioni più turbolento della sua storia. Anche se esiste un termine entro il quale tutte le dispute legali dovranno essere decise: l'8 dicembre. Questo per permettere la settimana dopo, il 14 dicembre, l'elezione formale del presidente da parte dei grandi elettori. Ma se la situazione di stallo dovesse perdurare sarà alla fine la Camera a decidere chi è il vincitore. Un paradosso emerge poi in queste ore. Se Biden in casa fatica a veder pienamente riconosciuta la sua vittoria, la gran parte dei leader mondiali sembra ormai aver definitivamente scaricato Trump, salutando l'elezione dell'ex braccio destro di Obama a nuovo presidente degli Stati Uniti. Lo hanno fatto Emmanuel Macron, Angela Merkel e persino un alleato di Trump come Boris Johnson (tutti e tre oggi hanno avuto un colloquio telefonico con Biden). "Vogliamo rilanciare i rapporti transatlantici, inclusi quelli con la Nato e con la Ue", il messaggio del presidente Usa eletto all'inquilino dell'Eliseo. A congratularsi nel pomeriggio è stato anche il leader turco Recep Tayyip Erdogan, mentre restano "in attesa dei risultati ufficiali" Vladimir Putin e Xi Jinping.

Dietro le quinte, comunque, si comincia già a pensare al 2024. La famiglia Trump infatti guarderebbe già all'ipotesi di una ricandidatura di Donald fra quattro anni e sarebbe pronta a lanciare un'opa per acquisire il controllo del Partito repubblicano. I più attivi in queste ore sarebbero Donald Trump Junior, primogenito del presidente uscente, e la fidanzata Kimberly Guilfoyle, ex volto televisivo di Fox e attiva nella raccolta fondi per Trump. Una parte del partito sembrerebbe preferire questa soluzione piuttosto che tagliare fuori i Trump dopo la sconfitta, visto l'enorme seguito elettorale che comunque il presidente uscente ha dimostrato di avere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved