prof-francesi-contro-la-stretta-covid-fermano-la-scuola
La protesta della scuola a Marsiglia (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Haiti
15 min

Terremoto ad Haiti: almeno due le vittime

Il sisma, di magnitudo 5.3, è stato seguito da una decina di scosse minori, fra cui una di assestamento di magnitudo 5.1
Estero
4 ore

Attacco al campus di Heidelberg in Germania, un morto

Colpi d’arma da fuoco sparati nel campus universitario medico. Secondo la Dpa, l’autore dell’attacco è morto
Estero
4 ore

Cure alternative date per telefono, il paziente muore: arrestato

Il medico, noto no-vax già a rischio radiazione dall’Ordine dei Medici, consigliava intrugli a un paziente con gravi patologie invece che il ricovero
Estero
6 ore

Julian Assange può fare appello contro l’estradizione negli Usa

Lo ha annunciato l’Alta Corte di Londra. La disputa continuerà davanti alla più alta corte britannica
Estero
8 ore

Italia, si elegge il Presidente. Oggi la prima chiama ‘al buio’

Senza accordo fra i partiti, nella prima votazione che richiede i due terzi dei 1’008 votanti prevarranno le schede bianche. Si inizia alle 15
Estero
18 ore

I talebani a Oslo, missione a caccia di riconoscimento

Il regime dopo la presa dell’Afghanistan mostra il lato votato al dialogo. La delegazione sarà impegnata in una tre giorni di incontri
Estero
20 ore

Covid-19, la fine della pandemia è plausibile dopo Omicron

Lo ha affermato il responsabile dell’Oms per l’Europa, che prevede un nuovo picco di contagi entro marzo.
Estero
22 ore

Italia, sul Colle manca l’intesa: primo voto in bianco

Attesa per i nomi del centrodestra, si rafforza l’ipotesi Riccardi candidato del centrosinistra
13.01.2022 - 21:270

Prof francesi contro la stretta Covid fermano la scuola

Lo sciopero per contestare la linea del presidente Macron a tre mesi dal voto per l’Eliseo

a cura de laRegione

Un primo severo avvertimento per Emmanuel Macron a tre mesi dalle elezioni presidenziali del 2022. Gli insegnanti di Francia hanno massicciamente aderito allo sciopero indetto per oggi dai sindacati per protestare contro la complessità e le innumerevoli modifiche dei protocolli sanitari anti-Covid nelle scuole. Sostenuta da molti presidi e associazioni di genitori, lo sciopero ha fermato, secondo il sindacato scolastico SNUIpp-FSU, circa il 75% dei maestri del sistema primario, con una scuola chiusa su due. Un dato diverso da quello del governo, secondo cui l’adesione è stata del 38,5%. Alle medie e al liceo, si sono invece mobilitati il 62% degli insegnanti, secondo il sindacato delle superiori Snes-FSU. Molto più bassa, al 23,7%, la percentuale fornita dall’esecutivo.

Convocati i sindacati

“Questa mobilitazione di portata storica negli ultimi venti anni non è uno ‘sciopero contro il virus’ ma illustra la crescente esasperazione nelle scuole“, deplora in una nota Snuipp-Fsu, denunciando “condizioni di lavoro che peggiorano” e le "bugie permanenti del ministro dell’Istruzione”, Jean-Michel Blanquer. Bersagliato dalle critiche, quest’ultimo aveva recentemente ammonito che "non si sciopera contro il virus". Intervenendo in parlamento, Blanquer ha anche tentato di difendersi spiegando che "il protocollo è cambiato perché c’è una situazione nuova legata alla variante Omicron che pone problemi specifici. La Francia - ha continuato - può essere fiera di aver mantenuto le scuole aperte”.

Per tentare di venirne a capo, il premier Jean Castex ha deciso di convocare i sindacati assieme allo stesso Blanquer. Mentre il ministro della Salute, Olivier Véran, attualmente positivo al Covid e dunque costretto in isolamento, parteciperà in videoconferenza. Nei giorni scorsi, Macron aveva detto di comprendere “la stanchezza” di insegnanti e genitori per le innumerevoli norme sanitarie ma ha invocato la necessaria “pazienza”, difendendo la scelta di lasciare le scuole in presenza nonostante la nuova ondata della variante Omicron.

I sondaggi

A novanta giorni dal voto, lo sciopero è stato anche l’occasione per le opposizioni di destra e di sinistra di attaccare duramente l’attuale amministrazione a trazione En Marche. Secondo un sondaggio realizzato dall’istituto OpinionWay-Kéa Partners per Les Echos e Radio Classique, Macron continua a risultare in testa alle intenzioni di voto, con il 25% delle preferenze al primo turno del 10 aprile, davanti alla candidata del Rassemblement National, Marine Le Pen (18%) e quella dei Républicains, Valérie Pécresse (17%). Intanto, il Senato dominato dall’opposizione di destra ha approvato nella notte in prima lettura il progetto di legge sul pass vaccinale - equivalente transalpino del super green pass - modificandolo fortemente rispetto al progetto iniziale. Deputati e senatori devono riunirsi in commissione mista paritaria per tentare di raggiungere un compromesso in vista di una definitiva adozione entro metà gennaio come promesso dal governo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved