tanti-complici-e-un-solo-invasore
Un cartello con la scritta “criminale di guerra” e il volto di Putin (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
9 ore

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
1 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
1 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
3 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
4 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
6 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
6 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

Commento
1 sett

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
1 sett

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
laR
 
25.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19:04

Tanti complici e un solo invasore

La guerra in Ucraina è stata cercata e voluta da Mosca e da nessun altro. Chi sta con Putin mente o si fa abbindolare dalle sue grossolane bugie

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Incapaci, inadeguati, pachidermici e novecenteschi. Pochi giorni fa, quando la valanga che si è abbattuta ieri sull’Ucraina era ancora una palla di neve, su questo giornale avevamo guardato da lontano il ping pong diplomatico stanco e fuori tempo massimo imbastito dalla Russia e dall’Occidente. Se le responsabilità di ciò che stava accadendo non erano e non potevano essere distribuite in egual misura, si poteva almeno attribuire a tutti – senza mettersi a giocare a "trova le differenze" – la colpa di essere figli di un mondo che non c’è più e di replicarlo quasi orgogliosamente fino allo sfinimento, come se non esistessero alternative alla Guerra fredda, alle radio a transistor e alla mazurca.

Oggi che l’invasione russa non è più un’ipotesi, ma un fatto compiuto, che ci sono colonne di soldati che scavallano frontiere di pasta frolla e colonne di fumo a fare da sfondo alle città ucraine, oggi che basta affacciarsi un attimo su Twitter e aprire un filmato tra tanti per vedere in casa propria la guerra che entra in casa degli altri, il "trova le differenze" è così evidente da aver perso ogni ragion d’essere: c’è un invasore, la Russia, che sta facendo la guerra a uno Stato sovrano. Di quell’invasore sappiamo molte cose, ma non tutte. Sappiamo però che è bugiardo e che alle bugie – quando si inizia a raccontarle – non c’è mai fine, come al peggio.


"Europa, è la tua guerra"

Putin voleva solo l’Est dell’Ucraina? E allora perché invadere il Nord, lanciare bombe su Kiev e a poche decine di chilometri dalla Polonia? Il giorno in cui gli chiederemo se per caso, preso l’abbrivio, voglia invadere anche l’Estonia, la Lituania o la Lettonia e risponderà "no", gli crederemo? Fabbricare menzogne, riscrivendo la storia dell’Ucraina per dare un pretesto fragile alla voglia di menar le mani, è stato talmente facile che – di frottola in frottola – Putin può arrivare ovunque se non lo si ferma per tempo. E invece.

Il governo svizzero, che ha condannato Mosca, rimpallando all’Ue la decisione sulle sanzioni; l’Europa viaggia in ordine sparso, ognuno frugando nelle tasche dei propri interessi; gli Stati Uniti, dopo aver previsto l’invasione per una dozzina di volte, alzano davvero la voce solo a cose fatte. Ma l’Occidente non è un giudice: il suo ruolo non è (solo) condannare, ma trovare una soluzione affinché la guerra non inizi, o perlomeno finisca il più in fretta possibile.

Insomma, chi potrebbe fare qualcosa parla e non fa. E chi potrebbe parlare tace o parla a vanvera: qui entriamo in quella folta schiera di benaltristi, commentatori da bar e da divano, pro-russi a pagamento e gratis, politici con piedi in talmente tante scarpe da non ricordarsi più a chi devono rendere conto dovendo rendere conto a tutti, gente che ha barattato da tempo la propria faccia con il voto dei più disattenti ed egoisti. C’è poi quella sinistra imbalsamata come Lenin che guarda il presente con mappe, libri e occhi di un secolo fa: in cui i loro buoni usano il cirillico e continuano a stare sempre e comunque a Est. Una testardaggine cieca che li porta a tifare per chi usa metodi fascisti, a dimostrazione che non solo la Terra è rotonda, ma lo è anche lo spettro delle ideologie che, portate all’estremo, finiscono per toccarsi.


"Fermate Putin adesso"

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra invasore kiev mosca russiaucraina vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved