ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
19 ore

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
1 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
2 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
3 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
4 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
5 gior

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett

Erdogan e il gioco delle tre carte

Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett

L’isola delle rose

Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
Commento
1 sett

Federer, il più amato

Lo svizzero è stato superato da Nadal e Djokovic come numero di Slam vinti, eppure è la dimostrazione che certi talenti occupano un posto speciale
laR
 
05.03.2022 - 05:30

Guerra in Ucraina: vita e morte dello Stato assolutista

La storia dell’assolutismo in Russia può tornare utile nel tentativo di comprendere le motivazioni che soggiacciono all’incursione militare di Putin

guerra-in-ucraina-vita-e-morte-dello-stato-assolutista
Wikipedia/Keystone
Da Pietro il grande a Valdimir il malefico

Grazie al trattato di Andrusovo, nel 1667, lo Stato zarista ottenne la parte orientale dell’Ucraina, dall’altro lato del Dnepr, inclusa Kiev. Poi, con il trattato di Nystad del 1721, dopo aver sconfitto la Svezia, le frontiere russe arrivarono al Mar Baltico: Livonia, Estonia, Ingria e Carelia diventarono parte dell’impero russo e così venne garantito l’accesso marittimo diretto a Occidente. Nel 1783 ebbe luogo invece l’annessione "definitiva" della Crimea: sul nuovo litorale zarista furono fondate le città di Sebastopoli e Odessa, una porta verso il Mediterraneo.

La storia della genesi dello Stato moderno in Russia è assai interessante e può tornare utile nel tentativo di comprendere le motivazioni che soggiacciono all’incursione di Putin in Ucraina.

Nel suo minuzioso lavoro di ricostruzione delle tappe che diedero vita e morte allo Stato assolutista in Europa, lo storico britannico Perry Anderson descrive in modo lucido le caratteristiche dell’assolutismo russo, "l’unico Stato assolutista europeo che arrivò intatto al Ventesimo secolo". La forza e la stabilità dello zarismo, secondo l’autore, erano date da un patto mai infranto tra monarchia e nobiltà: la lealtà politica dell’oligarchia veniva scambiata con il favoreggiamento economico preteso da quest’ultima.

In questi giorni è possibile osservare come la struttura del potere nella società russa non sia radicalmente cambiata rispetto al XIX secolo, anzi. Provare a capire il contesto socioeconomico in cui si fonda la leadership di Putin è importante perché ci consente di non cadere nella visione feticistica del ‘malefico Vladimir’. E non perché egli non lo sia: Putin è sicuramente il massimo responsabile dell’ignobile guerra iniziata dal suo Paese. Allo stesso tempo, però, rimane uno strumento che rappresenta e difende gli interessi di una élite che con l’Euromaidan di fine 2013 si è sentita "minacciata".

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, dunque, può anche essere vista come la reazione atroce e disperata di una classe dominante russa che ritiene a rischio la base oggettiva della sua dominazione. Un "pericolo" che viene raffigurato nell’eventuale espansione a est della Nato. Eppure anche questo è un simbolo: il timore di Mosca riguarda soprattutto l’avanzamento verso oriente del modello economico e culturale (per nulla perfetto) delle democrazie occidentali, non solo dell’alleanza militare. Un discorso che può riportare alle nostre menti il mondo bipolare della Guerra fredda, ma che in realtà ha le sue radici in un periodo storico precedente.

Oggi il paradosso sta nel fatto che il tentativo russo di "difendere" i propri interessi attraverso l’abominevole e anacronistica invasione dell’Ucraina, può finire per accelerare certe dinamiche che portino a uno scenario di contrapposizione tra l’élite politico-militare e l’oligarchia moscovita: ciò sarà determinato in particolare dalla profondità della crepa nell’economia russa che le sanzioni decise dagli Stati Uniti e dall’Unione europea (alla quale si è agganciata la Svizzera) riusciranno ad aprire.

Più che da un confronto bellico tra potenze, che nessuno può augurare, la strada verso una stabilità duratura in Europa sembra piuttosto passare da un cambiamento intrinseco alla società russa: per l’Ancien Régime di Mosca, sopravvissuto a Napoleone, a Hitler e perfino a Stalin, è giunta l’ora di scomparire.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved