CILIC M. (CRO)
DJOKOVIC N. (SRB)
18:00
 
esercizio-2020-la-posta-chiude-in-calo
Anno 2020 (Keystone)
Economia
11.03.2021 - 09:310
Aggiornamento : 21:16

Esercizio 2020: la Posta chiude in calo

La pandemia fa decollare PostLogistics (23% in più di pacchi e +73 milioni rispetto al 2019). Ma la crescita pacchi non compensa la crisi sulle altre unità

La Posta ha chiuso l'esercizio 2020 con un utile consolidato di 178 milioni di franchi, in calo di 77 milioni rispetto al 2019. La pandemia ha messo alla prova l'azienda, che si dichiara comunque soddisfatta del risultato. Con 272 milioni di franchi, l'utile operativo (Ebit) è diminuito di 178 milioni di franchi. Nel complesso, gli effetti della crisi hanno pesato sui risultati del gruppo per circa 139 milioni.

La pandemia ha accentuato alcune tendenze e lanciato nuove sfide per l'azienda. Consegnato il 23% di pacchi in più rispetto al 2019: l'enorme volume e la ricezione di importanti servizi assicurativi hanno consentito a PostLogistics di raggiungere un risultato operativo di 201 milioni di franchi, con un aumento di 73 milioni rispetto al 2019. Tuttavia, la forte crescita del volume dei pacchi non è stata sufficiente a compensare gli effetti della crisi sulle altre unità. La pandemia ha infatti accelerato la diminuzione del volume delle lettere. Il numero di lettere inviate, in particolare, è sceso del 5,6% a 1,705 miliardi.

Tutte le unità interessate

Tutte le unità di La Poste hanno subito gli effetti della pandemia. PostalNetwork ha registrato un risultato d'esercizio di -105 milioni di franchi, in miglioramento di 27 milioni rispetto al 2019, anno in cui, tuttavia, il risultato d'esercizio è stato gravato dalla costituzione di un accantonamento di 41 milioni di franchi.

L'utile d'esercizio di PostFinance è stato di 161 milioni, in calo di 79 milioni. In calo per circa 22 milioni gli effetti della pandemia: i clienti hanno viaggiato molto meno, sono diminuiti i guadagni su cambi generati dai prelievi in ​​valuta estera oltre che dall'utilizzo delle carte di credito.

La maggior parte del calo dell'utile operativo, tuttavia, può essere spiegato dalla persistenza di tassi d'interesse negativi e dal calo dei risultati di negoziazione. In questo contesto La Posta accoglie con favore il dibattito aperto dal Consiglio federale sul futuro di PostFinance e sulla futura concezione e finanziamento dei servizi di pagamento nell'ambito del servizio universale.

Swiss Post Solutions, da parte sua, ha concluso nuove operazioni per un importo di 302 milioni di franchi, ovvero 93 milioni in più rispetto al 2019. Tuttavia, a causa degli effetti valutari e delle perdite legate alla pandemia, il risultato delle operazioni è sceso di 7 milioni di franchi a 25 milioni.

Meno passeggeri con AutoPostale

Infine, la pandemia ha colpito fortemente AutoPostale, conseguenza della raccomandazione del Consiglio federale alla popolazione di evitare i trasporti pubblici. Il numero di viaggiatori è diminuito drasticamente, poiché l'azienda ha dovuto mantenere la sua offerta di base. La sua perdita d'esercizio è aumentata a 79 milioni di franchi, ovvero 55 milioni in più rispetto al 2019. La maggior parte di questa diminuzione dell'utile (48 milioni) è direttamente attribuibile agli effetti della pandemia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved