18.02.2022 - 10:13
Aggiornamento: 16:15

Liberata la svizzero-bielorussa Natallia Hersche

Si trovava in carcere da 17 mesi per aver partecipato a una manifestazione a Minsk contro il regime di Lukashenko

Ats, a cura de laRegione
liberata-la-svizzero-bielorussa-natallia-hersche
Keystone
Nel settembre 2020 in Bielorussia

Natallia Hersche, detenuta in Bielorussia da 17 mesi dopo aver preso parte a una manifestazione contro il regime del presidente Alexander Lukashenko, è stata liberata. Lo ha annunciato oggi il presidente della Confederazione Ignazio Cassis su Twitter. La donna ha la doppia nazionalità svizzera e bielorussa.

Hersche è stata ricevuta da suo fratello e dalla nuova ambasciatrice elvetica in Bielorussia Christine Honegger Zolotukhin. Ora tornerà nella Confederazione. "Sono lieto che gli sforzi diplomatici della Svizzera abbiano dato i loro frutti", ha aggiunto il ministro ticinese nel suo tweet.

Il rilascio è stato preceduto da intensi sforzi del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) e di Cassis, durati quasi un anno e mezzo, precisa il Dipartimento in una nota.

Fin dall’arresto nel settembre 2020 e dopo la sua condanna a due anni e mezzo di prigione, le autorità competenti sono state in stretto contatto con Hersche, con la sua famiglia e con le autorità della Bielorussia e hanno lavorato ai possibili modi per garantire il suo rilascio. In totale i rappresentanti dell’ambasciata elvetica nella capitale bielorussa hanno visitato Hersche 14 volte.

L’ambasciatrice Honegger Zolotukhin è in carica a Minsk solo da questo mese: all’annuncio della sua nomina, il Dfae si era detto convinto del fatto che con una persona sul posto la Svizzera avrebbe potuto difendere meglio i propri interessi.

In piazza contro la rielezione Lukashenko

La 51enne sangallese era finita in manette dopo aver partecipato a una manifestazione a Minsk contro la rielezione del presidente Lukashenko il 19 settembre 2020.

Secondo alcune organizzazioni svizzere per i diritti umani, Hersche è stata condannata a due anni e mezzo di prigione nel dicembre 2020 "dopo un processo iniquo". Lo scorso settembre, il Dfae aveva confermato il suo trasferimento alla prigione di Mogilyov.

L’organizzazione per i diritti umani Libereco aveva presentato una petizione con 9’500 firme al Dfae dopo l’arresto di Hersche, nella quale si chiedeva a Cassis di rivolgersi direttamente al presidente bielorusso Lukashenko per ottenere il rilascio della donna.

Leggi anche:

Non è un paese per donne

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved