ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
29 min

Varese, Norman Gobbi passa il testimone a Massimo Sartori

All’assemblea generale Comunità di lavoro Regio Insubrica, la presidenza viene assunta dall’assessore della Regione Lombardia
Confine
1 ora

Muore sui monti del Lario mentre stava cercando funghi

Un anziano lecchese di 72 anni è stato rinvenuto privo di vita in fondo a un dirupo. Aveva raggiunto Punta di Reseg a Gazeno assieme ai familiari
Estero
8 ore

I filorussi si proclamano vincitori dei referendum

Secondo l’agenzia Tass nel Lugansk il ‘sì’ ha vinto con il 98,52%, nel Donetsk con il 94,75%, nell’area di Kherson con l’87,05%
medio oriente
13 ore

Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna

In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
20 ore

Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare

Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
20 ore

‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina

Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
21 ore

Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’

Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
1 gior

In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea

La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
1 gior

Elon Musk diventa il più ricco d’America

Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
1 gior

Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3

Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
Confine
1 gior

Scacchi, al Trofeo Castello in Valsolda vince Luca Baluta

La quinta tappa del VII° Grand Prix under 16 della Svizzera italiana si è tenuta sabato 24 settembre
LA GUERRA IN UCRAINA
1 gior

Un agosto a Kaliningrad

Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
13.01.2022 - 20:40

Mosca chiude al dialogo. Osce: ‘Guerra mai così vicina’

Gli Stati Uniti pensano a sanzioni per Putin, l’ira del Cremlino

Ansa, a cura de laRegione
mosca-chiude-al-dialogo-osce-guerra-mai-cosi-vicina
Carri armati in parata sulla Piazza Rossa (Keystone)

Mosca chiude al dialogo con Usa e Nato, vista l’indisponibilità dell’Occidente a prendere in considerazione le sue preoccupazioni sull’allargamento dell’alleanza. Ed evoca possibili missioni militari all’estero, ad esempio della marina, se gli Stati Uniti aumenteranno la pressione (si fanno i nomi di Venezuela e Cuba). Insomma, all’indomani del vertice Nato-Russia le nubi all’orizzonte, più che diradarsi, si addensano. Il monito dell’Osce - che a Vienna si è riunito per inaugurare la presidenza polacca - risulta dunque davvero cupo: “Ci troviamo davanti al più grande rischio di guerra in Europa degli ultimi 30 anni”.

Terzo round mancato

Nata nel pieno della Guerra fredda per ridurre le tensioni tra est ed ovest, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa avrebbe dovuto accogliere il terzo round di negoziati tra Russia e Paesi occidentali, allargando così il “cerchio del dialogo“, secondo la formula usata da Washington per descrivere la sua strategia di ‘engagement’ con Mosca - tra le 57 nazioni dell’Osce ci sono d’altra parte molti partner vicini alla Russia. Ma il Cremlino ha tagliato corto, definendo i colloqui "infruttuosi”. Il vice ministro degli Esteri Serghei Ryabkov, che a Ginevra aveva capeggiato la delegazione negli incontri con gli Usa, non considera a questo punto utile "proseguire con i negoziati”, dato che l’Occidente non ha intenzione di discutere le richieste russe sulle “garanzie di sicurezza” presentate a dicembre.

Mosca allora minaccia la scelta di “diversi mezzi e metodi" per proteggere i propri interessi, adottando un linguaggio molto più fosco di quello scelto negli scorsi giorni. Certo, a pesare - e molto - c’è anche la comparsa del disegno di legge del Senato americano sul "rafforzamento della sovranità ucraina" che, tra le altre cose, immagina possibili sanzioni anche contro il presidente Vladimir Putin in persona. "Questo equivarrebbe all’interruzione della relazioni fra i nostri Paesi”, ha tuonato il portavoce dello zar Dmitry Peskov. La duplice strategia degli Usa, bastone e carota, dialogo e sanzioni, non piace per nulla alla Russia. Anche perché le aperture di ieri della Nato, notano diverse fonti moscovite, si concentrano tutte su “dossier minori” lasciando immutato lo zoccolo duro del contendere. Così i toni cambiano.


Jet russi pre-allertati (Keystone)

Minacce incrociate

I funzionari russi parlano apertamente “di piani d’azione militari" consegnati a Putin per fronteggiare "un deterioramento della situazione in Ucraina”. Lo stesso Ryabkov non ha "escluso" né "confermato" la possibilità di ingaggiare le forze armate russe, con quel riferimento a eventuali missioni della marina a Cuba che riporterebbero davvero le lancette dell’orologio indietro nel tempo di esattamente 60 anni. La sensazione, allora, è che il balletto non possa continuare per sempre (Mosca chiede agli Usa “risposte scritte” entro una settimana).

A Brest, dove si è tenuto l’informale Difesa dei 27 paesi Ue, seguito da quello degli Esteri, il caso russo è finito al centro dell’attenzione. “È stata un’occasione per uno scambio di vedute sul tema della sicurezza in Europa e come Europa siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità e imporre alti costi alla Russia se invaderà l’Ucraina", ha detto la ministra della Difesa francese Florence Parly, sottolineando che la “bussola strategica” è la vera priorità del semestre di presidenza transalpino. "Abbiamo bisogno di un’Ue che sia capace di parlare a una sola voce, difendere i propri interessi e i propri cittadini nel mondo e che sia libera dagli appetiti degli altri Paesi”, ha chiosato.

L’Alto rappresentante per gli affari esteri Ue, Josep Borrell, ha quindi ricordato il “perfetto coordinamento" tra Europa e Stati Uniti per quanto riguarda i negoziati con Mosca stroncando una volta di più i malumori per una presunta assenza dell’Unione dai tavoli che contano. Resta il fatto che gli “alti costi” per le eventuali scelte azzardate di Mosca restano confinate alle sfera "politico-economica”. Banalmente: se Putin muove i tank, gli ucraini se la dovranno vedere da soli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved