fabio-concato-canta-l-aggeggino-fiore-di-nipotina
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
3 ore

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
3 ore

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
3 ore

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
6 ore

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
6 ore

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
7 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
11 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
12 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
14 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Musica
30.09.2021 - 18:39
Aggiornamento : 20:34

Fabio Concato canta ‘L’aggeggino’, fiore di nipotina

Si chiama Nina ed è nata durante il lockdown (come L’Umarell). ‘Energia inaspettata e indispensabile in questo tempo così difficile’, dice il nonno

Tecnicamente, Nina è la primogenita di Fiore di maggio, che a sua volta è la primogenita di Fabio Concato; per la proprietà transitiva, Nina è la nipotina di Fabio Concato; di conseguenza, Fabio Concato è il nonno di Nina. La premessa è d’obbligo perché Fabio Concato continua a non andare nei programmi trash, si ostina a comparire solo se c’è da suonare dal vivo e la gente invece ha fame di privato. Cosa gli costerebbe andare al Grande Fratello Vip e piangere un po’, sputtanare i colleghi, rinnegare il jazz?

Con ancora nelle orecchie l’ultimo songbook ‘Musico ambulante’, e il concerto al Castello Sforzesco della sua Milano, annullato per pioggia a luglio e recuperato lo scorso 28 agosto (d’altra parte, uno che canta ‘Speriamo che piova’ non può pretendere), ascoltiamo la nuova canzone dedicata alla nipotina Nina. Avrebbe potuto chiamarla ‘Fiorellino di maggio’, ma il titolo è meno scontato e molto Concato: ‘L’aggeggino’, singolo fresco di stampa, prodotto dal suo autore insieme al fido Giannettoni, con relativo video dolcemente animato da Adriano Merigo.

E dunque ‘Gigi’ dedicata a papà Gigi, ‘Giulia’ dedicata alla figlia Giulia, ‘Ciao Ninin’ dedicata alla moglie Elisabetta e, come detto, ‘Fiore di maggio’ dedicata alla figlia Carlotta. Con la piccola Nina, nata durante la pandemia (come ‘L’Umarell’), le dediche di famiglia sono complete (manca forse il genero, e Barbara D’Urso glielo farebbe notare). ‘L’aggeggino’ è il Concato declinato al femminile, un femminile che si chiama anche Ornella D’Urbano, arrangiamenti, piano, tastiere e alcune note che sanno di sole (quello di George Harrison, il sole che arriva); il tutto, affidato agli impeccabili musici Larry Tomassini (chitarre), Stefano Casali (basso), Gabriele Palazzi Rossi (batteria) e al bel flauto di Costantino Brigliadori (un assolo di flauto in un singolo del 2021, roba da incoscienti…).

Finale per audiofili. Ne ‘L’aggeggino’, gli aggeggini (intesi come manopole, come mix e mastering) sono quelli di Pier Carlo Penta da Riccione, che pare il nome di un pittore rinascimentale e invece è un ingegnere del suono (poco cambia, perché il suono è arte). Complici i discorsi della piccola – “Ma cos’ha detto Nina? Bah, e chi lo sa” – ‘L’aggeggino’ produce “energia inaspettata e indispensabile in questo tempo così difficile”. Lo dice il nonno, e noi sottoscriviamo. E quindi benvenuta Nina, e benvenuta anche la tua splendida canzone.

Leggi anche:

Io, Fabio Concato, ‘Musico ambulante’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fabio concato l'aggeggino nina singolo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved