laRegione
Nuovo abbonamento
coronavirus-e-recessione-la-politica-monetaria-non-basta
Città deserte, industrie ferme, crollo delle Borse. Serve un'azione coordinata tra gli Stati (Keystone9
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
1 gior

La solidarietà europea non aiuta i migranti

Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere
Commento
2 gior

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
3 gior

'Tocca alle Ffs trovare una soluzione idrica per Coldrerio'

Commento
3 gior

Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!

Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?
Commento
3 gior

L’hockey è pronto a ripartire: ‘Godetevi la partita’

La lunga attesa è finita: tra una settimana, tra mille punti interrogativi, torna il campionato svizzero di disco su ghiaccio
Commento
4 gior

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
4 gior

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
5 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
5 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
Commento
10.03.2020 - 06:300

Coronavirus e recessione, la politica monetaria non basta

È giunta l'ora che l’ortodossia economica bruci ancora qualche libro e tiri fuori dal cappello politiche fiscali (antivirus) in grado di affrontate l'emergenza

L’epidemia di coronavirus avanza. E con essa le conseguenze a vari livelli: sanitario, sociale ed economico. Su questo ultimo aspetto vale la pena soffermarsi. Le notizie poco rassicuranti degli ultimi giorni contribuiscono ad alimentare un problema oggettivo che incombe sull’economia globale: l’inizio di una fase recessiva. Come stanno reagendo i vari Paesi di fronte a questo scenario? La risposta (da manuale) della Federal Reserve non si è fatta attendere: taglio ‘urgente’ di mezzo punto del tasso d’interesse. Dietro la Fed sono corse al ribasso anche le banche centrali dell’Australia e del Canada. Molto probabilmente anche la Banca centrale europea, la Banca d’Inghilterra e la nostra Banca nazionale – che hanno già i tassi ai minimi storici – si uniranno al trend ribassista. Ma la sola politica monetaria ultra espansiva non è la soluzione giusta. Un articolo apparso settimana scorsa sul ‘The Economist’ avverte che gli strumenti monetari non saranno sufficienti a evitare la recessione globale indotta dalla diffusione del Covid-19.

Si può aggiungere che, oltre a non bastare, l’ennesima spinta monetaria comporta pure un altro rischio: quello di fare ricomparire l’inflazione (leggere impennate si sono già verificate in alcuni Paesi dell’area Ocse). Bisogna dire che c’è chi da un po’ che la invoca: durante l’ultimo decennio i cosiddetti monetaristi si sono “spaccati la testa” osservando come la massiccia iniezione di liquidità fatta dalle banche centrali non abbia determinato un’ondata inflazionistica. Per loro l’equazione è semplice (e non vedono l’ora di corroborarla): l’emissione crea inflazione. In questi anni però non è stato così. E questo lo si spiega perché gli interventi delle principali banche centrali post crisi ‘subprime’ del 2008 sono stati accompagnati da una crescita piuttosto sostenuta del volume dell’attività economica mondiale, senza che essa abbia tra l’altro esercitato pressioni sul mercato del lavoro (i salari sono rimasti fermi). 

Perché ora, in un contesto recessivo, ci potrebbe dunque essere uno spiraglio inflazionistico? Sarebbe una sorta di ‘effetto collaterale’. Spesso i monetaristi dimenticano che la correlazione tra la massa monetaria e il livello generale dei prezzi è moderata dalla velocità di circolazione del denaro. Allo stato attuale il coronavirus sta paralizzando i consumi (per cui scende fortemente la velocità di circolazione del denaro), mentre il credito e gli investimenti azionari (la speculazione finanziaria insomma) vengono artificialmente “incoraggiati” dalla politica monetaria. Esiste pertanto la possibilità (teorica se si vuole) che il tentativo di combattere le conseguenze economiche del Covid-19, soltanto tramite lo strumento monetario, si riveli addirittura un boomerang che finisca per portare l’economia mondiale verso lo scenario peggiore: quello della stagflazione (recessione più inflazione).

Sarà forse il caso che l’ortodossia economica, dal segretario del Tesoro americano Steve Mnuchin in giù (compreso il nostro Christian Vitta), bruci ancora qualche libro e, oltre a tagliare i tassi d’interesse, tiri fuori dal cappello politiche fiscali in grado di affrontare l’emergenza. Serve, insomma, una politica coordinata tra gli Stati che dia spazio a una vera economia antivirus.

© Regiopress, All rights reserved