io-fabio-concato-musico-ambulante
Ventidue tracce più ‘L'Umarell’ (solo su cd). Dal 12 febbraio in vinile autografato; a marzo negli store digitali. L'intervista (foto: Fabio Concato facebook official)
ULTIME NOTIZIE Culture
Jazz Cat Club
1 ora

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
1 ora

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
9 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
14 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
14 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
17 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
19 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
19 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
19 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
20 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
23 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
23 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
1 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
1 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
1 gior

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
1 gior

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
1 gior

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
Spettacoli
1 gior

Giornate di Soletta, in attesa dei premi

Ultimi giorni del festival del cinema svizzero. Abbiamo visto il documentario del ticinese Tommaso Donati e ‘Une histoire provisoire’ di Romed Wyder
Spettacoli
1 gior

Tv, è morto lo studioso e autore Paolo Taggi

Da ‘Domenica In’ e il ‘Gioco del mondo’ a importanti lavori teorici sulla televisione. Il ricordo di Domenico Lucchini, direttore del Cisa
Musica
2 gior

Swiss Diagonales Jazz continua a Biasca e Olivone

MusiBiasca annuncia: sabato 29 gennaio, la Casa Cavalier Pellanda recupera Sauter&Schläppi e presenta Sc’ööf; domenica 30 all’Osteria Centrale, Tie Drei
Società
2 gior

Morto lo stilista Thierry Mugler

Autore, fra l’altro, dei corsetti di Madonna e degli abiti di Sharon Stone, è morto all’età di 73 anni per cause naturali
Cinema
2 gior

L’Africa delle donne arriva a Soletta

Tutti in piedi per ‘L’Afrique de femmes’, nove ritratti di donne di altrettanti Paesi africani. Incontro con il regista, Mohammed Soudani
Musica
2 gior

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
2 gior

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
3 gior

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
 
04.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 11:11

Io, Fabio Concato, ‘Musico ambulante’

Fabio Concato, ‘Musico ambulante’ - ★★★★★ - È il brodo primordiale del cantautore, è là dove tutto è cominciato. O qui dove ci ha portato lui

Non c’è voluto molto per fare il titolo di questo articolo. ‘Musico ambulante’, dalla canzone ‘Troppo vento’ (1994), sta sulla carta d’identità dell’intervistato alla voce ‘Professione’. Abbiamo scelto quello, avendo l’artista una certa dimestichezza con la lingua italiana, resa più frizzante dal ‘bestiale’ di ‘Domenica bestiale’ – c’è anche un ‘Sabato bestiale’, quello di Brunori Sas – fino all’esortazione ‘Olé’ che, svincolata dalle corride, è pure identificativa di chi si ammazza con i bigné. D’altra parte, chi siamo noi, detto con parole pontificie, per mettere in discussione la parola di Fabio Concato (con “la parola di Fabio Concato” che fa pontificio di suo).

Originariamente, questo articolo doveva chiamarsi ‘Essenza di Fabio Concato’, ma più che un tributo a Patrick Süskind, il riferimento olfattivo ci pareva una scemata (pour homme, ma anche pour femme). Ma il senso è quello: Concato solo voce chitarra è l’essenza, brodo primordiale del suo colto cantautorato, quello di “ma che accordi complicati ha il Sudamerica” (e ‘Gigi’ ne è piena) più che “le bionde trecce gli occhi azzurri e poi” (la, mi, re). Poco cambia anche perché chi, per assurdo, scoprisse Fabio Concato soltanto con ‘L’Umarell’, canzone della pandemia 2020, potrebbe cominciare da ‘A Dean Martin’ (1977) e arrivare a ‘Musico ambulante’, uscito il 15 gennaio scorso, ma anche partire da ‘Musico ambulante’ e tornare all’origine del tutto.

Quando c’è la ciccia

Chiusa la parentesi evoluzionistica, ‘Musico ambulante’ è «la mia musica da camera», ci spiega Concato. Un paio di prove «e poi abbiamo schiacciato ‘rec’», per un album nato dall’intesa con Andrea Zuppini alla chitarra e con dentro tutti i classici. Un doppio cd già in commercio, presto vinile autografato di persona (dal prossimo 12 febbraio), presto negli store digitali, ma solo a marzo. «Non è nato per essere un disco, sono canzoni prodotte e realizzate con Andrea per il piacere di tenermele così come sono fatte, un po’ come sono nate, e anche il modo più elementare di far sentire le cose». Per intenderci: «Se c’è la ciccia, te ne accorgi anche così, capisci che non manca niente e che io, diventando grande, mi sento di dovermi togliere un po’ di roba inutile da torno, anche e soprattutto in musica». E il piacere personale è ora esteso a tutti. 

Qualunque sia la forma d’ascolto, sin dalla prima traccia è chiaro come ‘Musico ambulante’ non sia una raccolta come tutte le altre. E le altre si chiamano, per esempio, ‘La storia 1978-2003’, greatest hits classico coi master e qualche chicca, o ‘Scomporre e ricomporre’ (lo dice il titolo) e ‘Oltre il giardino’, belli e generosi di rivisitazioni. ‘Musico ambulante’, invece, va a infilarsi in mezzo a ‘Gigi’, splendido rendering jazz del 2017 con il Paolo Di Sabatino Trio e, ancor prima, ‘Non smetto di ascoltarti’, 2016, con Bosso alla tromba e Mazzariello al pianoforte. La prova autoradio – da ‘Troppo vento’ in avanti, in cima al Monte Ceneri dove di vento ne tira parecchio – dice molto. Anche se per fare la prova autoradio bisogna avere l’autoradio col cd, che sulle auto nuove non c’è più. Viene da pensarci alla traccia 20, ‘La mia macchina’, 1992: «Sì, dovrei aggiornare il testo. Mi ricordo che già dieci anni fa, quando presi la macchina nuova, cercai il lettore cd ovunque, anche nel bauletto».

‘Caspita, il Fabietto l’aveva detto!’

Tornando agli accordi complicati che ha il Sudamerica. La versione ‘naked’ dei classici di Concato svela tutta la bossa nova contenuta in – citando a caso – ‘Gigi’, ‘Ti ricordo ancora’, ‘Domenica bestiale’, ‘È festa’: «Vengono fuori i miei amori e le mie abitudini musicali», spiega il musico. «Con Andrea abbiamo fatto molte tournée insieme, mi conosce bene ed è egli stesso in quel mood, e si sente. Immagino che certe soluzioni armoniche, certi accordi li abbia usati in quanto sicuro che mi sarebbero piaciuti, e perché fanno parte anche del mio mondo. Mai così precisi, perché non sono esattamente quelli di Caetano Veloso o Chico Buarque quando suona la chitarra, perché non servivano, però ti riportano da quelle parti». Bossa nova e jazz, come nel piccolo standard ‘La nave’, che singolo non fu ma lo diventò, il ‘Fabio Concato’ 1984 – ‘Fiore di maggio’, ‘Guido piano’ e tutto il resto – di soli singoli. Eccezion fatta, forse, per il ‘Computerino’, a suo modo anticipatrice: «Sì, a parte il fatto che nel 1984 non ci voleva Asimov per prevedere che sarebbe andata così. Però ai concerti qualcuno ancora dice “Caspita, il Fabietto l’aveva detto!”.

Quanto a stelle minori ma non troppo, il ‘Computerino’ non c’è ma ci sono ‘Non mi scordare’ dall’eponimo del ’99 e i nemmeno tre minuti di ‘E a quanti amori’ da ‘Blu’, 1996. Della quale Concato ha «fantastici ricordi londinesi: la registrammo con Geoff Westley – produttore e arrangiatore di ‘Una giornata uggiosa’ e altra musica italiana, ndr – che diresse gli archi del disco, realizzato con Flavio Premoli (ex Pfm, ndr). Era un’orchestra incredibile di non ricordo più quanti elementi, in uno studio pazzesco. Flavio in un gabbiotto con la sua fisarmonica e io in un altro a cantare in diretta, e l’orchestra ad applaudire con gli archetti. Un momento molto bello».

‘L’umarell, semper lì, el me guarda’

Ognuno la pensi come crede. Per noi Fabio Concato è quanto di più vicino a James Taylor, nel senso di quella musica che c’è sempre stata ma non sai quando è cominciata e che non assomiglia a nient’altro se non a James Taylor nel caso di James Taylor e a Fabio Concato nel caso di Fabio Concato. Anche nelle sorprese, come in ‘Guido piano’, traccia 17, abbassata in C# (do diesis), così fascinosa che all’uscita di Lugano Nord l’automobilista è costretto a posticipare fino a Lugano Sud per completare l’ascolto: «Nella nuova tonalità c’entra il permettere ad Andrea determinate posizioni sulla chitarra, sicuramente, ma anche il piacere personale di sfruttare certe frequenze della mia voce». Che si immergono in profondità mariobiondiane (tanto per citare un baritono a caso). «Sono contento, so di aver fatto una cosa giusta che forse avrei dovuto e potuto fare anche un po’ prima, ma va bene così», dice Fabio, che ora il suo ‘Umarell’ – ‘Premio Montale fuori di casa’ e poi Ambrogino d’Oro (perché non c’erano solo i Ferragnez) – ha un suo posto nella versione cd di ‘Musico ambulante’.

Stiamo per finire. Come il verso all’Enzino (Jannacci) ne ‘L’Umarell’, vuoi che Fabio Concato non finisca con l’ironia?: «Sai che mi sento molto umarell? Non manca molto che andrò anche io per cantieri», dice. Con la chitarra? «Sì, a confortare gli operai che lavorano». Diventeresti virale come Renzi che dice “Giast bicaousz”. «Se non fosse che sono pudico, ci farei un video. Mi spaccerei per uno che passava di là, che non ne sapeva niente. Qualcuno sicuramente direbbe: “Guarda, c’è uno che suona davanti a un cantiere, ma chi è? Potrebbe essere solo Concato”. Mi giro, ed effettivamente sono proprio io… ».

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved