laRegione
ammalarsi-non-e-una-colpa-la-responsabilita-e-una-virtu
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
DISTRUZIONI PER L'USO
20 ore

I libertari d’acqua dolce e le sciocchezze sul coronavirus

Per minimizzare la pandemia e screditare certe contromisure si continua a deformare la realtà. Ed è molto pericoloso
L'ANALISI
20 ore

Hacker russi, cinesi e iraniani contro le Presidenziali Usa

L'America è più protetta dagli attacchi informatici di quattro anni fa, ma le vulnerabilità permangono
Commento
1 gior

Caro Vescovo, e le messe online?

L’appello è rivelatore di quanto sia profondo il disorientamento che si sta manifestando anche in parte del popolo dei credenti.
L'analisi
2 gior

Ferocia jihadista contro la Francia laica

Dalle parole incendiarie di Erdogan all’attentato di Nizza. Fra silenzi e reticenze colpevoli, se non complici.
Commento
2 gior

Lo sport protesta ma non fa eccezione

Le misure del Consiglio federale contro gli assembramenti volte a contenere il numero dei contagi colpiscono duramente lo sport. Duro, ma comprensibile
Commento
3 gior

Ehi raga, okkio, arriva il rumorometro!

Così i rumoristi alla guida si divertiranno ancor più e chi continuerà a subire si arrabbierà ancora di più. A meno che...
Commento
4 gior

Regione che vai, Arp che trovi. Ticinesi trattati diversamente

Autorità regionali di vigilanza perennemente in affanno, con poco personale qualificato e cittadini che non vengono trattati allo stesso modo ovunque
Commento
5 gior

Covid, tante voci e il disorientamento aumenta!

Altro che lettere, l’autorità decida misure appropriate e soprattutto spieghi ai cittadini, convincendoli, perché è necessario fare anche nuovi sacrifici
L'analisi
5 gior

Di mascherine e di libertà

Rimaniamo vigili sul pericolo di una deriva anti-democratica, senza però mettere in pericolo la sicurezza di altri: una risposta alla filosofa Francesca Rigotti.
Commento
17.10.2020 - 06:000

Ammalarsi non è una colpa, la responsabilità è una virtù

Questo valore deve nascere in noi prima che a ordinarlo sia lo Stato, e la buona comunicazione da parte di chi decide è la via maestra per crearlo

Essere giovani non significa essere invincibili, ma avere la responsabilità di rappresentare in ogni accezione il futuro che verrà. Il contagio da coronavirus anche in ragazze e ragazzi non appartenenti a gruppi a rischio ci mette, come generazione, davanti a una situazione nuova. Spesso cullati anche troppo, protetti a oltranza da una vita che comunque con i giovani del passato è stata molto meno tenera, oggi abbiamo la possibilità di affermare il nostro posto del mondo. Non solo con titoli di studio, posizioni importanti nel mondo del lavoro, carriere fulgide. Ma proteggendo chi è meno forte di noi. Rispettando un patto etico con gli anziani e i più fragili. Un patto che deve richiamare alla responsabilità ogni individuo, ma ragazze e ragazzi ancor di più. Da questa assunzione di responsabilità imparerà quella che sarà la futura classe dirigente, il futuro insieme di donne e uomini che crescerà un giorno i bambini che saranno adulti tra mezzo secolo. Questo senso di responsabilità deve nascere in noi molto prima che a ordinarlo sia lo Stato con qualche decisione calata dall’alto.

Attenzione, però. Perché ciò avvenga è fondamentale discutere del concetto di colpa, e di tutte le conseguenze che può portare. Alcune molto nefaste. Un malato non è colpevole. Una persona che contrae il virus nell’ambito di una pandemia globale non è colpevole. Un conto è la scellerata sottovalutazione del tutto. Un altro è un momento di disattenzione, o la semplice sfortuna nonostante vengano seguite coscienziosamente tutte le misure sanitarie decise dalla politica. Va spiegato questo alla nostra generazione, ai giovani che ancora non si abituano, pensandosi invincibili, a questa nuova situazione. Va spiegato una volta per tutte che anche noi abbiamo dei nonni, degli amici con persone a rischio in casa, conoscenti con un intervento da subire che potrebbe essere rinviato se gli ospedali tornassero pieni di malati di Covid-19. Ma tutto questo va spiegato trattando tutti gli interlocutori da adulti, non da untori. Dando quella fiducia che è fondamentale se l’obiettivo è ottenere responsabilità. Perché sennò è nient’altro che un ordine, il cittadino che viene privato delle spiegazioni e delle motivazioni diventa suddito. E la reazione è semplice da immaginare.

Questo è un discorso tanto più urgente ora che sono in arrivo ulteriori misure per contenere il contagio e forse altre giungeranno. Il semplice indossare la mascherina in più situazioni e contesti rispetto a quanto prescritto in precedenza, o l’eventualità di restrizioni con perniciose conseguenze per l’occupazione e le condizioni di lavoratori dipendenti e indipendenti, pari sono nel loro bisogno di spiegazione da parte delle autorità e di comprensione da parte dei cittadini. Davanti all’urgenza, e quindi davanti all’assenza di passaggi dalla rappresentanza popolare seduta nei parlamenti, la buona comunicazione sarà la via maestra perché negli individui ci sia la giusta consapevolezza della situazione. E perché nelle nuove generazioni ci sia quel sentimento di vedersi riconosciuti e responsabilizzati che è semplice anticamera del miglior ingresso possibile nella vita adulta.

© Regiopress, All rights reserved