tassi-negativi-una-prima-storica-quasi-decennale
Archivio Ti-Press
L’elevato risparmio e i bassi investimenti incidono sui tassi d’interesse
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Le ‘colombe’ della Fed e il dilemma dell’inflazione

Economia
1 sett

Glencore ferma produzione di zinco in Sardegna

‘Spropositati prezzi dell’energia’ la motivazione della filiale italiana del gigante delle materie prime. La chiusura toccherà circa 400 dipendenti
Economia
1 sett

UBS, Colm Kelleher sarà il nuovo presidente del Cda

Il suo nome verrà proposto all’Assemblea generale degli azionisti, in programma il prossimo 6 aprile, quale successore di Axel Weber
Economia
1 sett

Le criptovalute affascinano i super-ricchi

Il 28% delle famiglie ultra-facoltose hanno già investito in bitcoin, ethereum e simili, stando a un sondaggio condotto presso 385 family office
Economia
1 sett

Ottobre mese con poco ‘slancio’ per il commercio estero

Rispetto a settembre le esportazioni sono scese dell’1,4% a 20,8 miliardi di franchi, mentre le importazioni hanno subito un calo del 2,3% a16,4 miliardi
Economia
1 sett

Tecnologie innovative: ‘Aziende e università collaborino’

Presentato il Technology outlook Satw 2021. Il documento indica le tendenze tecnologiche più significative in Svizzera. Molte le opportunità per le Pmi
Economia
2 sett

Global tax, il problema di un’imposta sul profitto

L’accordo raggiunto in sede G20 è una svolta notevole, ma restano aperte la questione aliquota e le nuove basi imponibili
Economia
2 sett

Gli infiniti miliardi di Meta

Il metaverso di Mark Zuckerberg non è solo un’idea o una visione ma è e sarà un modo per fare soldi e sperimentare modelli di business
Economia
2 sett

Previdenza integrativa, il dilemma tra polizze e conti 3a

Per gli esperti di VermögenZentrum la soluzione dell’investimento in titoli Etf è preferibile a quella assicurativa. Quest’ultima ha però altri vantaggi
Economia
2 sett

Corrono anche i prezzi alla produzione e all’importazione

I timori inflazionistici sono però inferiori in Svizzera (+1,2%) rispetto a Stati Uniti (+6,2%) ed Eurozona (+4,1%)
prezzi dell'energia
2 sett

C’è chi scommette su un barile di petrolio Brent a 300 dollari

Sul mercato delle opzioni si sono registrati i primi contratti che ipotizzano un aumento del greggio alle stelle
Economia
2 sett

Stagione sciistica, gli operatori in Svizzera sono fiduciosi

La domanda interna c’è come pure quella degli ospiti stranieri. A favore gioca il fatto che – per ora – non è previsto il Covid Pass per gli impianti
Economia
3 sett

 Swiss Life, meno premi nei primi nove mesi

Gli incassi legati ai premi sono calati dell’1% a 15,2 miliardi di franchi, ma sono aumentate del 17% le entrate da commissioni
Economia
3 sett

Novartis non è più azionista di Roche

Il gigante farmaceutico basilese rivende alla sua rivale la partecipazione che detiene da 20 anni. Incasserà 14 miliardi di dollari
Economia
3 sett

Edilizia, anche quest’anno niente accordo sui salari in Svizzera

Fallite le trattative tra padronato e sindacati. È la seconda volta di fila che capita
Economia
3 sett

L’aumento dei prezzi non intacca la fiducia dei consumatori

Secondo il sondaggio Seco di ottobre, le economie domestiche svizzere continuano a essere molto ottimiste in merito agli sviluppi dell’economia.
Economia
3 sett

Credit Suisse: sensibile calo dell’utile nel terzo trimestre

L’utile netto della grande banca elvetica è ammontato a 434 milioni di franchi, in calo del 20,5% su base annua. A pesare, varie spese di contenzioso
Economia
4 sett

Cosa c’è di verde nei fondi verdi?

Boom degli investimenti in nome della sostenibilità. Ma dietro l’etichetta Esg si celano a volte prodotti affatto sostenibili. Le autorità indagano
Economia
01.10.2021 - 21:560

Tassi negativi, una ‘prima’ storica quasi decennale

L’inflazione post-Covid potrebbe spingere le banche centrali a rivedere la politica monetaria espansiva, ma è ancora presto

Tra pochi mesi saranno trascorsi sette anni da quando la Banca nazionale svizzera (Bns) fissò il suo tasso d’interesse di riferimento a -0.75%. Per la prima volta si entrò in territorio negativo. Si era nel gennaio 2015 e la mossa accompagnava la decisione di lasciar fluttuare il cambio euro/franco fissato qualche anno prima a 1,20. Fu considerata una misura eccezionale che avrebbe avuto vita breve. Invece non fu cosi. Addirittura, nel frattempo, i tassi a lungo termine sono anch’essi diventati negativi. Quando l’economia svizzera tornerà a tassi d’interesse positivi? E quali sono le implicazioni dei tassi negativi?

Queste domande, e diverse questioni a esse correlate, sono state affrontate poco prima dello scoppio della pandemia in uno studio, denominato ‘Nota di discussione pubblica’ dello Swiss financial institute (Sfi), e pubblicata nel marzo 2020. A distanza di oltre 18 mesi da allora il tema è ancora di attualità e l’Sfi è tornato con una nuova ‘Nota di discussione pubblica’ curato dal professor Philippe Bacchetta dell’Università di Losanna. Ricordiamo che lo Swiss finance institute (Sfi) è il centro nazionale per la ricerca di base, il dottorato, lo scambio di conoscenze e la formazione continua in ambito bancario e finanziario. La missione dello Sfi è far crescere il capitale di conoscenze per la piazza finanziaria svizzera. Creato nel 2006 come partenariato pubblico-privato, lo Sfi è un’iniziativa congiunta che riunisce gli operatori finanziari svizzeri, sei università svizzere e la Confederazione.

Poiché l’inflazione è molto bassa, la Svizzera sta sperimentando tassi d’interesse sia nominali sia reali negativi. Questo fenomeno è una novità storica. I tassi d’interesse reali, ovvero netto dell’inflazione, sono stati negativi in passato, dopo le due guerre mondiali. Tuttavia, i tassi nominali non sono mai stati negativi prima. È di fatto un esperimento monetario che sta durando da quasi sette anni.

Lo studio dell’Sfi distingue le diverse implicazioni dei tassi d’interesse, siano essi nominali o reali. Tassi nominali molto bassi o negativi influenzano le attività finanziarie, in particolare quelle bancarie, perché non riescono ad applicarli in modo completo ai depositi dei clienti. “Sono anche problematici per la politica monetaria perché limitano la possibilità di abbassarli ulteriormente per stimolare l’economia”, si legge. “Le banche centrali devono allora utilizzare politiche monetarie non convenzionali come il quantitative easing” ovvero l’intervento sul mercato dei titoli o su quello delle valute.

Tassi reali negativi, quindi al netto dell’inflazione, hanno conseguenze ancora più ampie che non sono legate alle banche o alla politica monetaria. Di questa situazione beneficiano in particolare i debitori “che ottengono finanziamenti più economici. Danneggiano però i risparmiatori, che riceveranno un reddito futuro più basso”. “Questo – si fa notare nello studio – potrebbe portare gli investitori a considerare investimenti più rischiosi nella ricerca di un rendimento minando la stabilità finanziaria”. Oppure “alimentare i prestiti ipotecari e portare a un boom immobiliare”. Situazione che si è puntualmente verificata in Svizzera. “L’esperienza recente mostra anche che una situazione di tassi bassi può esacerbare le disuguaglianze sociali: le famiglie più ricche beneficiano di rendimenti più alti grazie alla loro partecipazione ai mercati finanziari, mentre le famiglie meno ricche non hanno alcun rendimento sui loro depositi bancari”.

La tendenza al ribasso dei tassi d’interesse reali a livello internazionale si ha a partire dagli anni ‘90 ed è continuata fino a oggi. Prima della crisi finanziaria del 2008, il rendimento dei titoli di stato svizzeri era di circa il 2%, mentre negli ultimi anni è stato inferiore all’1%. Nell’analisi curata dal professor Bacchetta si fa notare che al di là delle situazioni contingenti, il calo dei tassi d’interesse reali è una tendenza globale che può essere osservata in tutti i Paesi sviluppati in quanto “c’è una convergenza dei tassi d’interesse reali, causata in particolare dalla globalizzazione finanziaria”.

L’incognita dello shock pandemico

All’inizio della crisi Covid, nel marzo 2020, i mercati finanziari sono stati di fatto destabilizzati. La reazione rapida e incisiva di alcune banche centrali ha evitato una maggiore instabilità. La Federal Reserve, per esempio, è intervenuta sul mercato dei Treasury degli Stati Uniti e ha acquistato enormi quantità di titoli per controbilanciare le vendite. I confinamenti e le perturbazioni legate alla situazione sanitaria hanno colpito anche l’economia reale causando una profonda recessione. Il 2021 ha conosciuto una rapida inversione di tendenza, ma permane l’incertezza relativa alla portata della ripresa economica e questo a causa dell’evoluzione della pandemia e dell’insorgere di nuove varianti. Sorprendentemente i tassi di interesse non sono stati colpiti dallo shock pandemico: In Svizzera negativi erano all’inizio della pandemia Covid e tali sono rimasti. È però aumentata l’incertezza sui tassi futuri. “L’evoluzione dei tassi d’interesse reali è un fenomeno globale. Pertanto, ciò che conta è il risparmio globale e l’investimento globale: un basso investimento e un forte risparmio esercitano una pressione al ribasso sui tassi”, si legge. E sul fatto che il risparmio delle famiglie rimanga elevato c’è abbastanza consenso tra gli esperti in quanto la crisi Covid potrebbe aver aumentato l’avversione al rischio. Anche l’aumento delle disuguaglianze riduce la propensione al consumo complessiva come pure i potenziali cambiamenti di lunga durata della struttura economica che a loro volta frenano gli investimenti.

D’altra parte, i tassi d’interesse reali e l’inflazione possono aumentare se la ripresa è molto forte. Quest’ultima è arrivata sì più elevata del previsto, ma è stata diseguale tra i Paesi e i settori economici. Cosa che fa pensare che la pressione sui tassi reali rimarrà ancora debole, almeno in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved