Yverdon-sport Fc
Sciaffusa
20:30
 
FC Stade Ls Ouchy
Xamax
20:30
 
Aarau
Winterthur
20:30
 
MEKTIC N./PAVIC M.
CACIC N./DJOKOVIC N.
20:30
 
CILIC M. (CRO)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
1
2 set
(4-6 : 0-0)
Zurigo
Bienne
19:45
 
Friborgo
Berna
19:45
 
Ginevra
Lakers
19:45
 
Losanna
Davos
19:45
 
Olten
Langenthal
19:45
 
La Chaux de Fonds
Turgovia
19:45
 
Sierre
Visp
20:00
 
Ticino Rockets
GCK Lions
20:00
 
Winterthur
Zugo Academy
20:00
 
vaccini-monopolizzati-dai-paesi-ricchi-al-sud-le-briciole
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
14 ore

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
1 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
2 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
2 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
3 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
4 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
4 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
4 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
6 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
6 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
Commento
 
01.02.2021 - 06:100
Aggiornamento : 16:11

Vaccini monopolizzati dai paesi ricchi, al Sud le briciole

Nessuno si salva da solo, nessuno è protetto se non lo siamo tutti. L'egoismo cieco e il boomerang che rischia di tornarci dall'Africa

Hanno venduto la pelle dell'orso prima di averlo catturato. È quel che vien da dire, da ignoranti cittadini, osservando prima il marketing ossessivo ed ora ritardi e promesse non mantenute, dei colossi della farmaceutica, che in un mercanteggiare senza precedenti, tra contratti blindati (anche se ci sono in ballo soldi pubblici!) e corsie di accesso prioritario ai più ricchi, hanno promesso milioni di dosi dei loro vaccini ancora prima di sapere se fossero sicuri, efficaci e se potevano effettivamente consegnarli. Chi può (come Cina, Russia, India) ha studiato, prodotto e distribuito il vaccino in casa. Gli altri devono servirsi ud una sorta di bazar, dove si acquista un po’ alla cieca, giocando su più tavoli per minimizzare i rischi. A puntare sono soprattutto i paesi ricchi, gli altri stanno a guardare impotenti, aspettano, sperando almeno nelle briciole. 

La Svizzera, come spiega il professor Ceschi sul giornale ha puntato su Pfizer, Moderna, Astra Zeneca (tutte in ritardo con le consegne pattuite) e ha aperto trattative anche con Johnson&Johnson per garantire ai cittadini elvetici il meglio delle cure sul mercato e all'economia una ripartenza veloce. Dopo la prima consegna, lo stop: la campagna rallenta, perché il Ticino ha ricevuto 12'300 in meno da Moderna e 7'800 dosi in meno da Pfizer (il cui ceo Albert Bourla, riportava il Sole 24 ore, a novembre ha venduto quote di Pfizer per 5,6 milioni di dollari nel giorno che è stata comunicata l’efficacia del vaccino). Ciascuno faccia le sue riflessioni.
L’efficienza elvetica serve a poco se non c’è la materia prima. Va detto, che la logistica funziona come un orologio svizzero: ho accompagnato mia madre a farsi vaccinare settimana scorsa a Bellinzona e sono rimasta colpita dall’estrema gentilezza (la professionalità già me l'aspettavo!) di tutti, dai militi della Protezione civile all’accoglienza a medici e infermieri che ti seguivano nel circuito a tappe, tra un locale e l’altro, in un’atmosfera seria ma al contempo calorosa.   

Siamo nelle mani di questi colossi della farmaceutica e il senso d'impotenza fa salire l’irritazione in Europa, dove alcuni Stati, tra cui la Germania sarebbero pronti a intervenire legalmente contro Pfizer e Moderna per le mancate forniture concordate.  

Inoltre sale lo sconforto, allargando lo sguardo oltre ai nostri confini, più a Sud, e ancora più a Sud, osservando come tante solenni promesse siano state disattese. 

A settembre 76 Paesi ricchi si erano impegnati ad aderire al programma Covax, per un accesso equo ai vaccini co-guidato dall’Oms. Ahimè siamo ben lontani da tutto ciò, il grosso delle dosi rischia di arrivare nei Paesi più poveri, quando quelli più ricchi avranno quasi raggiungo l’immunizzazione di gran parte della loro popolazione. I vaccini dovevano essere una sorta di bene pubblico da condividere, invece assistiamo a quello che l’OMS definisce un ‘pericoloso nazionalismo del vaccino’. Eppure nessuno si salva da solo, nessuno è protetto se non lo siamo tutti. L’egoismo cieco è molto pericoloso, lungimirante sarebbe agire per il bene collettivo, perché è etico e morale e per  non vedersi tornare, come un boomerang, il virus mutato dal Sud del mondo. Durante il vertice virtuale di Davos, il capo di stato del Sudafrica, Cyril Ramaphosa, ha castigato i paesi ricchi, colpevoli di “monopolizzare” i vaccini. Ha invitato coloro che possono permettersi “fino a quattro volte quello di cui hanno bisogno le loro popolazioni” a rendere disponibili le loro dosi in eccesso. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved