laRegione
Nuovo abbonamento
l-europa-e-il-suo-virus
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
23 ore

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
23 ore

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
1 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
2 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
3 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
4 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
4 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
6 gior

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
Commento
6 gior

Giudici, Merlini e agli altri i pomodorini

Ansia e imbarazzo in casa liberale radicale a Locarno dopo le dimissioni di Salvioni. Oppure era tutto previsto
DISTRUZIONI PER L'USO
6 gior

Quello dei permessi non è un problema solo per gli stranieri

L'idea che una "chiara scelta politica" generi frizioni col diritto dovrebbe preoccupare tutti. Come pure certi controlli vessatori
Commento
1 sett

Lo scudo magico alla 'stupidaggine'

Capacità critica, pensare con la propria testa, non appiattirsi sulle opinioni altrui aiuta i giovani ad evitare pericolosi tunnel
Commento
1 sett

I nostri anziani chiusi nel fortino: è giusto?

Paura e prevenzione continuano a farla da padrone, ma c’è chi sta raccogliendo firme per 'liberarli'. Che fare?
L'analisi
06.04.2020 - 06:300
Aggiornamento : 09:11

L'Europa e il suo virus

La crisi economica indotta da quella sanitaria potrebbe avere tra le vittime anche il progetto comunitario

Quello che non è finora riuscito all’aggressività degli schieramenti nazional-sovranisti, potrebbe oggi riuscire ad un.... virus. Negli ultimi due decenni, pur con tutti i suoi difetti, la sua mancanza di visione, i suoi egoismi, la sua assenza di progettualità, la sua disunione, l’Europa (Ue) èrimasta in piedi. Sempre più traballante, ma in piedi. Non c’era stata la spallata finale. Non l’avevano schiantata le turbolenze del debito pubblico (d’origine statunitense), la crisi dell’euro, la sfacciata dissidenza dei membri dell’est europeo, la tragedia greca, la vergognosa gestione dei migranti, lo strappo della Brexit, e la crescente ostilità della Casa Bianca di Trump. Ma stavolta, a causa della grande emergenza sanitario-economica innestata dalla pandemia da coronavirus, il “pericolo è mortale”, come ha ammonito Jacques Delors, il grande vecchio dei “sogni che furono”.

La solidarietà non si reinventa (se c’è mai stata) in un paiodi mesi, dopo che per lungo tempo é stata minata, cancellata, mortificata e quasi espunta dalla carta europeista. Privandola del senso stesso della sua esistenza. Allontanandola da fette sempre più importanti dei suoi cittadini. Affidandola alle sole ‘regole gelide’ del mercato. E gonfiando le vele dei suoi oppositori interni (molti) e internazionali (potenti, non solo la Casa Bianca ma anche il Cremlino). Vero virus del progetto europeo. Che ora inevitabilmente presenta il conto. Con la fatica, anzi i netti contrasti, che segnano il confronto su quali, quante e quanto condivisibili armi usare contro il devastante nemico comune.

Sì o no agli Eurobond (titoli di debito comunitario), quale intervento della Banca europea di Investimento, che manovre da parte della Bce, quanto mettere nel “Sure” (il programma contro la disoccupazione) proposto dalla Commissione: insomma come procurarsi quella montagna di liquidità che, insieme agli interventi nazionali (ora che il dogma anti-deficit è congelato), dovrebbero garantire fra l’altro quella montagna di liquidità indispensabile a evitare una moltitudine di fabbriche fallite, nuovi eserciti di disoccupati e sotto-occupati, innumerevoli piccoli imprenditori e artigiani messi in ginocchio, senza dimenticare quella povertà e disuguaglianza che il maledetto morbo ha subito fatto emergere. “Whatever it takes”, come avrebbe detto (e in fondo ha appena ripetuto) Mario Draghi: “a qualunque costo”. Ma, appunto, quale bazooka comune assemblare in un’Europa puntualmente fratturata fra i rigoristi frugali del Nord (Germania e Paesi anseatici) e quelli del Sud della spesa allegra?
È vero che meno debito pubblico hai e più risorse avrai. Ma stavolta il classico, e in parte logoro, schema delle “formiche” e delle “cicale” lascia il tempo che trova. Questa non è una crisi “asimmetrica”, dove uno o più partner sono colpevoli della tragedia; é invece una “crisi simmetrica”, in cui ci stanno dentro tutti senza responsabilità specifiche:
quelli più devastati dalle spese per l’emergenza sanitaria e per l’economia falcidiata; e quelli meno colpiti ma consapevoli (o dovrebbero esserlo) che non soccorrere paesi come Francia, Italia, Spagna e gli altri del cosiddetto “fronte mediterraneo” avrebbe conseguenze nefaste per tutta l’Ue in termini di consumi interni, esportazioni, competizione internazionale, produttività, componentistica transnazionale. Se così fosse, e se si aggiungesse la tentazione dei più forti di fare shopping nei paesi partners fortemente indeboliti, l’Ue rischierebbe davvero il suo funerale (e non sarebbe una festa nemmeno per l’economia svizzera). Volendo, un’Europa davvero compatta avrebbe una forza di fuoco da far invidia anche al Trump dei “duemila miliardi” messi sul tavolo della crisi. Ma non si può rispondere a una minaccia storica con dogmi vecchi come l’austerity. Arma spuntata. E fuori tempo. Ancor più oggi.

Mentre tacciono i cantori del “meno Stato”.

© Regiopress, All rights reserved