Ajoie
Lugano
19:45
 
Zugo
Bienne
19:45
 
Ginevra
Losanna
19:45
 
Friborgo
Berna
19:45
 
Langnau
Lakers
19:45
 
Zurigo
Davos
19:45
 
Langenthal
Olten
19:46
 
ucraina-si-rischia-di-passare-dal-poker-al-risiko
Volontari ucraini nel Donbass (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 min

L’Oms: la pandemia non è finita, probabili nuove varianti

Il direttore generale: ‘Omicron può essere in media meno grave ma la narrativa che si tratti di una malattia lieve è fuorviante’
Germania
7 ore

Covid-19, nuovo picco di incidenza in Germania

In 24 ore registrate 74’405 nuove infezioni. E i dati reali potrebbero essere ancora più elevati: i laboratori di analisi sono al limite
Europa
8 ore

È Roberta Metsola la nuova presidente del Parlamento europeo

L’eurodeputata maltese è stata eletta al primo turno con 458 preferenze (su un totale di 690 votanti)
Confine
9 ore

Trasporto pubblico, chieste le dimissioni dell’assessore

I comitati pendolari della Lombardia scrivono al presidente Attilio Fontana e denunciano il decadimento del trasporto, in particolare quello su ferro
Emirati Arabi Uniti
10 ore

Oltre dieci milioni di visite per Expo Dubai

Il traguardo è stato superato lo scorso weekend. E online i contatti sono già oltre 65 milioni. ‘È un risultato eccezionale’
Oceano Pacifico
11 ore

Tonga, la cenere sull’aeroporto ritarda gli aiuti

Si lavora per liberare la pista coperta dall’eruzione del vulcano. Salgono a tre le vittime finora confermate
Estero
22 ore

I Paperoni del mondo due volte più ricchi

Raddoppiati i patrimoni mentre aumenta la povertà nel mondo. Per Jeff Bezos (Amazon) 81,5 miliardi di dollari in più
francia
22 ore

Zemmour condannato per incitamento all’odio

Diecimila euro di multa per alcune sue frasi razziste, Ma il leader dell’estrema destra continua la sua campagna elettorale
Estero
23 ore

Crollano le nascite in Cina, mai così poche da 70 anni

Crollate per il quinto anno di fila, scivolando nel 2021 ai minimi dalla fondazione della Repubblica popolare nel 1949
medio oriente
23 ore

Gli Huthi attaccano coi droni il petrolio degli Emirati

Raid ad Abu Dhabi degli insorti yemeniti filo-iraniani. Riad condanna
02.12.2021 - 20:100

Ucraina: si rischia di passare dal poker al Risiko

Scontro Usa-Russia, presto un colloquio tra Biden e Putin per scongiurare la guerra. Ma la situazione sta precipitando

Le prove di guerra s’intrecciano alle prove di dialogo, in un mix potenzialmente esplosivo che sa tanto di giochi pericolosi. Perché basta un niente per passare dal poker al risiko. A dare le carte, per ora, sono (a turno) Russia e Usa. Al tavolo naturalmente siedono anche Ue e Ucraina. Ma oggi è stato il momento del faccia a faccia a Stoccolma tra il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov e il suo omologo americano Antony Blinken. Il confronto a tratti è stato molto duro.

Il segretario di Stato ha ribadito la linea della fermezza di Washington: se Mosca “aggredirà" Kiev, le conseguenze saranno "pesanti”, dunque meglio “stemperare” e lasciare spazio alla diplomazia. La Russia però non ci sta. La disputa non è nuova ma ora, dopo ben sette anni di stallo, i nodi stanno venendo al pettine. Il punto è sempre lo stesso. L’allargamento a est della Nato infrange le linee rosse di Mosca. Le autorità ucraine, è il ragionamento del Cremlino, forti del sostegno occidentale stanno alzando la posta in gioco e di fatto non attuano il loro ‘pezzo’ di accordo di Minsk, trasformando l’autonomia del Donbass, l’area contesa del sud del Paese a maggioranza russofona, in un miraggio.

“Ostilità probabili”

“Le ostilità sono ancora molto probabili, la retorica aggressiva di Kiev suggerisce un possibile scenario militare nel Donbass“, ha messo in guardia il portavoce di Vladimir Putin, Dmitry Peskov. Di più. Ieri al Parlamento il presidente Volodymyr Zelensky ha espressamente parlato di “riprendere” la Crimea. "Per noi questa è una minaccia diretta, che comprende anche l’uso della forza”, ha precisato Peskov. E si sa, Mosca non considera negoziabile la Crimea. Che è tornata russa, punto e basta. In questo scenario, teso, va considerato ogni segnale e sul cruscotto si stanno accendendo diverse spie. Il capo dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, ha dichiarato che in caso di guerra vera e propria chiederà "l’aiuto della Russia”. Difficile giocare a carte più scoperte di così.

Lavrov, seguendo la rotta tracciata da Putin, ha promesso “a breve“ la pubblicazione delle proposte di Mosca per una “cornice di garanzie” che stabilizzino la sicurezza nell’est europeo. "I tentativi della Nato di usare i nostri vicini come piazze d’appoggio per poi affrontare la Russia sono completamente inaccettabili”, ha tuonato Lavrov, allargando l’obiettivo non solo all’Ucraina ma anche (senza dirlo) alla Bielorussia (e forse anche alla Georgia). Il sunto del ministero, a colloquio ultimato, è cristallino: "Ignorare le legittime preoccupazioni della Russia e trascinare l’Ucraina nei giochi geopolitici degli Stati Uniti, sullo sfondo del dispiegamento delle forze della Nato nelle immediate vicinanze dei nostri confini, avrà le conseguenze più gravi e ci costringerà a prendere misure di ritorsione”. Ora la palla passa ai leader.

Summit imminente

Il summit (virtuale) tra Vladimir Putin e Joe Biden è dato come imminente, forse già nei “prossimi giorni", non appena si troverà la quadra fra le agende dei presidenti. Kiev, per parte sua, dice di non volere la guerra ma, nel salutare la partnership con gli Usa, assicura di lavorare “a stretto contatto” con Washington per sviluppare "un pacchetto completo di deterrenza, comprese severe sanzioni economiche, per demotivare la Russia da ulteriori mosse aggressive”. Parola del ministro degli Esteri Dmytro Kuleba, che pure ha avuto un incontro con Blinken a margine della riunione dell’Osce.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved