i-russi-non-si-ritirano-la-nato-si-rafforza-a-est
Truppe ucraine sotto la neve (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
Estero
3 ore

Treno colpisce un camion e deraglia in Missouri, morti e feriti

L’incidente è occorso ad un incrocio stradale nei pressi della città di Mendon, a circa 130 chilometri da Kansas City
Estero
4 ore

Un tribunale della Louisiana ferma il divieto di aborto

Lo Stato, uno dei primi a mettere fuori legge l’interruzione di gravidanza dopo la decisione dalla Corte Suprema, riprenderà gli interventi
Estero
4 ore

Italia: il centrodestra si lecca le ferite, il Pd sorride

I ballottaggi delle amministrative rimescolano gli equilibri delle coalizioni. Giorgia Meloni chiede un vertice.
Estero
4 ore

Giordania, fuga di gas causa almeno dodici morti

Una nave cisterna ancorata nel porto di Aqaba ha fatto fuoriuscire una non meglio precisata nube tossica color giallo
Estero
6 ore

In Italia da fine giugno autostrade più care dell’1,5%

Il rincaro, definito ‘risibile’ dall’ad Tomasi, avverrà sui tratti del gruppo Autostrade per l’Italia, fra cui l’A9 Como-Chiasso e l’A8 dei Laghi
Ucraina
7 ore

Bombe su un centro commerciale a Kremenchuk, almeno dieci morti

Secondo le autorità ucraine nel centro commerciale bombardato dai russi erano presenti oltre mille civili. La struttura è in fiamme
Estero
8 ore

Per la Corte Suprema Usa pregare in campo è un diritto dei coach

Secondo i ‘saggi’ la scuola che ha sospeso un allenatore che pregava dopo le partite sul campo ha violato i diritti stabiliti dal Primo Emendamento
Confine
8 ore

Promettevano di raddoppiare gli investimenti, condannati

Protagonista della truffa una coppia di coniugi residente a Como, che ha deciso di patteggiare la pena
Estero
12 ore

Stragi a Parigi, Abdeslam: ‘Ho sbagliato, ma non sono un killer’

Si è chiuso in Francia il maxi-processo per gli attentati del 13 novembre 2015. Il verdetto atteso per mercoledì sera
Francia
15 ore

In Francia gli autotrasportatori incrociano le braccia

La rivendicazione principale dello sciopero è quella di un aumento degli stipendi. Blocchi in tutto il Paese e forti disagi alla circolazione
Speciale Ucraina
15 ore

Dalle macerie di un edificio spuntano cento corpi

A Mariupol, dove oggi rimangono ancora 100’000 persone, una delle più grandi tragedie della guerra innescata dalla Russia in Ucraina
Italia
16 ore

Bimba chiusa in auto per errore, la salva un carabiniere

La madre ha lasciato per errore in auto le chiavi ed è scattata la chiusura automatica. Per soccorrerla il militare ha sfondato un finestrino con un sasso
ucraina
16.02.2022 - 22:39
Aggiornamento: 23:04

‘I russi non si ritirano’, la Nato si rafforza a Est

Continua la guerra di nervi: l’Occidente teme il bluff di Putin, che però conferma l’apertura diplomatica

Ansa, a cura de laRegione

E’ una guerra per ora solo di nervi quella che si sta consumando tra l’Occidente e Vladimir Putin sulla frontiera ucraina. All’indomani dell’annuncio del Cremlino sulla fine parziale delle esercitazioni e il rientro dei soldati alle loro basi, la Nato continua a non vedere “alcun ritiro delle truppe russe dai confini dell’Ucraina. Anzi - ha accusato il segretario generale dell’Alleanza Jens Stoltenberg nel corso della ministeriale Difesa a Bruxelles - Mosca sta inviando altre forze”. L’Occidente, immagini satellitari alla mano, teme insomma il bluff dello zar e oggi si è mostrato unito come non mai nel respingere l’assalto ibrido russo per forzare la mano a Europa, Usa e Nato su un nuovo assetto di sicurezza.

I segnali di apertura diplomatica da Mosca ci sono, tutti i leader lo riconoscono. “Dopo le parole però adesso ci vogliono i fatti", ha sintetizzato la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. Se di distensione si tratta, è al ralenty. Come confermano anche le parole del presidente ucraino Volodymyr Zelensky: "Le truppe russe non se ne vanno davvero, si avvicendano”, ha avvertito, aggiungendo quasi a farsi coraggio che il suo Paese "non teme nulla e nessuno" ed è pronto a difendersi. Accogliendo al quartier generale i 30 ministri della Difesa alleati, Stoltenberg non a caso ha definito le "minacce militari" della Russia come un tentativo d’imporre “una nuova normalità” nell’est. E ottenere concessioni. Ma ha anche professato “cauto ottimismo” per la volontà manifestata da Putin di voler proseguire il percorso della diplomazia.

Previsioni Usa smentite

In Crimea d’altra parte le immagini rilanciate dai media mostrano i mezzi russi lasciare la penisola - annessa nel 2014 - attraverso il ponte costruito (a caro prezzo) dai fratelli Rotenberg, oligarchi di nuovo conio e pezzi da novanta del cerchio magico di Vladimir Putin. Il ministero della Difesa ha inoltre annunciato che quando le esercitazioni congiunte con la Bielorussia termineranno (il 20 di febbraio) gli effettivi faranno rientro in patria. “Vorrei chiedere alle fonti di disinformazione statunitensi e britanniche di pubblicare il programma delle nostre imminenti invasioni per l’anno: mi piacerebbe pianificare le mie vacanze”, ha sferzato caustica la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova.


Vladimir Putin e Joe Biden a Ginevra (Keystone)

La tanto paventata invasione prevista da Washington e Londra fin quasi nell’orario preciso, non si è infatti materializzata. Ma per una colonna di tank che fa rientro negli hangar, c’è un’altra esercitazione che inizia, questa volta nel Mediterraneo. Con i bombardieri a lungo raggio a capacità nucleare e i jet da combattimento armati di missili ipersonici dislocati nella base aerea siriana di Khmeimim. Mosca, dal canto suo, ora si gioca la carta delle contro accuse. È l’Occidente che rimpinza di armi l’Ucraina per "spingerla alla guerra" o a "una provocazione" nel Donbass e al contempo reputa “positiva” l’offerta di Joe Biden a continuare il dialogo. Putin ha poi per il momento declinato la richiesta della Duma di riconoscere le repubbliche separatiste filo-russe di Donetsk e Lugansk poiché “non in linea” con il trattato di Minsk. Come dire: noi rispettiamo i patti.

La diplomazia

Parole di pace, se così si può dire, arrivano anche dall’Alto rappresentante della politica estera Ue Josep Borrell (non certo un russofilo), che ha invitato a considerare le “legittime preoccupazioni" della Russia in termini di sicurezza. L’intesa finisce ad ogni modo qui. Borrell ha parlato chiaramente di uno “scontro di valori” tra il “democratico” Occidente e "l’autoritaria Russia”, che teme il successo dell’Ucraina perché sarebbe la sconfitta del suo modello. Il coordinamento allora continua: domani si terrà il Consiglio Ue informale sulla crisi ucraina, l’incontro alla Nato con gli omologhi di Ucraina e Georgia e sabato la riunione dei ministri degli Esteri del G7.

In serata c’è stata l’ennesima telefonata tra Biden ed Olaf Scholz, mentre il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è a Mosca per incontrare Serghei Lavrov dopo la tappa di martedì a Kiev. L’Ue ha promesso che “non abbandonerà mai” il popolo ucraino ma Berlino non nasconde di essere pronta ad andare incontro al Cremlino su qualche aspetto. Tipo tempi di attesa lunghi sull’eventuale ingresso di Kiev nella Nato, che però la Russia ribadisce di non poter accettare né ora né mai.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diplomazia kiev mosca nato russia ucraina vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved