ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Diversificazione positiva, ma verso la penuria di manodopera

È la fotografia dell’economia ticinese scattata da uno studio di Credit Suisse su occupazione, attrattiva residenziale, demografica e mercato immobiliare
Economia
1 gior

Fino a che punto il franco potrà diventare ancora più forte?

La Bns non interviene più per impedire le pressioni al rialzo della divisa elvetica, che proteggono parzialmente dall’eccessiva inflazione
Economia
4 gior

Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi

Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
1 sett

Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’

La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
1 sett

Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’

Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
2 sett

Agosto col segno negativo per le casse pensioni

Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
2 sett

Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea

L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
2 sett

Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’

In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
2 sett

Nubi all’orizzonte e pessimismo sulla svolta energetica

La Svizzera ha sempre importato energia elettrica in inverno e quindi si è affidata all’estero: “Ora non si sa se ciò sarà ancora possibile in futuro”
Economia
3 sett

Aumento fra il 4 e il 5% dei salari dei giornalisti

A sostenere la richiesta l’associazione svizzera di categoria Impressum come rivendicato dall’Unione sindacale confederata
Economia
3 sett

Una capsula per il caffè che non è una... capsula

Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
3 sett

Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record

Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
3 sett

Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda

Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
Economia
3 sett

Pil progredito in Svizzera del 2,8% su un anno

Traino l’aumento della spesa dei consumatori dovuto all’abolizione delle misure contro il Covid-19
Economia
4 sett

Materie prime, luci e ombre sui prezzi in calo

Dopo lo shock ‘bellico’ scendono fortemente petrolio, metalli, cereali. Ma dietro c’è il timore di una recessione
Economia
4 sett

Rincaro del grano e fenomeni meteo estremi fanno volare Syngenta

Nel primo semestre dell’anno il fatturato del colosso agrochimico (svizzero, ma in mani cinesi) è lievitato del 25%, a 18,1 miliardi di dollari
26.06.2022 - 14:00
Aggiornamento: 16:35

‘Blockchain, tecnologia ad alto potenziale ma poco compresa’

Intervista a Jenny Johnson, da due anni Ceo di Franklin Templeton. ‘Futuro con alti tassi di interesse, ambiente al quale i gestori non sono più abituati’

di Giuditta Marvelli, L’Economia
blockchain-tecnologia-ad-alto-potenziale-ma-poco-compresa
Keystone
Nel complesso mondo fintech

Fintech e mercati ‘private’. Le due parole per sintetizzare i piani di Franklin Templeton, storico gestore indipendente americano che oggi gestisce 1’500 miliardi di dollari, sono sofisticate. Racchiudono due mondi, quello dell’innovazione tecnologica nella finanza e quello degli investimenti in aziende non quotate, sempre più importanti ma non sempre comprensibili. Soprattutto per i piccoli risparmiatori. Però Jenny Johnson, Ceo dell’azienda da due anni, una lunga carriera dentro il gruppo fondato da suo nonno 75 anni fa, è capace di aprire all’interlocutore le porte di tutti e due. Chi scrive ha ricevuto da questa signora appassionata e non da un giovane nerd, la spiegazione più interessante sentita fino a oggi sul tema della blockchain. Johnson ha guidato (e non è finito, dice) un processo di crescita per acquisizioni che ha portato al raddoppio delle masse gestite. L’ultima, due settimane fa, è stata quella di Alcentra.

L’Italia quanto è importante per voi?

Molto. Siamo nel vostro Paese da 25 anni. È un mercato aperto, pieno di risparmio.

Come vede i mercati?

Per i gestori attivi, come siamo noi, un quadro di grande volatilità consente di mostrare il proprio valore. Purtroppo non vedo soluzioni semplici per la guerra. Il rischio è un "congelamento" del mondo con una polarizzazione Russia-Occidente – e Cina e India amiche di tutti e di nessuno – che porterà anche a una circolazione più frammentata dei capitali.

E l’inflazione?

Ci aspetta un futuro con alti tassi di interesse, un ambiente dove i gestori non sono abituati a lavorare da molti anni. In parte è generata dai lockdown cinesi, che andranno avanti fino a novembre, cioè fino alla rielezione di Xi Jinping. Ma mentre il caro prezzi in Europa è legato a cibo ed energia, quello negli Stati Uniti è decisamente più "cattivo". La Fed non avrà altra scelta se non quella di alzare i tassi in maniera aggressiva.

Negli ultimi anni avete fatto molte acquisizioni. Ne farete ancora?

La scorsa settimana abbiamo annunciato quella di Alcentra, uno dei maggiori gestori europei specializzati in credit e private debt, con 38 miliardi di dollari di asset. Con quella di Legg Mason, due anni fa, è iniziato un percorso di crescita che ci ha portato a essere un asset manager da oltre 1’500 miliardi di dollari con un registro completo di offerta: dagli Etf, tra i più economici del mercato, ai fondi specializzati nei mercati private. Soprattutto private credit e real estate. Ma anche private equity. Un settore, quest’ultimo, in cui ci piacerebbe allargare ancora la nostra gamma di prodotti, magari con un focus sulle infrastrutture. Ma faremo acquisti, se troviamo società interessanti, anche nel campo del Fintech. Per aumentare l’efficienza dei servizi da offrire ai consulenti che lavorano con noi.

Perché è così importante il mercato private per gli asset manager oggi?

Perché il mercato dei fondi che investono in asset quotati si è ristretto, mentre quello dei portafogli "private" è in espansione. E siccome si è allungato il tempo in cui una società resta "private" prima di approdare in Borsa, non investire in questo settore significa perdere molte opportunità. Secondo le nostre stime se un fondo pensione investisse tra il 10 e il 30% in private credit e real estate il rendimento finale medio si alzerebbe di una quota che va dall’1% al 3% l’anno.

Ma quali sono i rischi?

Ci sono due grandi sfide da accettare: l’illiquidità e i costi. C’è una grande dispersione di rendimenti nel settore: chi performa bene si fa pagare molto. Chi ha risultati mediocri costa poco. Offrire risultati discreti a prezzi accettabili è la prossima gara.

Avete lanciato mesi fa un fondo monetario ‘tokenizzato’ acquistabile con ewallet disponibile su Apple store. Come funziona?

È un monetario "dematerializzato", non serve intermediazione per usare il denaro investito. In teoria si può utilizzare come metodo di pagamento in un negozio. Si può comprare e vendere senza data/valuta e senza intermediari in qualsiasi momento. È l’unico del genere dotato di autorizzazione Sec (la Consob Usa). In sintesi propone al risparmiatore i principali vantaggi della tecnologia blockchain: semplificazione e costi ridotti. Certo per poterlo utilizzare serve che il sistema sia diffuso, per esempio che i negozi accettino questo tipo di transazione, e oggi così non è. Per il momento il fondo è disponibile solo in alcuni Stati degli Usa.

È una fan della blockchain?

Sì. Credo sia una tecnologia ancora poco compresa. Eliminando la necessità della terza parte che convalida i contratti, aiuta a ridurre i costi e aumenta il potere contrattuale di chi ne ha di meno. Faccio un esempio a cavallo tra finanza e industria: una piccola azienda che sta alla fine di una catena di fornitura in cima alla quale c’è una società molto grande e forte, oggi se vuole credito da una banca può solo dichiarare i rapporti commerciali con i suoi clienti diretti, poco importanti. E non avrà abbastanza peso per ottenere soldi a un buon tasso. Domani, con un token che certifica in modo inequivocabile la sua appartenenza a quella catena che termina con un nome di spicco, potrà farsi valere. E strappare finanziamenti a un tasso migliore.

E dei bitcoin che cosa pensa?

Le criptovalute sono come una religione, qualcosa che secondo alcuni ci salverà, secondo altri ci distruggerà. A me interessa solo la tecnologia con cui sono fatte. La blockchain, appunto. Che ha delle enormi potenzialità positive in tutti i campi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved