laRegione
il-senso-di-responsabilita-dei-diciottenni-luganesi
Il libro d'onore
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 min

Centro balneare, atteso un passivo quasi raddoppiato

Il lockdown primaverile e le conseguenze dell'attuale recrudescenza di contagi penalizzano il Lido. Che ha già sensibilizzato i Comuni azionisti
Bellinzonese
9 ore

Scuole medie di Lodrino: ampliamento e un sogno (la piscina)

Dal Municipio di Riviera due messaggi per la variante di Piano regolatore e per la permuta dei terreni privati necessari al Cantone
Mendrisiotto
10 ore

Casa anziani Soave di Chiasso, nove residenti positivi

Lo comunica il Dipartimento della sanità e socialità, precisando che per i nove ospiti è stato disposto l'isolamento in camera
Luganese
10 ore

Mortale di Sigirino, la difesa ricorre in Appello

Contro la condanna a 10 anni di carcere per omicidio intenzionale l'avvocato Yasar Ravi impugnerà la sentenza pronunciata dalle Assise criminali
Mendrisiotto
10 ore

Delitto di via Valdani, a processo 5 anni dopo

Rinviati a giudizio padre e figlio, accusati dell'assassinio di un 73enne in un parcheggio sotterraneo di Chiasso
Ticino
11 ore

In Ticino rimandate cresime e prime comunioni

Lo comunica il vescovo di Lugano in una lettera ai ticinesi dopo che Berna ha fissato a 50 il tetto massimo di fedeli ammissibili negli edifici di culto
Locarnese
11 ore

Minusio, preventivo 2021 con disavanzo di quasi due milioni

A pesare sul bilancio sono la pandemia e i suoi strascichi. Moltiplicatore invariato al 78%, una scelta 'politica': ‘È una situazione straordinaria’
Luganese
12 ore

Il colpo di Monteggio, chieste massicce riduzioni di pena

Gli avvocati Galliani e Bordignon avanzano in via principale l'assoluzione per il 40enne e il 63enne. Domani la sentenza.
Luganese
01.10.2020 - 14:390

Il senso di responsabilità dei diciottenni luganesi

Il Covid non ha annullato l'appuntamento che il Municipio di Lugano riserva per i giovani che arrivano alla maggiore età.

Le misure di protezione e di distanziamento sociale hanno imposto quest’anno il cambiamento della location per il ricevimento dei neo-diciottenni di Lugano, che mercoledì si è svolto al Palazzo dei Congressi e non come da tradizione nel più intimo Studio Foce. "Non è cambiato però – come si legge in una nota stampa della Città – lo spirito della cerimonia, che vuole essere un momento di festa e di incontro con chi taglia il traguardo della maggiore età, ma anche di riflessione su temi che stanno a cuore ai giovani e al Municipio". All’evento, in rappresentanza dell’Esecutivo, hanno partecipato il sindaco Marco Borradori e i municipali Roberto Badaracco e Cristina Zanini Barzaghi. Ospite della serata è stata Sharon Scolari, pilota di Formula 3 e talento dello sport ticinese.  

A proposito di traguardi, hanno suscitato molto interesse e curiosità fra i ragazzi e le ragazze l’esperienza di vita non comune di Sharon Scolari e la sua passione per uno sport praticato quasi esclusivamente da uomini. Non hanno lasciato indifferenti le immagini proiettate durante la serata e la sua grinta e perseveranza in pista, che l’hanno portata a conquistare nel 2016 il titolo di vice campionessa europea nella Lotus Cup Europe categoria Open, guadagnato in templi della velocità come Le Mans e Hockenheim. La famiglia come punto fermo della sua vita, che la sostiene e la incoraggia nella sua passione, o ancora le difficoltà lungo il cammino che diventano uno sprone a migliorare e a perseguire i propri sogni: Sharon ha raccontato di sé ai giovani con la spontaneità e la solarità che la contraddistinguono.  

Il sindaco Marco Borradori, durante il suo intervento, ha ricordato l’impegno di molti giovani luganesi che durante la fase più acuta della pandemia hanno dato prova di vicinanza alle persone più fragili e sole che non potevano lasciare la propria abitazione per ragioni sanitarie o di isolamento preventivo. Chi ha portato la spesa o le medicine agli anziani, chi ha offerto parole di conforto e si è reso disponibile in altre forme, con generosità e senso di responsabilità. Tutti hanno dato il loro prezioso contributo e la comunità, nei momenti più difficili, si è dimostrata unita e solidale. Il sindaco, prendendo a esempio l’esperienza di Sharon Scolari, ha poi sottolineato che il talento non ha genere e che ogni giovane deve seguire le proprie inclinazioni e scegliere percorsi formativi e professionali non vincolati da stereotipi. La Città di Lugano aderirà anche quest’anno alla Giornata “Nuovo futuro” che avvicina i ragazzi e le ragazze a lavori e campi di attività inusuali, promuovendo la parità tra uomo e donna. Oltre a firmare il libro d’onore a ricordo della serata, i ragazzi hanno ricevuto in omaggio una borraccia della Città di Lugano e la pubblicazione 'Conoscere conoscersi'. 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved