ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
12 ore

A Carnevale ogni firma vale?

Si dice che in amore e in guerra tutto sia lecito, ma vale lo stesso nella democrazia diretta?
IL COMMENTO
12 ore

Il pallone sgonfiato e la guerra della disinformazione

È probabile che il pallone non costituisse una vera minaccia, ma la sua presenza nei cieli americani ha assunto una forte valenza geopolitica
IL COMMENTO
2 gior

I due estremi del cerchio

Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
3 gior

L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto

Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
4 gior

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
5 gior

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
6 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
1 sett

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
1 sett

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 sett

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
laR
 
23.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:21

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio

la-metamorfosi-del-franco-da-kriptonite-ad-acquasanta
Ti-Press
I tassi d’interesse tornano in terreno positivo dopo quasi otto anni
In questo articolo si parla di:
  • Le autorità della Bns hanno ribadito quanto l’eventuale apprezzamento del franco non sia più un problema
  • Con i tassi d’interesse positivi si premia il risparmio, mentre viene penalizzato il credito. Dunque, si raffredda l’economia
  • Negli Stati Uniti Joseph Stiglitz ha chiesto alla Fed di sospendere l’inasprimento della politica monetaria

 

La metamorfosi del franco è avvenuta in tempi piuttosto rapidi. Non così rapidi come quelli di Gregor Samsa, per carità. Ma insomma, nel giro di poco il franco forte (anche noto come Superfranco, ©Bruno Machado) è passato da kryptonite ad acquasanta dell’economia svizzera. Si direbbe sia questo uno dei messaggi contenuti "tra le righe" della decisione della Banca nazionale di alzare il tasso guida della politica monetaria di 75 punti base. Una decisione che riporta i tassi d’interesse in terreno positivo dopo quasi otto anni: dal -0,25 al +0,50 per cento.

Le autorità della Bns hanno ribadito quanto l’apprezzamento del franco non sia più un problema, anzi: ritengono che possa essere un valido strumento per contrastare l’inflazione. In particolare, se si tiene conto che buona parte dei rincari riguarda prodotti importati (soprattutto energia, alimenti e materie prime). Ecco perché proprio il differenziale di cambio nei confronti di dollaro ed euro – spiegano i tecnici – permette al nostro Paese di attutirne l’impatto. In Svizzera, in effetti, l’inflazione allo stato attuale è parecchio più bassa rispetto ai Paesi membri dell’Ue e agli Stati Uniti.

Di fronte a questo scenario potremmo chiudere gli occhi e ripetere "jusqu’ici tout va bien", un po’ come faceva il protagonista de ‘La Haine’ mentre precipitava da un edificio di cinquanta piani. Il problema però, ce lo ricorda bene il film di Mathieu Kassovitz, "non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio". Di fatto l’inasprimento della politica monetaria decisa dalla Bns comporta ben altre conseguenze, oltre alla parziale protezione dell’economia svizzera dall’inflazione importata dall’estero.

Con i tassi d’interesse positivi si premia il risparmio, mentre viene penalizzato il credito. Dunque, si raffredda l’economia. Il possibile calo dei consumi e della produzione potrebbe facilmente portare a fallimenti aziendali e a tagli dei posti di lavoro. Tutto ciò senza alcuna garanzia di riuscire a calmierare la dinamica dei prezzi, visto che essa non risponde a un eccesso di domanda, ma piuttosto a delle strettoie dal lato dell’offerta. L’aumento dei tassi pone anche in grosse difficoltà Stati (compresi Cantoni e Comuni), imprese e famiglie indebitate. Inoltre fa crescere di molto la possibilità di una crisi del mercato ipotecario, soprattutto considerando che il rialzo deciso ieri dalla Bns non sarà l’ultimo. Non si può nemmeno escludere, a questo punto, l’ipotesi di un rincaro degli affitti che accompagni l’incremento dei tassi ipotecari. Dulcis in fundo: è ben noto quanto il franco troppo forte renda meno competitive le esportazioni svizzere; era infatti questo il motivo per cui, per anni, la Bns ha lottato per contenere il suo rafforzamento, un po’ con i tassi negativi e soprattutto con grandi interventi nei mercati dei cambi, talmente massicci che oggi sono proprio le posizioni in valuta estera a spiegare le ingenti perdite registrate dalla Banca nazionale nel primo semestre (-95 miliardi). Un risultato che, tra l’altro, mette in forte dubbio la possibilità di ridistribuire degli utili a Confederazione e Cantoni alla fine dell’anno.

Negli Stati Uniti Joseph Stiglitz ha chiesto alla Fed di sospendere l’inasprimento della politica monetaria: il rischio, secondo il premio Nobel, è quello di far precipitare l’economia statunitense in recessione. In America non è stato ascoltato. Potremmo farlo noi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved