ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

L’asteroide che estinse i dinosauri causò mesi di mega-terremoti

Il geologo Hermann Bermúdez presenterà le prove a sostegno della sua tesi il prossimo 9 ottobre durante il meeting della Società Geologica Americana
RICERCA SOCIALE
9 ore

Quella violenza che non guardiamo

Spesso le persone non intervengono quando assistono a un’aggressione, sia essa reale o virtuale. Perché? Una neuroscienziata prova a spiegarcelo.
Nobel per la Letteratura 2022
16 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
19 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
19 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
20 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
22 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
1 gior

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
1 gior

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
1 gior

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Spettacoli
1 gior

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
Spettacoli
1 gior

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
1 gior

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
1 gior

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
2 gior

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
2 gior

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
2 gior

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
2 gior

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
2 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
2 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
2 gior

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Teatro
laR
 
18.03.2022 - 10:13

‘Dove inizia la notte’, la spaventosa banalità del male

Dialogo immaginario tra la filosofa ebrea Hannah Arendt (Ottavia Piccolo) e il criminale nazista Adolf Eichmann (Paolo Pierobon), a Locarno e Chiasso

dove-inizia-la-notte-la-spaventosa-banalita-del-male
Tommaso Le Pera
Il 22 e 23 marzo al Teatro di Locarno (www.ticketcorner.ch) e il 24 marzo al Cinema Teatro di Chiasso (www.centroculturalechiasso.ch)

Nel 1963, due anni dopo aver seguito a Gerusalemme il processo al criminale nazista Adolf Eichmann, la filosofa ebrea Hannah Arendt pubblicò ‘La banalità del male’, un resoconto per il New Yorker divenuto libro nel quale l’autrice ridimensionava la definizione di ‘genio del male’ spesso attribuita a uomini ‘spaventosamente’ normali come Eichmann, condotto verso l’abisso da motivi altrettanto normali come avidità e opportunismo. Ottavia Piccolo è Hannah Arendt, Paolo Pierobon è Adolf Eichmann: con la regia di Mauro Avogadro, ‘Eichmann. Dove inizia la notte’ va in scena il 22 e 23 marzo al Teatro di Locarno (www.ticketcorner.ch) e il 24 marzo al Cinema Teatro di Chiasso (www.centroculturalechiasso.ch). Nella dinamica che richiama ‘In quelle tenebre’, l’intervista della giornalista ebrea Gitta Sereny a Franz Stangl, comandante dei campi di sterminio di Sobibor e Treblinka, il testo di Stefano Massini mette Arendt e Eichmann fisicamente faccia a faccia, per ripercorrere la tragedia dell’Olocausto da un palco sul quale il colore più sgargiante è la fascia rossa al braccio del nazista, con sopra una svastica.

Ottavia Piccolo: fermato dal Covid, ‘Dove inizia la notte’ è tornato in scena il 24 di febbraio, giorno dell’invasione dell’Ucraina. Con quale spirito?

Visto il contenuto, ci siamo sentiti più coinvolti del solito, e abbiamo capito che anche il pubblico lo era. E tutte le sere, dal 24 febbraio, sentiamo che è diventato ancor più necessario parlare di cose che paiono lontane, ma che esistono da sempre: il male, la guerra, la responsabilità personale in ogni azione e, come emerge dal testo scritto da Massini, le due versioni della storia, e dunque la realtà che racconta Hannah Arendt e le giustificazioni di Eichmann. Siamo particolarmente calati in questo testo, sentiamo che quando il teatro racconta queste storie fa il suo lavoro politico, nel senso di rivolgersi alla polis, affinché si crei una discussione, un pensiero, una riflessione.

Di un suo precedente spettacolo, ‘Occidental Express’, storia di un’anziana donna che insieme alla nipotina percorre la rotta dei Balcani, lei ha detto: "Testi come questi servono a non girare la testa dall’altra parte". Vale anche per ‘Dove inizia la notte’?

Certamente. E questo spettacolo termina proprio con le mie parole: Massini fa dire al mio personaggio, con un poco di speranza negli esseri umani, che a volte l’uomo sa riconoscere il male e quindi sa scegliere, e non solo voltarsi dall’altra parte. Massini questa azione la compie scrivendo; noi attori, molto più artigianalmente, portando in scena la nostra fisicità, la nostra voce e il nostro pensiero.

Tornando a questa pièce. Realtà e giustificazioni è la litania di questi giorni…

Sì. È vero che non è mai tutto bianco e tutto nero, ma è anche vero che la lettura di certi avvenimenti da una parte così ‘infingarda’, non mi viene altra parola, è impressionante. D’altra parte, purtroppo, l’essere umano è fatto così e questo testo ci offre anche la possibilità di affacciarci sull’abisso che ognuno ha dentro di sé, per chiederci: "Ma io, davvero, come sono? Cosa avrei fatto? Cosa sono capace di fare?".

E la conclusione alla quale arriva Hannah Arendt è che Adolf Eichmann non fu un genio del male, bensì un mediocre...

Mediocrissimo, come la maggioranza di noi. È lì l’abisso, da lì nasce davvero la notte, benché l’ultima battuta dica che non si può capire dove la notte inizi e nemmeno quali abissi siano contenuti nell’essere umano. È il momento di totale pessimismo di Arendt, dal cui studio profondo sull’essere umano emerge che ci troviamo tutti sull’orlo.

Quanta attenzione richiede la costruzione di un personaggio come il suo?

Abbiamo evitato, d’accordo con il regista, qualsiasi tipo di documentarismo. Non sono vestita e truccata come conosciamo Hannah Arendt dalle sue fotografie, sono una signora ‘neutra’ che pronuncia parole che Massini ha generato studiando gli scritti della filosofa, dunque nulla è inventato. Per tutto lo spettacolo, ed è un’immagine che mi porto dentro fino alla fine, vedo Hannah Arendt come una sorta d’entomologo che studia un insetto nuovo, cosa che deve aver fatto assistendo al processo Eichmann, fino a smontare la versione che i responsabili dell’Olocausto fossero il male assoluto per parlare, al contrario, di ‘normalità del male’.

Le migliaia di persone che hanno permesso tutto questo non erano solo pazzi furiosi e sadici assassini. È gente ‘normale’ come Eichmann, che per tutto il processo ha sostenuto non solo di avere semplicemente eseguito degli ordini, la stessa versione dei processati a Norimberga; Eichmann afferma anche di non avere ucciso un solo uomo, anzi, di averne salvati a migliaia grazie ai campi di lavoro, proprio per aver permesso loro di lavorare. E quando Arendt gli fa notare che nemmeno uno su tre di quegli uomini è tornato vivo da ‘industrie’ come Auschwitz, Eichmann rimarca come uno su tre sia già un risultato. E in momenti dello spettacolo come questi devo fare enormi sforzi per controllare la mia espressione, per restare fedele a Hannah Arendt che dice più volte di non essere lì per giudicare, quello lo faranno i giudici, ma per capire l’abisso di Eichmann.

Con testo sempre di Massini, tra le donne che lei ha portato in scena c’è anche Anna Politkovskaja, soggetto quanto mai attuale…

Sì, ‘Donna non rieducabile’ continuano a chiedermelo. Massini ha letto tutto quanto ha scritto Politkovskaja ed è riuscito con una serie di ‘istantanee‘, come le chiama lui, non tanto a raccontarne la vita quanto le battaglie. È un testo semplice, lineare, ma di grande forza. Anna Politkovskaja morì nel 2006, io la porto in scena da maggio 2007. Mi accorgo che mi viene richiesta ogni volta che vengono fatti tacere dei giornalisti, ammazzati oppure zittiti, con la violenza o con metodi più biecamente economici, perché a volte basta la minaccia di un licenziamento a tappare la bocca. Gente che vuole raccontare ciò che vede e capisce ce n’è tanta; altrettanta viene fatta tacere.

Portando in scena questo tipo di opere si sente anche un po’ giornalista?

Da questo punto di vista, non è merito mio, semmai di Massini. Io non so scrivere, lui lo fa per me e m’accontento. Sul portare in scena questi argomenti non mi sono fatta molte domande. Quest’anno faccio 61 anni di teatro, di cinema e tutto il resto, e dopo molte cose importanti all’interno delle quali ero una delle tante componenti, oggi sono più ‘motore’ di ciò che voglio fare. Oggi non mi sento solo un’attrice ‘squillo’, da intendersi nel senso buono di chi attende una chiamata telefonica. Diciamo che oggi posso essere anche io a fare uno squillo ad altri.

Il vostro debutto senza pubblico riporta ai giorni del lockdown, coi teatri ‘profanati’ dal Covid. Il Teatro di Mariupol adibito a rifugio chiama altra profanazione…

Quanto al cambio d’uso obbligato, ricordo l’effetto strano provato dentro ‘El Ateneo’ di Buenos Aires, un teatro di fine Ottocento trasformato in una libreria meravigliosa; un effetto strano ma consolatorio. Mi dissi: "Non è più un teatro, ma almeno è una libreria". Sul palco c’è addirittura un piccolo ristorante. Ecco, in questo momento vorrei solo richiamare questa immagine, da intendersi come un buon auspicio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved