bns-tasso-guida-resta-a-0-75-interessi-negativi-confermati
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
5 ore

Mobilezone migliora i risultati nel primo semestre

Risultati globalmente in rialzo nella prima parte dell’anno: tra gennaio e fine giugno, il gruppo ha realizzato un fatturato di 499,6 milioni
Economia
4 gior

Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse

Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
4 gior

Cambio franco-euro, battuto un nuovo record

Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
4 gior

Produzione e import, prezzi in calo in luglio

Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
1 sett

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
2 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
2 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
2 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
2 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
2 sett

Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno

L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
16.12.2021 - 09:49
Aggiornamento: 15:07
Ats, a cura de laRegione

BNS: tasso guida resta a -0,75%, interessi negativi confermati

La Banca nazionale svizzera lascia invariata la sua politica monetaria, ribadendo la disponibilità a interventi contro la pressione al rialzo sul franco

Confrontata con un franco che di recente ha raggiunto i massimi da oltre sei anni la Banca nazionale svizzera (BNS) non sposta di un millimetro la sua politica monetaria, che rimane ultra-espansiva. Le previsioni di inflazione vengono ritoccate al rialzo, ma solo leggermente.

Il tasso guida viene mantenuto fermo al -0,75% e sono confermati anche gli interessi negativi, pure del -0,75%, sui conti giro presso la BNS, cioè quelli a carico delle banche che depositano il loro denaro presso l’istituto. L’obiettivo rimane quello di garantire la stabilità dei prezzi e di sostenere la ripresa dell’economia svizzera dalle conseguenze della pandemia, afferma la BNS in un comunicato odierno.

Nell’ambito del tradizionale esame trimestrale della situazione economica e monetaria la banca ha oggi ribadito inoltre la disponibilità a procedere a interventi sul mercato dei cambi per contrastare la pressione al rialzo sul franco. “Il franco ha tuttora una valutazione elevata”, afferma la BNS.

Se per il resto le decisioni erano ampiamente attese, proprio quest’ultimo punto aveva fatto discutere negli scorsi giorni. Gli specialisti si chiedevano infatti se non sarebbe cambiato il “wording”, cioè l’apprezzamento della situazione che avviene attraverso i commenti, indicazioni sulle quali i mercati finanziari sono sempre molto sensibili. La sorpresa che taluni si aspettavano non c’è quindi stata: e non mancano gli osservatori che vedono una certa contraddizione fra il considerare il franco ancora troppo forte e il fatto che negli ultimi mesi gli interventi della BNS siano stati relativamente limitati. “Non sarebbe ora di lasciare il franco in libertà?”, si è chiesto per esempio un analista.

È inoltre opinione dominante che l’istituto, prima di operare un’eventuale stretta della sua politica, debba prima aspettare un analogo movimento della Banca centrale europea (BCE), che nell’immediato non appare però all’orizzonte. Intanto la Federal Reserve si sta invece già muovendo per normalizzare il suo approccio monetario: ieri ha annunciato un’accelerazione del processo di riduzione degli acquisti di attivi e ha mostrato flessibilità sui tassi di interesse, pronosticando tre aumenti per il 2022.

La BNS appare da parte sua immobile. La Svizzera conferma così anche dopo la giornata odierna di avere il tasso direttore più basso del mondo. E prosegue nel cammino degli interessi negativi introdotti nel gennaio 2015, allora considerati una sorta di bizzarria temporanea, ma che nel frattempo sono in vigore da quasi sette anni, con ripercussioni in parecchi ambiti, non da ultimi quelli dell’immobiliare o delle pensioni.

L’attenzione degli specialisti era però oggi rivolta anche alle previsioni della BNS, in particolare quelle relative all’inflazione. Il rincaro dovrebbe attestarsi al +0,6% quest’anno, per poi passare al +1,0% nel 2022; i pronostici di settembre erano rispettivamente di +0,5% e +0,7%; rimane per contro invariata al +0,6% la stima per il 2023.

L’istituto ha anche ritoccato al rialzo le sue previsioni di crescita economica per il 2021 e ha avanzato una prima stima per il 2022: il prodotto interno lordo (Pil) dovrebbe salire quest’anno di “circa il 3,5%”, a fronte del “circa il 3%” stimato tre mesi or sono, mentre per i dodici mesi successivi il pronostico è di “circa il 3%”.

Nel suo scenario di base per l’economia planetaria la BNS ritiene che, nonostante l’attuale andamento sfavorevole della pandemia, non si imporranno nuovamente vaste misure di contenimento. La ripresa congiunturale dovrebbe pertanto continuare, seppure a un ritmo un po’ attenuato.

In Svizzera intanto l’economia è tornata a crescere in modo vigoroso. Il miglioramento della previsione del Pil 2021 è legato al fatto che alcuni comparti del terziario, come i servizi di alloggio e ristorazione, hanno mostrato un andamento più dinamico del previsto. Segnali positivi si delineano anche sul fronte del mercato del lavoro. “Recentemente, però, la congiuntura ha di nuovo perso parte del suo slancio”, mette in guardia l’organismo guidato dal 2012 da Thomas Jordan.

Preoccupazioni giungono dal mercato immobiliare. I prestiti ipotecari e i prezzi degli immobili residenziali sono fortemente cresciuti negli ultimi trimestri, constata ancora una volta la BNS. Nel complesso, la vulnerabilità del mercato ipotecario e di quello immobiliare si è quindi ancora accentuata.

La Banca nazionale verifica regolarmente la necessità di riattivare il cosiddetto cuscinetto anticiclico di capitale, cioè lo strumento che obbliga le banche a detenere fondi propri supplementari a copertura dei crediti ipotecari per gli immobili d’abitazione: un fattore di sicurezza soppresso nel marzo 2020, sulla scia della crisi del Covid, proprio per dare maggiore margine di manovra alle banche nella concessione dei crediti e arginare quindi le conseguenze economiche della pandemia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banca nazionale svizzera bns interessi negativi tasso guida
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved