scuola-e-covid-arrivano-le-misure-rimangono-i-soliti-problemi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
3 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
3 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
4 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
4 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
5 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
6 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
6 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
6 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
Locarnese
6 ore

Giornata dei Mulini a Fusio, Corippo e Frasco

Macine in azione e farine nostrane in vendita
Locarnese
7 ore

Gordola, grigliata per over 60

Organizza il locale Gruppo ricreativo della Parrocchia
08.12.2021 - 17:55

Scuola e Covid: arrivano le misure, rimangono i soliti problemi

La presa di posizione del ‘Movimento della Scuola’ che mette in discussione le decisioni prese dall’autorità per contrastare il virus nelle scuole

«Non è un mistero per nessuno: il capo del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport ha sempre nutrito un certo scetticismo circa l’inasprimento delle misure di prevenzione dalla pandemia da Covid nella scuola. Basterebbe ricordare che si era battuto fin da subito contro la prima chiusura delle scuole, poi accettata a malincuore nel pieno della prima ondata e solo perché decisa a livello federale», inizia così il commento fatto dal ‘Movimento della Scuola’ riguardante le misure recentemente prese nelle sedi scolastiche per contrastare la pandemia di coronavirus.

L’associazione di insegnanti mette l’accento sulle incongruenze espresse dal Dipartimento nelle ultime settimane, come il porto obbligatorio della mascherina nelle scuole medie nell’autunno 2020: «Nelle ultime settimane poi, nonostante il massiccio aumento dei contagi e delle relative quarantene, l’onorevole Bertoli si è espresso in modo perentorio contro l’introduzione di nuove misure nelle scuole ticinesi, salvo poi ritornare sui suoi passi quando – qualche giorno fa – Berna ha posto in consultazione nuovi provvedimenti».

«Come dargli torto? – si chiedono i rappresentanti del Movimento della Scuola, che continuano –: La didattica a distanza, inizialmente esaltata, si è poi rivelata un mezzo pedagogicamente inappropriato; il porto della mascherina, pur avendo permesso un ritorno in classe, ostacola quella comunicazione empatica che tanta parte ha nella relazione formativa. Viene però da chiedersi se i toni categorici a cui ci ha abituato il capodipartimento nelle sue dichiarazioni pubbliche siano quelli che meglio si prestano alla complessità e all’incertezza della situazione. Come ormai la pandemia ci ha insegnato, non esistono certezze granitiche e la prudenza sarebbe d’obbligo. La retorica del “va tutto bene” utilizzata dal Dipartimento, sempre impegnato – e non da ieri – a minimizzare e a tranquillizzare, anche a oltranza, rischia a questo punto non soltanto di far compiere spiacevoli giravolte a chi è poi costretto a tornare rapidamente sui suoi passi, ma anche di veicolare messaggi contraddittori e disorientanti all’insieme della comunità scolastica. Inoltre, ergersi a tutela dei diritti e dei bisogni degli allievi – come ha fatto Bertoli sostenendo che per i bambini è tutto sommato quasi meglio un Covid piuttosto che il traumatico porto della mascherina – potrebbe rivelarsi poco credibile se non accompagnato dall’implementazione di una seria strategia relativa alla tutela della salute psicologica degli alunni. Quali passi ha compiuto il Decs, negli ultimi due anni, in tale direzione?».

Oltre al potenziamento della figura del mediatore nelle sedi Sms, continua il Movimento «non ci sembra che il problema sia percepito come prioritario dalla Divisone scuola. Eppure il disagio psicologico e sociale dei giovani è segnalato da più parti come un fenomeno preoccupante. Non soltanto non sono stati presi ulteriori provvedimenti, ma pare non esservi nemmeno la volontà (o la sensibilità) per avviare un’approfondita riflessione al riguardo».

Infine arriva anche una critica per quanto concerne il sistema delle quarantene di classe: «Appaiono infine francamente incomprensibili l’atteggiamento poco trasparente del Dipartimento (conosciamo il numero delle quarantene di sezione, ma non quello dei contagi effettivi tra gli allievi e gli insegnanti), che impedisce al personale scolastico di farsi un’idea chiara della situazione, e l’assenza di una vera consultazione delle direzioni e dei docenti, ossia di coloro che sono confrontati direttamente con le conseguenze dell’incidenza pandemica (gestione delle quarantene ecc.)».

«Tale modo di procedere tende a trasformare questi ultimi in meri esecutori delle politiche sanitarie e sfocia, di riflesso, in una gestione verticistica anche dell’emergenza pandemica. Poco propenso all’ascolto di chi la scuola la fa e la vive, il Decs non riesce così a farsi interprete della comunità scolastica che dovrebbe rappresentare, e sembra preferire per sé il ruolo di nume tutelare che pontifica e dispone, almeno fino a quando non giungano istruzioni diverse da oltre Gottardo», afferma in conclusione il gruppo insegnanti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid misure movimento scuola scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved