laRegione
c-era-una-volta-il-servizio-pubblico
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
2 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
3 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
4 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
4 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
5 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
5 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
5 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
Commento
07.10.2020 - 06:050
Aggiornamento : 09:13

C’era una volta il servizio pubblico

La profezia della No Billag si sta avverando al contrario, con i cali pubblicati che vanno verso una Ssr finanziata dal solo canone

Non sono neanche passati tre anni, dalla votazione per l’abolizione del canone radiotelevisivo; eppure tutti i dibattiti e le discussioni che hanno preceduto il voto sembrano appartenere a un’altra epoca. Si discuteva, lo si ricorderà, della possibilità di avere radio e tv finanziate unicamente “dal mercato”, senza quei proventi del canone che sostengono non solo la Ssr ma anche le emittenti private. Adesso il vero interrogativo sembra essere se potremo avere un servizio pubblico radiotelevisivo che si regge unicamente sul canone, senza gli introiti pubblicitari che si riducono sempre più. Gli annunci di riduzioni di budget e organico – 8 milioni e 34 posti resi noti ieri che si aggiungono ai tagli di febbraio – stanno diventando un appuntamento ricorrente, persino più sicuro di un palinsesto che la rivoluzione digitale rende sempre più fluido.

Già, la rivoluzione digitale, le “nuove” – virgolette d’obbligo, ormai parliamo di tecnologie in circolazione da almeno un decennio – abitudini di consumo mediatico: certo sui conti pesa la crisi economica innescata dalla pandemia e dalle misure sanitarie, ma dire “è colpa del Covid” sarebbe semplicistico. Il mondo sta cambiando, anzi è già cambiato e da una parte possiamo usufruire di un’offerta mediatica semplicemente impensabile fino a non molto tempo fa, con centinaia di canali e quotidiani di tutto il mondo facilmente accessibili; dall’altra vediamo un sistema mediatico, e soprattutto pubblicitario, dominato da grandi attori internazionali poco interessati alle specificità di un territorio piccolo come la Svizzera – figuriamoci la Svizzera italiana. La sfida non è solo far fronte a un calo della pubblicità che si sposta su altri fronti più redditizi – grazie anche a pratiche di profilazione degli utenti discutibili, ma questo è un altro discorso –, ma anche raggiungere un pubblico che non ha o non ha più l’abitudine di sedersi davanti al televisore o di accendere la radio.

Le preoccupazioni per l’impatto delle misure di risparmio, gli interrogativi su quanto sarà possibile tagliare ancora senza compromettere significativamente la qualità dell’offerta, i possibili correttivi a livello pubblicitario vanno preceduti da una domanda molto semplice: che tipo di servizio pubblico vogliamo? La domanda è semplice; la risposta ovviamente molto meno, volendo evitare risposte generiche come “di qualità” e “vicina al territorio”, parole vuote con cui forse si può costruire una campagna di marketing, non creare un’offerta mediatica. Qual è il senso di una programmazione generalista in un mondo con un’offerta sempre più ampia e settoriale? Quali possono essere, se ci sono, i punti di forza di un attore mediatico che si sottrae almeno in parte ai ragionamenti di mercato? In un mondo sempre più polarizzato, ha senso inseguire l’ideale di un’informazione neutrale e obiettiva?

Provare a rispondere nello spazio di un editoriale è esercizio poco utile; ma delle risposte, condivise, andranno trovate al più presto.

Possiamo immaginare un futuro non troppo lontano con un servizio pubblico essenziale, sussidiario a un’offerta mediatica globale standardizzata: è il futuro che vogliamo?

© Regiopress, All rights reserved