ULTIME NOTIZIE Estero
la guerra in ucraina
26 min

Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’

Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
2 ore

Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’

Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
Confine
2 ore

Trenord, disagi previsti nel weekend a causa di uno sciopero

Sabato 8 in caso di ripercussioni saranno disponibili autobus sostitutivi tra Milano Cadorna e l’aeroporto T1 di Malpensa e tra Stabio e il T1.
Confine
2 ore

Como, tra le province con i dati più bassi di criminalità

I furti in abitazione e la piaga dell’usura indicano qualche segnale di allarme, ma inferiore rispetto a Milano che si trova in cima alla graduatoria.
Estero
4 ore

Getta in terra sculture ai Musei Vaticani, fermato un turista

L’uomo ha danneggiato gravemente due antichi busti nella galleria Chiaramonti. È apparso agitato e ha detto di voler parlare col papa
Confine
6 ore

Operazione ‘Cavalli di razza’, chiesti quasi 400 anni di pena

I 34 imputati alla sbarra hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena. Due arresti avvenuti a Lugano.
Estero
6 ore

Guasti a Nordstream 1 e 2, probabile la ‘mano’ di uno Stato

È l’ipotesi avanzata dallo Spiegel sulla natura delle falle nei gasdotti. Secondo cui sarebbe stato oggetto di un ‘sabotaggio mirato’
Italia
8 ore

In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato

Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
9 ore

Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia

Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
11 ore

Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime

All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
11 ore

India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti

L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
27.12.2021 - 07:56
Aggiornamento: 19:27

Morta Sarah Weddington, l’avvocato Usa del Sì all’aborto legale

Difese ‘Jane Roe’ Norma McCorvey nel caso con cui la Corte Suprema legalizzò negli Stati Uniti l’interruzione volontaria di gravidanza nel 1973

Ats, a cura de laRegione
morta-sarah-weddington-l-avvocato-usa-del-si-all-aborto-legale
Keystone

È stata il volto della battaglia per il diritto all‘aborto davanti alla Corte Suprema Usa, dove vinse a soli 26 anni riscrivendo la storia di milioni di donne americane. Sarah Weddington, la legale che rappresentò Norma McCorvey, conosciuta nei documenti in tribunale come ’Jane Roe’, se n’è andata a 76 anni. È stata trovata morta dalla sua assistente nella sua casa di Austin, in Texas. Le cause del decesso non sono state rese note ma Weddington combatteva da tempo con una serie di problemi di salute.

Laureata in legge alla University of Texas nel 1967, Sarah incontrò McCorvey due anni dopo. Norma era incinta e voleva abortire ma la legge vigente allora in Texas consentiva l’interruzione di gravidanza solo per salvare la vita della madre. Nel marzo del 1970 McCorvey, assistita da Weddington e dalla sua compagna di classe universitaria Linda Coffee, presentò un’azione legale contro Henry Wade, l’allora procuratore di Dallas famoso per aver perseguito Jack Ruby per l’uccisione di Lee Harvey Oswald, l’uomo accusato dell’assassinio del presidente John Fitzgerald Kennedy nel 1963.

La svolta

Nel 1971 la Corte Suprema accettò di ascoltare il caso contro Wade, che continuava ad attuare la restrittiva legge del Texas sull’aborto nonostante fosse stata dichiarata incostituzionale da una precedente sentenza federale. Weddington si presentò così ai saggi americani per difendere la libertà di scelta delle donne. Parlò di fronte a loro in ben due occasioni, prima nel 1971 e poi l’anno successivo. Li descrisse come imperturbabili: “Era impossibile capire qualcosa dai loro volti o dalle loro espressioni”, ricordò Sarah in alcune interviste rilasciate nel corso degli anni, durante le quali rivelò di aver abortito lei stessa.

“Il 22 gennaio 1973 ero al lavoro quando un giornalista del New York Times chiamò e chiese alla mia assistente se volevo commentare la Roe v Wade. Lei rispose chiedendo cosa dovesse commentare", raccontò ancora descrivendo l’enorme emozione nel ricevere "poco dopo un telegramma della Corte Suprema che diceva che avevo vinto sette a due e che mi avrebbero spedito la sentenza”.

La legale fu da subito consapevole dell’importanza della decisione dei saggi: con quella sentenza venne di fatto legalizzato l’aborto negli Stati Uniti. Sono passati 48 anni durante i quali l’impianto di quella sentenza ha retto di fronte ai vari attacchi delle frange più reazionarie della società americana ma ora la Roe v Wade è seriamente messa in pericolo dalla guerra dichiarata dagli Stati repubblicani alle interruzioni di gravidanza e da una Corte Suprema a netta maggioranza conservatrice. Weddington prevedeva da anni un simile assalto.

La profezia

Quando Donald Trump nominò Neil Gorsuch alla Corte disse: “Se la sua nomina verrà confermata, l’aborto non diventerà illegale il giorno successivo perché un giudice non fa la differenza. Ma due o tre giudici potrebbero farla”. Detto, fatto. Oltre a Gorsuch, Trump ha nominato altri due giudici conservatori, Brett Kavanaugh e Amy Coney Barrett, coronando di fatto il sogno coltivato da anni dalla destra americana di poter capovolgere la sentenza. E ora la Corte Suprema potrebbe pronunciarsi il prossimo giugno sui ricorsi che le sono stati presentati contro i divieti di fatto alle interruzioni di gravidanza varati dal Texas (divieto d’aborto dopo sei settimane) e dal Mississippi (al primo battito del feto), con il rischio che ponga nuovi limiti a livello federale.

Dopo il trionfo comunque - è stata la legale più giovane della storia a vincere un caso di fronte all’Alta Corte -, Weddington ha sempre mantenuto un forte impegno per le donne, prima in politica arrivando alla Casa Bianca di Jimmy Carter e poi insegnando nelle classi universitarie. Ma aveva sempre saputo che il suo nome sarebbe stato ricordato per quella storica vittoria: “Qualsiasi cosa farò nella mia vita, il titolo del mio necrologio sarà sempre ’l’avvocato della Roe v Wade è morta’”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved