sarajevo-ieri-e-oggi-30-anni-dall-assedio
Un militare bosniaco difende i civili sotto il tiro dei cecchini (Keystone)
+8
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 ore

Mosca chiude Nord Stream, l’Ue prepara un piano d’emergenza gas

Gasdotto fermo dieci giorni per ‘lavori’. Bruxelles studia stop a oro russo e accusa: ‘Taglio deliberato’
Estero
9 ore

In Texas crociata anti-gay, allarme di Biden sui diritti

Lo Stato conservatore al centro della battaglia antiabortista pronto a una legge contro la sodomia
Estero
10 ore

Iscritta all’università da 18 anni, padre non vuole più pagare

Accolta la richiesta dell’uomo che dal 2006 dà alla figlia 300 euro al mese di assegno di mantenimento. La donna afferma di soffrire di depressione.
Estero
11 ore

La Cassazione conferma la condanna di 7 anni a Coppola

L’immobiliarista romano era latitante in Svizzera. Era stato accusato di bancarotta fraudolenta.
Confine
13 ore

Como, 38enne si impicca al Bassone

Un detenuto italiano si è tolto la vita in carcere. Il segretario provinciale Ulipa penitenziari: ‘È una chiara sconfitta per lo Stato’
Estero
13 ore

‘Il cioccolato con la salmonella non è arrivato nei negozi’

Lo indica la stessa Barry Callebaut sulla base di indagini interne. La multinazionale aveva individuato il batterio in un lotto di uno stabilimento belga.
Estero
14 ore

Dal 16 gennaio bisognerà pagare per visitare Venezia

L’assessore al bilancio: ‘La città resterà sempre aperta. Quando sarà superata una certa soglia di presenze il contributo sarà più alto’
Confine
16 ore

Centovallina, traffico internazionale bloccato

In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
Gran Bretagna
20 ore

Ubriaco, palpa uomini in un club: membro del governo si dimette

Nuove grane per Boris Johnson: stavolta al centro di uno scandalo a sfondo sessuale è il vicecapogruppo del Partito Conservatore alla Camera dei Comuni
Estero
1 gior

Congo, Patrice Lumumba seppellito dopo sessant’anni

Nel giorno dell’anniversario dell’indipendenza dello Stato africano, il feretro del leader separatista assassinato nel 1961 è stato deposto a Kinshsa
stati uniti
1 gior

Paradosso Dem: finanziano i trumpiani per vincere alle Midterm

Strategia adottata perché considerati avversari troppo estremisti e quindi ‘più vulnerabili’. Il Washington Post: ‘Strategia pericolosa per la democrazia’
Estero
1 gior

Alta tensione in India per il sarto hindù sgozzato

Dilaga sui social hashtag ‘Hindu Lives matter’. Ora si temono vendette
la guerra in ucraina
1 gior

Liberata l’Isola dei Serpenti. Zelensky scrive a Putin

I russi si ritirano, Kiev esulta. Usa: ‘Allarme armi nucleari’. E la Cina attacca la Nato
stati uniti
1 gior

La Corte Suprema Usa piccona anche la lotta per il clima

La Casa Bianca: ‘Decisione devastante per l’ambiente’
Estero
1 gior

Morto Sonny Barger, fondatore degli Hells Angels

Aveva 83 anni ed era malato di cancro. Negli Stati Uniti il club di motociclisti è giudicato un’organizzazione criminale
Estero
1 gior

Spesa record per la famiglia reale, imbarazzo in tempo di crisi

I costi pubblici per il mantenimento di casa Windsor sono schizzati per la prima volta oltre la soglia dei 100 milioni di sterline.
Estero
1 gior

Coronavirus, impennata di casi a livello mondiale

Secondo l’ultimo bollettino dell’Organizzazione mondiale della sanità, il picco maggiore lo si è registrato nel Mediterraneo orientale (+47%)
Estero
1 gior

‘In Italia sarà un’estate senza restrizioni Covid’

Lo afferma il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che non pensa verranno introdotte nuove misure.
Confine
1 gior

Como, via i posteggi per assessori e consiglieri comunali

È stato il primo atto del sindaco Rapinese. Gli stalli sono ora riservati ai cittadini che si presentano in Municipio per sbrigare pratiche.
Belgio
1 gior

Salmonella nel cioccolato: stop alla produzione a Wieze

Lo annuncia il colosso della lavorazione di cacao Barry Callebaut. Sospesa anche la vendita di prodotti finiti
Stati Uniti
1 gior

Cento milioni di vaccini in vista dell’autunno

Coronavirus, gli Stati Uniti giocano d’anticipo e fanno ‘spesa’. Il contratto include dosi per adulti e dosi per bambini
Ucraina
1 gior

L’Aiea perde nuovamente il contatto con Zaporizhzhya

Saltata la connessione remota con i sistemi di sorveglianza della centrale nucleare. Grossi: ‘Ancora più necessaria una visita alla struttura’
Estero
2 gior

Stragi di Parigi, Salah Abdeslam condannato all’ergastolo

Per l’unico superstite dei commando kamikaze autori delle stragi jihadiste del 2015 nessuna possibilità di riduzioni né di sconti di pena
Estero
2 gior

Usa, Trump nei guai dopo rivelazioni su assalto Capitol Hill

L’assistente dell’ex chief of staff lo ha accusato di aver istigato i suoi fan a marciare per ribaltare il voto pur sapendo che alcuni erano armati
Estero
2 gior

Israele: Bennett non parteciperà a prossime elezioni

Il leader di Yamina ha spiegato che resterà ‘per quanto sarà necessario’ premier alternato a fianco dell’attuale ministro degli esteri Yair Lapid
Estero
2 gior

Finlandia e Svezia nella Nato: avviata la procedura

Durante il vertice in corso a Madrid è stato inoltre deciso un nuovo concetto strategico per l’alleanza militare
Confine
2 gior

Parcheggio stazione unica a Camerlata, lo scandalo prosegue

Promessa da mesi l’apertura, ma l’area di sosta si fa ancora attendere. Ora la nuova scadenza annunciata parla di luglio
Estero
2 gior

Biden annuncia più forze Usa in Europa

Il presidente degli Stati Uniti lo ha comunicato oggi aprendo il summit Nato a Madrid
Estero
2 gior

Johnson: ‘Se Putin fosse donna non avrebbe attaccato l’Ucraina’

Il primo ministro britannico ha descritto la guerra come un ‘perfetto esempio di mascolinità tossica’
Confine
2 gior

Rissa al carcere Bassone, un detenuto in gravissime condizioni

È accaduto nella tarda mattinata di ieri. Il 28enne è già stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico
Estero
2 gior

Ue, accordo raggiunto: stop a motori a combustione entro il 2035

Se le misure verranno confermate, non potranno essere venduti auto e furgoni nuovi a benzina e diesel
Italia
2 gior

In barba alla pandemia, il vino italiano va a gonfie vele

Il valore dell’imbottigliato nella vicina Penisola sfiora i 10 miliardi di euro, con vendite in crescita del 12%
Estero
2 gior

‘Trump sapeva che c’era gente armata al comizio’

Lo ha detto Cassidy Hutchinson, braccio destro dell’ex chief of staff Mark Meadows.
Estero
2 gior

Caso Epstein, a Ghislaine Maxwell pena massima: 20 anni

L’ex ‘socialite’ britannica ritenuta colpevole di aver adescato e manipolato minorenni perché fossero sessualmente abusate dal finanziere Jeffry Epstein
Estero
3 gior

’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi

Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
3 gior

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
3 gior

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
3 gior

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
Estero
3 gior

Strage di migranti in Texas: complice il caldo, 46 morti

Fra le vittime, rinvenute in un camion abbandonato a San Antonio, quattro bambini. Il governatore attacca Biden: ‘Queste morti sono le sue’
Estero
4 gior

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
Estero
4 gior

Treno colpisce un camion e deraglia in Missouri, morti e feriti

L’incidente è occorso ad un incrocio stradale nei pressi della città di Mendon, a circa 130 chilometri da Kansas City
Estero
4 gior

Un tribunale della Louisiana ferma il divieto di aborto

Lo Stato, uno dei primi a mettere fuori legge l’interruzione di gravidanza dopo la decisione dalla Corte Suprema, riprenderà gli interventi
Estero
4 gior

Italia: il centrodestra si lecca le ferite, il Pd sorride

I ballottaggi delle amministrative rimescolano gli equilibri delle coalizioni. Giorgia Meloni chiede un vertice.
Estero
4 gior

Giordania, fuga di gas causa almeno dodici morti

Una nave cisterna ancorata nel porto di Aqaba ha fatto fuoriuscire una non meglio precisata nube tossica color giallo
Estero
4 gior

In Italia da fine giugno autostrade più care dell’1,5%

Il rincaro, definito ‘risibile’ dall’ad Tomasi, avverrà sui tratti del gruppo Autostrade per l’Italia, fra cui l’A9 Como-Chiasso e l’A8 dei Laghi
Ucraina
4 gior

Bombe su un centro commerciale a Kremenchuk, almeno dieci morti

Secondo le autorità ucraine nel centro commerciale bombardato dai russi erano presenti oltre mille civili. La struttura è in fiamme
il reportage
05.04.2022 - 05:30
Aggiornamento: 11:06

Sarajevo ieri e oggi: 30 anni dall’assedio

Il 5 aprile 1992 i cecchini serbi uccisero sul ponte di Vrbanja due donne che manifestavano per la pace. Iniziava così un accerchiamento di 1’425 giorni

Sarajevo la puoi leggere attraverso i suoi ponti, che sono tanti. Ognuno contiene una storia che racconta questa città e il suo ingombrante posto nel mondo. All’angolo del Ponte Latino, il 28 giugno 1914 Gavrilo Princip sparò all’arciduca Francesco Ferdinando, dando inizio alla Prima guerra mondiale. Poco più in là c’è il ponte Drvenija, per secoli ostinatamente di legno, buttato giù dalle piene, che veniva ricostruito tale e quale. Ora di legno resta solo il corrimano.

Il ponte Šeher-ćehajina porta con sé la leggenda di un diamante custodito al suo interno e poi rubato da un innamorato. Quel ponte l’hanno attraversato uomini, donne e perfino una casa, conosciuta da tutti come Inat Kuca, la ‘Casa del dispetto’: era di un tale chiamato Benderija, che si oppose agli austriaci che volevano costruire sul suo terreno il nuovo Municipio. Acconsentì solo in cambio di un sacco di monete d’oro e della ricostruzione della casa, tale e quale, mattone per mattone, dall’altro lato della Miljacka, il fiume che taglia in due la città.


In fila per l’acqua a Sarajevo (Keystone)

Il ponte Skenderija, nel centro cittadino, fu costruito – in cemento – dalla Jugoslavia di Tito nel 1969, nel momento di grandeur sarajevese arrivato al suo apice con le Olimpiadi invernali del 1984, quando attorno stava già crollando tutto. Il ponte della Capra, invece, fu inaugurato quattro secoli prima per collegare Sarajevo con il centro del potere ottomano, Istanbul; mentre il Ponte Eiffel è un ponticello d’acciaio che dicono sia dell’ingegnere francese, ma non ci sono le prove per dimostrarlo. Chi ha fatto cosa, vecchio problema dei Balcani, la cui anima si è disintegrata insieme al ponte di Mostar, bombardato dai croati il 9 novembre 1993; un’anima raccontata dal premio Nobel Ivo Andric in un libro che ha come protagonista un ponte che li racconta tutti quanti, quello sulla Drina, che non si trova a Sarajevo, ma a est, a due passi dal confine con la Serbia, a Visegrad.

Uno dei ponti meno appariscenti di Sarajevo aveva un nome, Vrbanja, e ora ne ha un altro, anzi due: Suada e Olga, due giovani donne che il 5 aprile 1992 protestavano contro la guerra sotto il tiro dei cecchini serbi. La guerra c’era già, e anche i morti, eppure ci si illudeva di poterla scacciare. Erano arrivati giovani da tutta la Jugoslavia in frantumi, dalla Serbia e dalla Croazia. Chi c’era dice che c’erano centomila persone a invocare la pace. Sparare su quella folla era il gesto estremo, il punto di non ritorno: non solo una dichiarazione di guerra, un vero e proprio proposito di annientamento. Quel giorno iniziò ufficialmente l’assedio di Sarajevo: chi la difendeva stava al di qua del ponte, chi voleva distruggerla dall’altra, nel quartiere di Grbavica, e anche tutt’intorno sulle montagne. Durò in tutto 1’425 giorni, il più lungo della storia moderna. Finì, ironia della sorte, in un giorno che di solito nemmeno esiste, il 29 febbraio del 1996.


Ripararsi dietro ai mezzi dell’Onu era l’unico modo a volte per evitare la morte (Keystone)

Dimmi che birra bevi

Per capire Sarajevo bisogna capire la Bosnia. E se a dividere la Bosnia, trent’anni fa, c’erano i signori della guerra e le targhe delle auto, oggi ci sono la mafia e la birra. Già, la birra. È il nuovo confine che salta all’occhio in mezzo ad altri mille confini invisibili. Se al bar servono la Sarajevsko sei nella Bosnia islamica, se dai frigoriferi fanno capolino Jelen e Nektar sei nella Repubblica Srpska, l’entità a maggioranza serba. Se sui cartelloni pubblicitari c’è scritto Ozjusko o Karlovacko, sei in una città a maggioranza croata. È un metodo infallibile, più accurato di un gps e perfino utile per destreggiarsi, evitare gaffe, incomprensioni, incidenti diplomatici che possono sfociare in risse e aggressioni, soprattutto nella parte serba del Paese, la più ostile e non solo per le scritte in cirillico e la moltitudine di bandiere paraserbe che sventolano come a voler ricordare che quella non è Bosnia.

A Banja Luka, capitale della Repubblica Srpska, a nord del Paese, fare foto nell’unica piazza che merita uno scatto, dove sorgono la grande cattedrale ortodossa e gli edifici governativi, non è semplice: un gruppo di poliziotti dall’aria poco amichevole fa segno che non è aria. Non va meglio all’ufficio del turismo, in cui vengono date tutte le informazioni possibili sulle città "serbe" e perfino su Belgrado. Ma se si chiede come arrivare o dove soggiornare a Sarajevo raramente qualcuno vi dirà come fare. Assediata per quasi quattro anni dai cetnici (i guerriglieri nazionalisti serbi), oggi – da quelle parti – Sarajevo semplicemente non esiste. Generalmente ignorata, viene nominata solo per essere criticata o sbeffeggiata. Uscire la sera provoca un senso di insicurezza alimentato dai racconti delle guide turistiche: "Mai girare con simboli di una squadra di calcio che non sia quella locale, si rischia di essere malmenati. C’è chi è stato aggredito perfino con un machete". Altre due cose da non fare: parlare della guerra e del Kosovo.


Un bambino si affaccia da una panetteria crivellata di colpi (Keystone)

I fantasmi di Mostar

La strada che da Banja Luka porta a Mostar vede il bianco, il rosso e il blu della bandiera serba prendere la forma scudata di quella croata. E nei boccali sempre più Karlovacko, sempre meno Jelen. Nei paesi della Federazione (la parte a maggioranza islamica del Paese), come a Konjic, ci sono ancora i minareti distrutti a ricordare quello che le targhe, dopo la guerra, hanno provato a cancellare: l’odio etnico. Già, le targhe: a conflitto concluso, per motivi di sicurezza, bisognava trovare un modo per immatricolare le automobili senza mostrare la città o l’area di provenienza, per evitare vandalismi e vendette. Si è deciso di prendere dai due alfabeti parlati nel Paese, il cirillico e il latino, solo le lettere presenti in entrambi. E poi mescolarle coi numeri. È stato forse il più grande successo diplomatico in trent’anni di Bosnia.

Il simbolo di questa integrazione rimasta solo sulla carta degli accordi di Dayton e mai iniziata davvero è Mostar, la città del ponte distrutto che ha saputo racchiudere in un’immagine la follia della guerra dei Balcani. A Mostar la vecchia linea del fronte, a pochi passi dal fiume, non c’è più, ma è come se ci fosse ancora. Non si spara, ma ci si guarda in cagnesco. I croati di qua, i bosgnacchi (i musulmani di Bosnia) di là. Stando alle statistiche, circa i due terzi dei croati di Mostar non l’ha mai attraversata, e viceversa. Nascere a destra o a sinistra di quella linea cambia il modo di mangiare, vestirsi, pregare. Insomma, vivere. La scuola ipocritamente chiamata "interetnica" dalle autorità locali segue la regola che è alla base di una divisione che rischia di essere eterna: "Due scuole, un tetto". Vale a dire, nello stesso edificio, cristiani e musulmani non vengono mai a contatto: ognuno le sue classi, ognuno le sue materie, ognuno la sua storia. Si studia e si cresce nello stesso posto, che però è un lontanissimo altrove.


Una barricata nel quartiere di Dobrinja (Keystone)

Miran Meksic, proprietario di un ostello, non se ne fa ancora una ragione. Indica la scuola e dice: "Questo è il luogo dove provano a rovinare le nuove generazioni". Ex soldato dell’esercito bosniaco e pacifista dichiarato, ama parlare di politica in modo schietto (sosteneva Gheddafi e sostiene Assad) con gli stranieri a tal punto da trovarsi a volte in situazioni tese con i suoi ospiti: «Non amo gli Usa, né questa Europa che accetta i croati, ma non i bosniaci. Dividono l’ex Jugoslavia tra chi ha soldi e chi no, tra chi ha un Dio e chi ne ha un altro. Così i croati hanno un passaporto europeo e io devo fare il visto». Miran parla del cognato ucciso con la stessa naturalezza con cui noi potremmo parlare di un incidente stradale, non di un omicidio in tempo di guerra. «Convivevamo tutti i giorni con quella follia e lo facciamo ancora. Io ad esempio so chi ha ucciso mio cognato. Ufficialmente non si sa. Ma io sì: nome, cognome, indirizzo. Non faccio vendette personali, aspetto i giudici, che però non arrivano mai». Raccoglie un bossolo da uno dei palazzi bombardati a rischio crollo e lo mette in tasca.

Queste case pericolanti sono ovunque, la maggioranza concentrata in via Tito, l’arteria principale della parte bosniaca della città. "Di qua hanno i soldi per le moschee, di là per le chiese. Ogni tanto ne spunta una nuova. Ma per scuole e ospedali niente. E di buttare giù o restaurare questi palazzi non se ne parla. Si mette un cartello con scritto ‘pericolo’ e ci si lava la coscienza. E la gente si abitua, ci parcheggia la macchina lì sotto". Mentre parla, una mamma col passeggino cammina sul marciapiede, sotto a quei cartelli penzolanti, a dimostrare che anche solo semplicemente attraversando la strada a Mostar si convive ancora con la guerra.

Le montagne di Karadzic

Pale, l’ex capitale della Repubblica Srpska nascosta tra le montagne che dominano Sarajevo, è un paesello come tanti, ma anche il luogo dove Radovan Karadzic mise il suo quartier generale durante l’assedio. Tutto è in cirillico, tra un po’ perfino le facce della gente. I vestiti degli uomini, il trucco delle donne, l’aria da vecchio mondo rurale dei negozi e l’odore stantio delle piazze: tutto contribuisce a pensare a Pale come un luogo chiuso, l’opposto dell’odiata, cosmopolita, Sarajevo. La bandiera del partito locale, dissimile solo nei dettagli da quella serba, è la dichiarazione di guerra in tempi di pace dalle stesse montagne da cui partivano i carri armati dei cetnici. In posti come questi fa proseliti Milorad Dodik, il leader dei serbi di Bosnia, che vuole la secessione della Republika Srprska e un esercito tutto suo.


I volantini con la ricompensa per informazioni su Karadzic (Keystone)

L’altra anomalia serba in terra di Bosnia è Sarajevo Est, uno dei quartieri più poveri della capitale. L’unico della città a far parte della Repubblica Srpska. L’unico da cui i serbi non se non sono mai andati. Si trova in realtà a ovest della città. Ma la schizofrenia che non ha abbandonato la politica di questi luoghi preferisce dare nomi che non abbiano a che fare con l’Occidente. Così ovest diventa est.

Benvenuti a Sarajevo

Sarajevo, invece, bellissima, col trucco rifatto, ma ancora visibilmente ferita, sembra vivere in un mondo a parte. Incastonata tra le montagne, impreziosita dall’eleganza dei suoi minareti, commovente per la presenza di una chiesa, una sinagoga e una moschea a pochi metri di distanza, è l’unico luogo d’Europa in cui convivono pacificamente le quattro maggiori religioni d’Occidente (cattolici, ortodossi, ebrei e islamici). Qui, nel vecchio centro storico, la Bascarsija, si possono vedere musulmani che pregano nella moschea accanto a chi ordina birra. La follia dei cetnici aveva ridotto questa città in una trappola: 12mila morti, 50mila feriti. Si viveva costantemente sotto il tiro dei cecchini. Decine, centinaia di bombe e granate sganciate ogni giorno. Ogni notte.

Oggi l’effetto delle granate è diventato un’opera d’arte e allo stesso tempo un luogo del ricordo. Il punto del terreno in cui cade la granata ha un centro rotondo e dei "raggi" che assomigliano ai petali di un fiore. Da lì l’idea di colorarli di rosso e trasformare un atto di guerra in uno d’amore, la "rosa di Sarajevo". Sono ovunque, basta camminare guardando in basso. Una si trova davanti al mercato di Markale, in pieno centro, dove un doppio bombardamento uccise oltre cento persone e di fatto costrinse, nel 1995, l’immobile comunità internazionale a fare qualcosa.


Uno dei cimiteri di Sarajevo sopra l’ex biblioteca bombardata (Keystone)

"Non c’era più niente ormai a Sarajevo, mancava la luce, l’acqua, ci scaldavamo bruciando libri, scarpe, alberi dei parchi, mobili. Mangiavamo, quando mangiavamo, verdure coltivate sui davanzali, razionavamo tutto", racconta l’ex soldato della Resistenza sarajevese Adnan: "A me ha salvato la Coca Cola. C’era una fabbrica in città con grandi depositi. Il fatto che contenesse caffeina e zucchero in quantità la rendeva più importante del cibo. Su quello, poi, non facevamo tanto i difficili. Una volta, tra i pacchi di aiuti alimentari arrivò un scatola di biscotti dalla Corea del Sud con data di scadenza 1958". Adnan sorride e dice: "Li ho mangiati. Buoni. O almeno me li ricordo buoni".

Quando arriviamo sul monte Trebevic (controllato dai serbi durante la guerra) per vedere uno dei simboli della Sarajevo devastata – la pista di bob ormai in disuso delle Olimpiadi del 1984 –, Adnan si raccomanda di non andare nel bosco per via delle mine: "Le aree a rischio sarebbero delimitate, ma dopo le alluvioni degli ultimi anni molte mine si sono spostate e non ci sono i soldi per andarle a individuare. Durante una festa organizzata in un parco definito "zona sicura", un bambino di sette anni ha messo un piede su una mina e ha perso una gamba. E poi dicono che la guerra è finita".


Un cimitero improvvisato vicino allo stadio delle Olimpiadi del 1984 (Keystone)

Il ponte di Vrbanja

Quando la guerra era ancora in corso, nei pochi momenti di tregua – grazie a lasciapassare rarissimi – chi stava da una parte della Miljacka poteva incontrare chi era rimasto dall’altra in un luogo dal nome beffardo, ponte della Fratellanza e dell’Unità. Poco oltre iniziava Sniper Alley, il viale dei cecchini, una strada larga e in cui nascondersi era quasi impossibile: una sorte di roulette russa in mano ai serbi, che avevano piazzato sui tetti i loro tiratori migliori.

Lì le facciate dei palazzi bombardati portano ancora i segni della guerra, proprio come all’angolo del ponte di Vrbanja, dove altri, dopo Suada Dilberovic e Olga Sucic, hanno perso la vita.

Il 19 maggio 1993 il ponte fu fatale ad Admira Ismic e Bosko Brkic: avevano entrambi 25 anni e stavano assieme da nove: lei bosgnacca, lui serbo bosniaco. Erano cresciuti insieme e insieme avevano deciso di abbandonare una Sarajevo che non riconoscevano più. Bosko morì all’istante, Admira, ferita, non si mosse e aspettò la morte accanto a lui. Fotografati sul selciato in un abbraccio tragico e profondamente umano in un luogo divenuto disumano, diventarono per tutti i Romeo e Giulietta di Sarajevo.


Admira e Bosko, i ‘Romeo e Giulietta’ di Sarajevo uccisi sul ponte di Vrbanja

I loro corpi senza vita rimasero lì 5 giorni. Sono stati seppelliti insieme nel Cimitero del Leone, sulle colline accanto allo stadio Kosevo, proprio quello delle Olimpiadi. Oltre il cimitero – che era stato chiuso e poi riaperto durante la guerra, quando a Sarajevo non si sapeva più dove mettere i morti – c’è il Bar Lav, il bar del Leone. Lì Bosko e Admira si erano innamorati, lì avevano progettato la fuga interrotta sul ponte di Vrbanja.

Al centro del ponte c’è una griglia dove si possono lasciare dei fiori e una targa con una scritta: "Kap moje krvi potece. I Bosna ne presusi": "Una goccia del mio sangue scorre. La Bosnia non diventerà arida".


Il ponte di Vrbanja, la targa e dietro i palazzi bombardati (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved