tra-i-fantasmi-dei-buddha-di-bamyan
F. Rossi
Due donne guardano dove c’era una delle statue distrutte
+1
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard

La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
9 ore

Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati

Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
11 ore

Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan

Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
11 ore

Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato

L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
12 ore

Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto

Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
20 ore

Tregua tra israeliani e palestinesi

Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
22 ore

Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria

La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
23 ore

Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia

Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
1 gior

Due copie Bronzi di Riace ‘immerse’ nel mare in Versilia

La particolare esposizione per celebrare il cinquantesimo anniversario della scoperta delle due celebri sculture
Estero
1 gior

Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano

In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
1 gior

Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe

L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
Confine
1 gior

Como: clochard stuprata in centro, fermata una persona

Una donna di 56 anni, senza fissa dimora, è stata picchiata con estrema violenza, presa a bottigliate e stuprata questa notte in piazza Vittoria
Confine
1 gior

Porlezza, salvata turista in pedalò in balìa del temporale

Il Bacino lacuale Ceresio Piano e Ghirla: serve un servizio di pattugliamento da parte delle unità nautiche per rafforzare la sicurezza
Galapagos
1 gior

Sull’isola di Santiago riecco le iguane terrestri

L’ultima popolazione sana di questi animali rosa era stata censita addirittura nel 1835 da Charles Darwin
Estero
1 gior

Gaza, Israele uccide due capi della Jihad. 29 morti fra i civili

Si tratta dei due comandanti militari Tayassir al-Jabari e Khaled Mansour. Oltre 250 i feriti. La Jihad ha lanciato 580 razzi verso Israele
Estero
1 gior

Rifiuti alimentari umani: ‘Una minaccia per gli orsi polari’

Con la riduzione dei ghiacciai questi animali cercano cibo sempre più vicino alle zone abitate
Estero
2 gior

Esercito Usa lavora a un reggiseno tattico per donne soldato

Se approvato, sarà il primo mai offerto e diventerà così parte integrante dell’uniforme.
Estero
2 gior

Staccate le macchine, morto il 12enne Archie Battersbee

I genitori del ragazzo britannico avevano intrapreso una battaglia legale per poterlo tenere in vita.
Estero
2 gior

È morto Schroen, spia della Cia inviata a uccidere Bin Laden

Aveva 80 anni. È stato uno dei primi americani a essere inviato in Afghanistan a seguito degli attacchi alle Torri Gemelle.
video
italia
2 gior

Suv targato Ticino finisce in spiaggia a Forte dei Marmi

Nessuno è rimasto ferito. Al volante si trovava una 71enne che è stata in seguito portata in ospedale
Estero
2 gior

Ucraina, bombe russe a sud: ‘In fumo 3mila tonnellate di grano’

Riguardo alle trattative di pace tra i due Paesi non ci sono sviluppi. Nel frattempo Mosca sta reclutando volontari per formare un nuovo battaglione.
Estero
2 gior

Spento un reattore a Zaporizhizhia, ‘gravi rischi’

Ieri la centrale nucleare ucraina è stata danneggiata da un bombardamento.
afghanistan
20.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 18:46
di Filippo Rossi da Bamyan, Afghanistan

Tra i fantasmi dei Buddha di Bamyan

In viaggio in uno dei luoghi simbolo del primo regime talebano. Qui i mujaheddin fecero esplodere statue secolari e massacrarono intere famiglie innocenti

Assorti e inespressivi, alcuni mujaheddin talebani si avvicinano al Buddha Samsal. Lo scrutano. Sembrano persi. Alcuni scattano una foto. Sono giovani. Sembrano non sapere cosa sia. Samsal li osserva in silenzio dall’alto, con il viso sfigurato, incastonato nel muro di roccia marroncina che protegge la valle verdeggiante di Bamyan. La sua statua, la più grande, è stata fatta esplodere nel marzo del 2001 durante il primo regime talebano, insieme a quella di Shamama, suo equivalente femminile situato qualche centinaio di metri più in là. La popolazione locale (soprattutto Hazara, gruppo perseguitato in passato dagli studenti coranici) fu costretta dai talebani a premere il pulsante dopo aver riempito le statue di esplosivo.

Per vent’anni la comunità internazionale ha investito milioni di dollari per ricostruirle. Ma le macerie di quelle che erano parte dell’anima della valle si trovano ancora stipate e impolverate in baracche di legno ai loro piedi. La distruzione dei due Buddha rimane forse il ricordo e il segno più nitido, nel mondo, che hanno lasciato i talebani nella valle di Bamyan. Ma per i locali, non è il ricordo peggiore. Il ritorno dei talebani nella valle a inizio agosto ha riportato la mente dei suoi abitanti Hazara agli anni 90, alla repressione e alle esecuzioni sommarie.

“Quando i talebani sono arrivati, ho spedito la mia famiglia nelle montagne, nel mezzo di valli remote. Sono tornati solamente alcuni giorni fa”, commenta Navid, un contadino di 22 anni. Ara la sua terra con un bue, raccogliendo le ultime patate insieme ad altri uomini e donne, esattamente di fronte alla vista mozzafiato dei Buddha. Sta accumulando riserve per il rigido inverno che li attende.

Come Navid, la maggior parte della popolazione della valle ha reagito d’istinto, caoticamente, alla notizia del ritorno dei talebani, fuggendo in valli dimenticate e introvabili. Sono tornati solamente quando hanno capito che non c’era pericolo. Anche se le cose sembrano ora normali e le pattuglie talebane quasi inesistenti, la cittadina di Bamyan ha perso vitalità. Le foto del leader Hazara, il Shahid Ali Mazari, sono state stracciate. La sua statua profanata. “Ho mandato la mia famiglia a Kabul” racconta un uomo: “Non mi fido. Ma non abbiamo altra scelta, non possiamo resistere e dobbiamo solo sperare che non avvenga nulla”. Per 20 anni, dopo l’inizio dell’occupazione Nato, la valle è rimasta un’oasi di pace in mezzo alla distruzione e alla guerra. E anche se finora non ci sono stati abusi contro gli Hazara, la gente è tornata a vedere i fantasmi del passato.

Sono soprattutto i ricordi del tenebroso settembre del 1998 a riaffiorare, quando, dopo una forte resistenza del partito armato della Jihad a maggioranza Hazara Hizb-e-Wahdat, i talebani sono entrati nella valle massacrando civili innocenti. “Riuscii a fuggire appena in tempo, rifugiandomi nelle montagne. Ma mio fratello fu catturato. Lo massacrarono. Mio padre, non poté nemmeno uscire di casa” rammenta Mirsa Hussein, 56 anni. Passeggia appena fuori casa, nel villaggio di Sar Asiap, vicino all’aeroporto regionale. “Abbiamo molta paura che tutto ciò possa ripetersi”. Il suo caso, nella zona, è tristemente simile a molti altri. Una fitta indelebile nella memoria. Nel villaggio, circa 70 persone furono giustiziate quel giorno. “Seppellii i miei cari quando tornai, due settimane dopo”.

Ali invece osserva dalla sua casa la valle, ai suoi piedi. In fondo, alla fine della distesa verde, i due Buddha. Ma il suo sguardo è impassibile. Sorride con aria triste: “Ora accadrà di peggio” sostiene, con una smorfia di nervosismo. Conosce poco, nemmeno la sua età. Sa solo che da giovane ha perso il padre e due zii. Nello stesso giorno li ha trovati fuori di casa con una pallottola conficcata in testa. “Tornai al villaggio dopo essermi rifugiato nelle montagne e provai a seppellirli. Solo in quel momento mi resi conto di ciò che era successo”. È scappato scalzo, tra le vette più alte del mondo, affrontando l’inverno. “Bisognava sopravvivere”, dice con tono pacato. Al cimitero del villaggio, sovrastante un panorama mozzafiato, si inginocchia sulla tomba dei suoi. Almeno, sembra, possono riposare in paradiso.

“Se nessuno ci aiuterà, rischiamo di fare la fine dei nostri familiari” commenta invece in un buon inglese un ragazzino di una casa poco più in là. Aveva 5 anni quando ha perso sette membri della sua famiglia. Non si ricorda molto. Ma il luogo dove sono stati uccisi è proprio fuori dalla porta di casa e le tombe, situate in quel luogo, rammentano a tutti, ogni giorno, la tragedia che ha colpito la famiglia. Sono poste in ordine. Dal più vecchio al più giovane. Nell’ordine di esecuzione. Tutti uomini, uno dopo l’altro.

Le donne invece, hanno dovuto guardare. Fra loro, Rahima, 53 anni, madre di 3 figli uccisi, moglie di un marito perduto, e nonna di 2 nipoti innocenti. Si siede con difficoltà per terra. Al suo fianco, i figli della seconda moglie di suo marito. “Quando i talebani arrivarono in casa, fecero uscire gli uomini. Li rincorsi con il corano fra le mani, supplicandoli. Mi buttarono al suolo, strappandomi il libro sacro dalle mani” - racconta l’anziana, con una forza lucente negli occhi- “Mio marito disse che voleva essere ucciso per primo, così da non vedere i propri figli essere giustiziati. Lo accontentarono”.

In totale 7 persone della famiglia e 3 ospiti sono stati uccisi. Solo uno si è salvato: Said Mohammad Hussein, 60. Fuori dalla casa mostra con il dito, agitato, come è riuscito a svincolarsi. “Quando i talebani entrarono legarono le mani degli uomini con le sciarpe che tenevano sulle spalle. Ma visto che io non ne avevo, mi lasciarono senza. Ero il quarto della fila. Appena spararono al terzo, scappai” – racconta, ripercorrendo lo stesso cammino che lo ha portato in salvo –. “Fu un miracolo. Provarono a spararmi ma non mi colpirono. Scappai a valle. Alcune donne che stavano cucinando del pane nel tandoor (il forno tradizionale), mi ci misero dentro. Vi restai almeno dieci ore. Ricordo che era tarda notte e non mi cercavano più. Allora fuggii nelle montagne e da lì arrivai a Ghazni, ritornando solamente dopo l’arrivo degli americani”.

Anche Rahima e i due figliastri, sopravvissuti, sono fuggiti: “Bruciarono la casa con della benzina. Tornammo solamente dopo 40 giorni, quando Hizb-e-Wahdat riconquistò Bamyan per alcuni giorni. Potemmo seppellire i cadaveri in putrefazione” commenta Mohammed Sadiq, uno dei figliastri di Rahima. “Non c’era nessuno che potesse aiutarci a trasportarli fino al cimitero, perciò decidemmo di seppellirli nel cortile”.

Rahima esce di casa. Prega di fronte ai morti prima di nominare ognuna delle vittime. Poi esclama: “Viviamo nel terrore giorno e notte”. “Hanno detto che non faranno del male a nessuno” conclude Mohammad Hussein, l’altro figliastro, con l’immancabile sorriso afghano- “Ma io non ci credo. Tuttavia, non possiamo nemmeno vivere sempre in montagna. Non c’è nulla. Non c’è cibo”.

Per le strade, bambini Hazara giocano con le biciclette mentre altri raccolgono i resti delle patate per sfamare intere famiglie. Per ora tutto è estremamente povero, semplice, normale. Ma dentro ogni abitante di Bamyan, si cela un forte timore nei confronti dei nuovi padroni della valle, difficile da cancellare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan bamyan buddha hazara montagne talebani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved