usa-boom-di-vendite-di-armi-con-la-pandemia
Un negozio di armi in Pennsylvania (Keystone)
Estero
01.08.2021 - 20:400
Aggiornamento : 21:21

Usa: boom di vendite di armi con la pandemia

Stati Uniti a corto di munizioni. Le aziende promettono di accelerare la produzione tra le polemiche

La pandemia innesca una corsa alle armi negli Stati Uniti. E ora, dopo mesi di acquisti sfrenati, gli States si ritrovano a corto di munizioni. I produttori assicurano: "Stiamo facendo del loro meglio per soddisfare la domanda". Ma in molti negozi i proiettili scarseggiano e i prezzi sono in aumento.

La corsa ad armarsi è scattata in seguito al timore di tensioni sociali, all'aumento della violenza e all'elezione di Joe Biden, che ha riportato alla ribalta la paura di una stretta su pistole e fucili. Ma anche alla maggiore disponibilità di tempo libero, che ha fatto emergere l'anima da cacciatori degli americani, molti dei quali hanno imbracciato un fucile per la prima volta e si sono lanciati nella caccia.

Bisogno di "protezione"

La National Shooting Sport Foundation stima in 50 milioni gli americani che partecipano a sport in cui si spara negli Usa e ritiene che 20 milioni di armi siano state vendute nel 2020. Secondo altre stime, durante la pandemia sono state vendute fra gli 8 e i 9 milioni di pistole a gente che non aveva mai avuto un'arma. A ogni pistola sono allegate due scatole di munizioni, per un totale di almeno 800 milioni di nuovi proiettili. E questo senza contare chi un'arma già ce l'aveva e ne ha acquistate altre per 'proteggersi'. "All'inizio della pandemia abbiamo assistito a una corsa alla carta igienica, ora vediamo una corsa alle munizioni", commentano alcuni.

I numeri

L'aumento delle vendite è confermato anche dai dati: se nel 2010 sono stati 14,4 milioni i background check eseguiti per gli acquisti, nel 2020 sono balzati a 39,7 milioni. I controlli sono già a 22,2 milioni nei primi sei mesi del 2021. Per far fronte alla carenza di munizioni prodotte nel Paese, l'import da Russia, Corea del Sud e altri paesi sono salite del 225% negli ultimi due anni, secondo alcuni analisti. Numeri che, complessivamente, mostrano la voglia di armi degli americani e la battaglia tutta in salita della Casa Bianca e dei democratici per rendere l'accesso alle pistole e ai fucili più difficile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved