ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
2 ore

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
6 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
6 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
6 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
7 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
7 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
9 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
10 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
15 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
1 gior

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
2 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
2 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
2 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
2 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
2 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
2 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
23.03.2022 - 05:10
Aggiornamento: 19:56

La notte dell’attacco: ‘Un brivido mi ha percorso la schiena’

Artem è un giovane ucraino che vive a Kiev. Ci porta una testimonianza forte e intensa di quello che sta vivendo in quella terra martoriata

la-notte-dell-attacco-un-brivido-mi-ha-percorso-la-schiena
Gli effetti delle bombe

Sono lunghe le notti per Artem Stognijev, 29enne di Kiev. La guerra ha dilatato non solo il buio illuminato dalle bombe, ma le intere sue giornate fatte di attesa e di terrore. Laureato in chimica, dopo l’invasione russa, ha perso il suo lavoro in una grande azienda farmaceutica come capo dipartimento del laboratorio controllo qualità. Ancora celibe e senza figli vive nella capitale. La sua grande famiglia d’origine è rimasta, invece, nell’est dell’Ucraina, nella piccola cittadina di Starobilsk, nella regione di Luhansk, a circa 750 chilometri da lui e a breve distanza dal confine con la Russia: «So quasi tutto della loro delicata situazione...». Il giovane ucraino conosce bene anche il Ticino, vi è stato in passato e mantiene contatti stretti con molti amici luganesi.

«Guardo i telegiornali tutti i giorni, sono sempre stato interessato alla politica – è il racconto che filtra attraverso la nostra conversazione via WhatsApp, nei brevi momenti in cui i social e la rete sono attivi –, come seguo sempre le notizie europee e naturalmente ucraine». Il presente gli pare ancora un terribile incubo: «Per due mesi ogni giorno ci hanno detto che ci sarebbe stata un’offensiva su larga scala da parte della Russia. Ricordo che ci sono stati momenti in cui il governo ucraino ha chiesto di non complicare la situazione e di non creare panico. Una settimana prima del 24 febbraio, giorno dell’attacco, mi trovavo al lavoro e ci hanno mostrato dove si trovava il rifugio antiaereo. Ero persino indignato per questo e non volevo ascoltare... Perché la stragrande maggioranza degli ucraini non credeva alla guerra! Anche perché in gioco c’era la contrapposizione Russia-America e il possibile e pericoloso coinvolgimento degli Stati Uniti. Tutti noi non ci aspettavamo questo... La sera del 23 febbraio sono andato a dormire come al solito. Il giorno dopo, alle 5.30, il mio telefono è squillato, era mia zia e improvvisamente tutto è crollato dentro di me, perché già da questa prima telefonata ho capito che era successo qualcosa di brutto. Sono uscito fuori e ho visto la città piena di auto, le sirene suonavano, era ancora buio, un brivido mi ha percorso la schiena...».

Presto la chiamata nell’esercito

Artem dall’alba del giorno dell’attacco vive uno stato psicologico che lui definisce «grave». Poi aggiunge: «Cambia più volte al giorno. È passato quasi un mese dall’inizio della guerra, mi sveglio spesso di notte e non capisco come possa essere successo tutto questo... Forse perché, apparentemente, la mia coscienza non vuole accettarlo e si difende in questo modo». Il 29enne nel dolore della guerra ha avuto la fortuna, per ora, di non essere mandato al fronte: «Non combatto in questo momento perché non ho esperienza militare. Ora stanno combattendo coloro che hanno acquisito quelle conoscenze militari almeno da otto anni, ovvero dal 2014. Questa al fronte è la prima linea. Pochi giorni fa è iniziata la seconda fase della mobilitazione, composta dai ragazzi che hanno già prestato servizio nell’esercito, ma che non hanno ancora esperienza di combattimento. Io dovrò entrare nell’esercito al terzo o quarto turno».

Ad Artem non resta che aspettare: «La cosa più difficile in città è sopravvivere. E per questo hai bisogno di cibo, acqua e medicine. Le code sono enormi. Le farmacie non hanno la maggior parte dei farmaci necessari quotidianamente, come quelli per il cuore». Poi il pensiero torna ai suoi affetti: «La cittadina dove vive la mia famiglia è già occupata. Lì la situazione è molto più complicata. L’Ucraina non controlla più in alcun modo quel territorio. Non ci sono soldi a disposizione negli sportelli automatici, non c’è connessione mobile e i prodotti alimentari non vengono consegnati ai supermercati. Comunico con la mia famiglia tramite messaggeria, siamo separati e non so quando li vedrò e se li vedrò del tutto. È questo soprattutto quello che mi fa tanta paura...». Per il giovane il futuro è pieno di nubi: «Vivere sotto le bombe è come giocare alla roulette... russa. Anche se ora non voglio neppure pronunciare quell’aggettivo... I bombardamenti continuano ogni giorno e in modo caotico. È impossibile prevedere quando è sicuro e dove. Le sirene suonano frequentemente. E io devo correre subito al rifugio prima che si riempia e non si riesca più a entrare; il maggiore timore per molta gente è però quello di rimanere intrappolati se il rifugio dovesse venire distrutto. Nei territori occupati mancano gli ortaggi più semplici, come patate, cipolle, carote. I prezzi sono aumentati di 2-3 volte. Le persone vendono il cibo che producono nella loro fattoria ma non basta... Eppure c’è tanto sostegno reciproco fra le persone che raccolgono quello che hanno per aiutare chi è rimasto senza un tetto sopra la testa. Questa guerra ci ha reso tutti più ‘vicini’ e più misericordiosi gli uni con gli altri».


Tutto è distrutto

Lo sguardo volge così alla solidarietà internazionale: «Sono grato al mondo intero, a tutte le persone che oggi stanno aiutando così tanto il mio Paese. Non mi sarei aspettato una tale unione delle altre nazioni a sostegno dell’Ucraina! Sono grato inoltre a tutti i soldati che oggi stanno svolgendo professionalmente il loro lavoro. Sa, in Russia si vantavano spesso della loro forza e del loro esercito e dicevano sempre che avrebbero conquistato Kiev in due giorni... Penso che Putin contasse su questo e che non si aspettasse di affrontare un confronto così forte, che non si aspettasse che il mondo reagisse in questo modo. Questa guerra non sta andando secondo i piani di Putin, ne sono certo! Allo stesso tempo, però, capisco perché alcuni Paesi sono lenti a condannare questa guerra: la Russia è stata un grande attore economico e molti vogliono mantenere i propri soldi...».

Perché la scelta di restare? «Non posso lasciare il mio Paese, perché agli uomini fra i 18 e i 60 anni ora è vietato. Eccezioni vi sono solo per chi ha tre o più figli o si prende cura e accompagna una persona con disabilità. Come cittadino rispetterò quindi questo requisito di legge fino a nuovo avviso! Qui ora vige la censura, ma lasciatemi dire una cosa: il dolore è portato in egual misura dalla bomba russa e da quella ucraina!». È un giovane uomo Artem e le sue parole dimostrano, una volta di più, come questo conflitto non sia condiviso dai giovani di qua e al di là dal confine: «Temo per la mia vita, perché so che ci sono persone che non saranno in grado di sopportare il dolore se me ne sarò andato. Fisicamente, ho fatto i conti con il fatto che potrei morire, ma è spaventoso anche solo pensare che la mia famiglia debba venire poi a conoscenza di questa notizia. Quindi combatterò. La cosa difficile da sopportare è che ho messo così tanto impegno nei miei studi all’università e successivamente nella mia carriera professionale. Ho anche raggiunto il successo. Ma in una mattina è crollato tutto. Sfortunatamente, il mio Paese è distrutto. Io sono responsabile della mia famiglia, e per quanto io ami il mio Paese, credo che dovrei lasciarlo per poter aiutare in altro modo i miei parenti».

C’è, infatti, un dolore ancora più grande che mina il cuore di Artem: «Vorrei gridare al mondo intero, in modo che tutti possano sentirlo, la mia vergogna. Il perché? Quando c’è stata la guerra in Siria, in Libia, seguivo le notizie al telegiornale ma dopo un po’ ho perso interesse per quei conflitti. Così mi voglio rivolgere a tutti, donne, madri, uomini, anziani, a tutta la gente: non ripetete questo mio errore. Vi chiedo di tenere d’occhio quello che sta succedendo nel mondo, anche se questa notizia vi stanca e vi turba. Fintanto che tutti seguiranno i fatti ucraini, la situazione può ancora essere controllata. Quando perderete interesse per noi, nell’Ucraina, moriremo tutti, non ci saremo più! E questa aggressione potrebbe accadere di nuovo. Noi ucraini pensiamo come tutti voi, sentiamo, amiamo, vogliamo vivere e goderci una nuova primavera. Non dimenticateci!».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved