ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
8 ore

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
2 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
3 gior

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
5 gior

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
laR
 
02.09.2022 - 05:15
Aggiornamento: 23:13

Il costo della vita e il costo della guerra

La situazione relativa all’energia è parecchio complessa: c’entrano il conflitto in Ucraina, la siccità e le storture del mercato europeo

il-costo-della-vita-e-il-costo-della-guerra
Ti-Press
Nella migliore delle ipotesi quest’inverno l’elettricità sarà molto più cara

Non ha tutti i torti Yanis Varoufakis quando dice (anzi, quando urla) dalle colonne di ‘Project Syndicate’ che bisogna "fare scoppiare" il mercato europeo dell’energia. In parte la spiegazione al problema del rincaro dell’elettricità in Svizzera arriva proprio dalle storture del settore energetico dell’Ue, visto che l’approvvigionamento della Confederazione dipende in buona misura dalle importazioni da Paesi europei come la Francia, la Germania e l’Italia.

Dalla fine degli anni Novanta Bruxelles ha voluto simulare un mercato competitivo dell’energia in cui il prezzo finale dell’elettricità non dipende dalla fonte usata per ottenerla, ma in ogni momento è lo stesso per tutti i vettori in una specifica zona geografica, ed è sempre determinato dall’ultima centrale elettrica presa in considerazione per soddisfare la domanda di energia, ovvero – seguendo un ordine di merito decrescente – dalle centrali a gas. Risultato: si pagano "come se fosse gas" anche approvvigionamenti di tutt’altro tipo.

È chiaro che quando si parla di gas si parla di Russia e della sua guerra d’invasione contro l’Ucraina, che ha portato a livelli esorbitanti il prezzo del metano di cui i russi sono il principale fornitore per l’Europa. E per quanto Putin abbia sbagliato a prevedere che sarebbe bastata una guerra breve per sottomettere Kiev, il satrapo di Mosca pare aver fatto i conti giusti in campo economico. La dipendenza energetica europea dal gas è infatti l’arma sulla quale il presidente russo sapeva di poter puntare per rispondere alle sanzioni occidentali.

Per certi versi l’attuale crisi richiama quella scaturita negli anni Settanta dalla guerra dello Yom Kippur (1973), quando gli Stati arabi dell’Opec tagliarono le forniture di greggio agli Usa e ai Paesi occidentali che sostenevano Israele. Oggi Mosca preferisce bruciare metano al confine con la Finlandia piuttosto che venderlo alla Germania (secondo un’analisi di Rystad Energy, l’impianto di Portovaya sta bruciando ogni giorno 4,34 milioni di metri cubi di gas naturale).

In tutto questo è curioso come in Svizzera la destra populista, invece di osservare quanto la guerra scatenata da Putin rappresenti un costo per tutti, preferisca puntare il dito contro le sanzioni occidentali alle quali il Consiglio federale ha opportunamente aderito. Il fil rouge (o cavo di rame, se preferite) che collega il conflitto in Ucraina alle difficoltà di approvvigionamento energetico nel nostro Paese è innegabile. Pretendere che magiche ricette nucleari consentano l’autarchia energetica della Confederazione, piccolo Stato in mezzo all’Europa, è tanto illusorio e demagogico quanto spingere per una politica estera di neutralità "integrale", che non tenga conto né del diritto internazionale né, tantomeno, dei rapporti con l’Ue.

A dire il vero la situazione relativa all’energia è parecchio complessa, anche perché nonostante in Europa si stia già parlando di procedere al ‘decoupling’ tra energia e gas, al discorso della guerra in Ucraina si aggiunge la questione ambientale. In effetti per un Paese come il nostro, che produce il 60% della sua energia da fonti idroelettriche, la siccità costituisce un altro fattore importantissimo che spiega perché nella migliore delle ipotesi quest’inverno l’elettricità sarà molto più costosa. Nella peggiore, invece, la corrente non basterà per tutti. Nemmeno per le luci di Natale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved