BERRETTINI M. (ITA)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 2-6 : 2-1)
EDM Oilers
3
NAS Predators
2
fine
(1-1 : 1-1 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
i-boschi-svizzeri-crescono-ma-in-modo-diseguale
ULTIME NOTIZIE Culture
Rsi
1 ora

Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)

Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler
Spettacoli
7 ore

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
8 ore

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
8 ore

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
9 ore

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
9 ore

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
Arte
11 ore

45 milioni di dollari per ‘L’uomo dei dolori’ del Botticelli

Nel XIX secolo era appartenuto a una famosa cantante inglese. Alla sua ultima vendita all’asta, nel 1963, fu acquistato per 10mila sterline.
Culture
11 ore

Giornata memoria, scuola del Tennessee vieta graphic novel Maus

Art Spiegelman tacciato di ‘linguaggio scurrile e nudità nella pubblicazione’. L’autore, premio Pulitzer, definisce la vicenda ‘orwelliana’
10.09.2021 - 16:220

I boschi svizzeri crescono, ma in modo diseguale

Il centro geografico delle foreste svizzere si è spostato di 460 metri fra il terzo e il quarto Inventario forestale nazionale

La superficie boschiva svizzera non aumenta ovunque in modo uguale. Il suo centro geografico si è spostato di 460 metri verso est-sud-est fra il terzo e il quarto Inventario forestale nazionale. Si trova ora sull'alpe di Älggi a Sachseln (OW).

La superficie boschiva della Svizzera aumenta poiché in molti luoghi l'agricoltura di montagna è stata abbandonata. Il segno più chiaro di questa tendenza è lo spostamento del suo centro geografico.

Lo conferma l'Inventario forestale nazionale (Ifn), realizzato congiuntamente dall'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (Wsl) e dall'Ufficio federale dell'ambiente (Ufam). L'Ifn registra lo stato e l'evoluzione del bosco svizzero da 40 anni, hanno indicato le due istituzioni oggi in un comunicato congiunto.

Dagli anni 1980, il centro geografico del bosco si è spostato di 3,2 chilometri verso est-sud-est. La valutazione del quarto Ifn (2009-2017) lo colloca ora sull'alpe di Älggi a Sachseln.

Curiosamente il nuovo centro del bosco si trova quindi non lontano dal centro geografico della Svizzera, nel cantone di Obvaldo.

Più superficie boschiva nelle Alpi

La superficie boschiva è aumentata di circa 300 chilometri quadrati in tutta la Svizzera dall'inizio degli anni 2000. Nell'Altopiano e nel Giura, è rimasta immutata in questo periodo grazie alla legge sui boschi che garantisce che non sia invasa.

Nelle Prealpi e sul versante sud delle Alpi, è aumentata un po', ma è nelle Alpi che si assiste alla più grande progressione, con il 5%. Qui sono nati il 70% o 210 dei 300 chilometri quadrati di nuova foresta.

La maggior parte dell'estensione del bosco ha avuto luogo sopra i 1'400 metri, e la metà sopra i 1'800 metri, nei pascoli alpini intermedi e superiori.

Terre abbandonate in Ticino

Il centro del bosco si è tuttavia spostato molto più lentamente nelle misurazioni più recenti rispetto ai periodi precedenti, cioè solo di 60 metri all'anno invece di 130 metri.

In Ticino, in particolare, non ci sono più molte aree aperte che possono essere colonizzate dal bosco. I contadini lì hanno già abbandonato da decenni i terreni di difficile accesso e non redditizi.

Per Christoph Fischer, viceresponsabile del programma Ifn, il fatto che la superficie boschiva nell'Altopiano non sia cambiata dal primo inventario, e più precisamente che non sia diminuita, è molto positivo.

"Questa stabilità è il risultato della rigorosa protezione del bosco ed è una vera fortuna per la popolazione, perché in questo modo, queste aree di svago e ricreazione rimangono rapidamente accessibili a tutti", conclude lo specialista, citato nel comunicato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved