la-russia-cerca-una-soluzione-sull-afghanistan-senza-gli-usa
Un talebano pattuglia le strade di Kabul (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
6 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
6 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
10 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
11 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
11 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
12 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
12 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
13 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
19.10.2021 - 20:12
Aggiornamento : 21:19

La Russia cerca una soluzione sull’Afghanistan senza gli Usa

Dieci Paesi al vertice organizzato dal Cremlino. Tra gli invitati Cina, Iran e Pakistan: ci sono anche i talebani

Ansa, a cura de laRegione

Ora tocca all‘altro polo. È a Mosca, infatti, che s’è dato appuntamento il ‘rassemblement’ di chi vuole rammendare lo sbrego afghano, ferita aperta nel cuore dell’Asia Centrale sempre a rischio d’infettarsi con nuovi (o vecchi) estremismi. La due giorni diplomatica si apre con l’incontro della ’troika allargata’, la piattaforma che include Russia, Cina, Usa e Pakistan. Ma senza gli Stati Uniti: la nomina del nuovo inviato di Washington per l’Afghanistan è arrivata troppo tardi. Domani si prosegue con il formato di Mosca, che invece raccoglie i principali attori dell’area (sono attesi 10 Paesi in tutto).

Uno scatto in avanti per impetrare il multipolarismo tanto agognato da Vladimir Putin. “Ci aspettiamo la ripresa del dialogo, la condivisione dei punti di vista, il confronto delle posizioni al fine di rendersi conto di come la situazione in Afghanistan si possa sviluppare, con parametri certi“, ha osservato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. Intanto dalla troika iniziano ad arrivare le prime indicazioni. Ovvero "l’interesse comune a fornire assistenza umanitaria ed economica urgente all’Afghanistan”, anche alla luce delle possibili "minacce alla sicurezza”.

Con Cina, Iran e Pakistan

Ma è il summit del formato di Mosca a fare la parte del leone. Oltre a Russia, Cina e Pakistan ci saranno l‘India e l’Iran, più i vari ‘stan’ dell’Asia Centrale, in vario modo confinanti con il novello Emirato. Non solo. A Mosca verrà una delegazione di alto livello dei talebani, guidata dal secondo vicepremier Abdul Salam Hanafi. Il ministro degli Esteri Serghei Lavrov farà gli onori di casa e interverrà al summit, assistito dall’inviato speciale del presidente Vladimir Putin, Zamir Kabulov (un cognome che in russo significa ’di Kabul’).


Il ministro degli Esteri russo Lavrov (Keystone)

Al termine dei lavori è prevista una dichiarazione congiunta. Ma lo zar non punta a estromettere del tutto l’Occidente. Putin, alla vigilia della maratona negoziale, si è sentito al telefono con Mario Draghi e tra i temi della conversazione c’è stato proprio l’Afghanistan. Insomma, un collegamento strategico tra il G20 straordinario voluto dall’Italia e la plenaria dei 20 Grandi in programma a Roma per fine ottobre (alla quale Putin si è detto disposto a partecipare, benché in collegamento video).

Gli americani inseguono

Certo, il grande assente in questa fase è l’America. Il nuovo ‘uomo’ di Joe Biden per l’Afghanistan, Thomas West, è stato appena nominato - prende il posto del suo capo, Zalmay Khalilzad, dimessosi dopo il caos del ritiro Usa - e non ha fatto in tempo a inserirsi nel grande gioco. Dunque non un pregiudizio, ma un incidente di percorso.

Il formato di discussioni che coinvolge Russia, Cina, Stati Uniti e Pakistan “è stato efficace e costruttivo“ e gli Stati Uniti “non vedono l’ora” di impegnarsi in questo forum in futuro, ha notato il Dipartimento di Stato. La conferma viene proprio da Lavrov. “West ha telefonato a Kabulov e ha espresso rammarico per la sua assenza e ha detto che vuole assolutamente venire in Russa”, ha dichiarato Lavrov. "Noi saremo felici di accoglierlo”. Per quanto riguarda la presenza dei talebani a Mosca, il capo della diplomazia russa è stato netto: il loro riconoscimento ufficiale è fuori questione. L’idea, semmai, è quella "di incoraggiarli ad aderire alle dichiarazioni che hanno fatto quando sono arrivati al potere”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved