chi-era-madoff-l-ex-bagnino-diventato-re-della-truffa
Bernie Madoff, condannato a 150 anni di carcere (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Trovati i corpi di 20 giovani in un nightclub in Sudafrica

Le vittime non presentano ferite. Non sono ancora note le cause dei decessi.
Estero
3 ore

Ucraina: attacco missilistico su Kiev

La capitale non veniva colpita da bombardamenti da circa tre settimane. Il sindaco: ‘La Russia cerca di intimidire gli ucraini prima del vertice Nato’
Estero
3 ore

Oms: il vaiolo delle scimmie non è ora un’emergenza sanitaria

Dall’inizio di maggio è stato rilevato un aumento dei casi lontano dai Paesi dove la malattia è da tempo endemica.
Estero
17 ore

‘Severodonetsk completamente occupata dall’esercito russo’

La città è stata teatro di feroci combattimenti per diverse settimane.
Estero
21 ore

Sparatoria a Oslo, si indaga per atto di terrorismo islamico

Il sospettato è nel radar dell’intelligence norvegese dal 2015 per l’appartenenza a una rete estremista. Annullata la marcia Lgbt prevista per oggi.
Estero
1 gior

Siccità in Italia: ‘Quasi tutto il Paese entrerà in zona rossa’

Il ministro delle Politiche agricole Patuanelli parla di situazione drammatica. Ieri in Lombardia è stato decretato lo stato di emergenza.
Estero
1 gior

Kiev: ‘Dalla Bielorussia lanciati missili contro Chernihiv’

L’attacco alla regione ucraina sarebbe avvenuto intorno alle 4 di questa mattina (ora svizzera)
Estero
1 gior

Borrell arrivato in Iran per rilanciare l’accordo sul nucleare

L’alto rappresentante per politica estera dell’Ue cercherà di convincere il Paese a firmare l’intesa
Estero
1 gior

Sparatoria a Oslo: due morti e 14 feriti. Arrestato un uomo

L’attacco è avvenuto in tre luoghi vicini: il club gay London Pub, il jazz club Herr Nilsen e un punto vendita di cibo da asporto.
Estero
1 gior

Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi

Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
1 gior

L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti

Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
1 gior

La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto

Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
Estero
1 gior

Germania, abolito il divieto di informare sull’aborto

Il parlamento tedesco ha votato la cancellazione del paragrafo 219a del codice penale, risalente ai primi mesi della dittatura nazista
14.04.2021 - 20:06
Aggiornamento : 20:25

Chi era Madoff, l'ex bagnino diventato re della truffa

Morto in carcere a 82 anni: raggirò migliaia di investitori, dai divi di Hollywood alle banche svizzere, promettendo guadagni con soldi che non aveva

Fondò la sua prima società nel 1960, ad appena 22 anni, con i 5’000 dollari guadagnati facendo il bagnino. Mezzo secolo più tardi affogarono tutti. Lui, i figli e migliaia di investitori in tutto il mondo: banche, assicurazioni, fondi d'investimento, stelle di Hollywood, multimilionari e poveri cristi. Tutti accomunati da un desiderio, fare soldi, farli in fretta.

A promettere tutto questo era Bernard Lawrence Madoff, per i tanti amici - prima - quando era Re Mida, e per i tantissimi nemici - poi - quando l’impero dei soldi facili crollò, semplicemente Bernie. Avrebbe compiuto 83 anni fra due settimane, ma è morto ieri, nel carcere federale di Butner, in North Carolina, mentre stava scontando l’undicesimo di 150 anni di carcere. Per descriverlo in due parole basta quello che di solito non basta mai, le prime righe della sua pagina di Wikipedia: “Madoff è stato un banchiere e criminale statunitense, condannato per una delle più grandi frodi finanziarie di tutti i tempi”. È una storia da film la sua, infatti ne hanno girati due mentre era ancora in vita, in uno ad impersonarlo c'era Robert De Niro.

Quel che rende incredibile la sua vicenda è la facilità con cui riuscì a organizzare una truffa di dimensioni tali (65 miliardi di dollari) che per descriverla al meglio bisogna inventare misure che non esistono: Madoff fece sparire l’equivalente del Pil di Croazia e Uruguay messi assieme. E lo fece con lo Schema Ponzi, niente di più di una catena di Sant’Antonio con i soldi. Tantissimi soldi, in questo caso. Ci cascarono tutti, perché Madoff era ricco e rispettato, perché i controllori quando vanno a controllare l’ex presidente del Nasdaq (la borsa americana dei titoli informatici e tecnologici), magari chiudono un occhio o non li aprono proprio.

Lo Schema Ponzi

Lo Schema Ponzi di Madoff ricalcava quello dell’uomo che gli diede il nome. Non l’inventore bensì il perfezionatore, Charles Ponzi, all’anagrafe Carlo, un italiano di Lugo di Romagna andato a cercare fortuna e guai negli Stati Uniti a inizio Novecento, quando Madoff doveva ancora nascere. Lo Schema, da un franco a mille fantastiliardi, è sempre lo stesso: al cliente viene promesso un guadagno superiore a quello del mercato (in questo Madoff era furbo, prometteva il 10 per cento a prescindere dagli andamenti del mercato, comunque meno di altri fondi più spericolati, ma che almeno agivano entro i limiti della legge); in tempi brevi all’investitore viene restituita una somma cospicua, in modo da far credere che il sistema funzioni, in modo da far spargere la voce, portare nuovi clienti e denaro fresco. I soldi però non sono realmente investiti, ma arrivano da chi è incautamente caduto nella rete. Gli interessi vengono così pagati finché qualcuno immette altro denaro in circolo. Quando i nuovi flussi scarseggiano o quando troppi investitori chiedono indietro la loro fetta, l’intero sistema crolla in un attimo.

Quello di Madoff crollò, in un attimo, in seguito alla grande crisi economica iniziata nel 2007 ed esplosa l’anno successivo. I suoi clienti spaventati chiedevano soldi che non esistevano più. L’11 dicembre del 2008 Madoff viene arrestato. Il suo piano, miseramente fallito, diventa inclinato: la pallina inizia a rotolare, travolgendo tra gli altri Steven Spielberg, John Malkovich, Zsa Zsa Gabor, Kevin Bacon, l’anchorman Larry King, il leggendario giocatore di baseball Sandy Koufax e il premio Nobel per la Pace Elie Wiesel. E una lista infinita di banche e società, più o meno esposte. Ventuno erano svizzere, tra cui Nbp, Ubp, Reichmuth & Co., Hyposwiss e Swiss Life.

Gioielli e mutande all'asta

Saranno almeno quattro i suicidi legati al crack causato da Madoff. Tra coloro che si tolsero la vita - nel 2010 - anche il figlio 45enne del bancarottiere, Mark, direttamente coinvolto nello Schema Ponzi attivato dal padre. Provò senza successo a tenere il resto della famiglia fuori dai guai, dichiarandosi l’unico colpevole. L’altro figlio Andrew morirà di cancro nel 2014, il fratello Peter finirà anche lui in carcere.

Seguiranno aste fallimentari che diventano perversamente di culto. Migliaia di partecipanti che si sfidano a suon di rilanci per avere un pezzo dell’impero che andava in pezzi. Dalle case di Madoff a New York e in Florida vengono prelevate e cedute al miglior offerente opere d’arte, fotografie, giacche da baseball con il suo nome stampato dietro a caratteri cubitali, set di bicchieri e posate a tanti zeri, gioielli, pianoforti Steinway e Rolex d’oro. Riusciranno a vendere, per duecento dollari, persino uno scatolone con dentro 14 paia di boxer. Nemmeno in mutande l’hanno voluto lasciare nella sua discesa agli inferi. Spietati, come spietato era lui. That’s America.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bernie madoff schema ponzi stati uniti truffa del secolo wall street
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved