lo-scioglimento-dei-ghiacciai-e-sempre-piu-veloce
La lenta ritirata dei ghiacciai è sempre più veloce (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

Pro Helvetia: sostenuti oltre 4mila progetti in 105 paesi nel 2020

Nonostante la pandemia, la fondazione svizzera per la cultura ha sostenuto numerosi progetti investendo oltre l'80% del budget
Società
11 ore

Il re degli Ottomila si sposa per la terza volta

L'alpinista italiano Reinhold Messner, 77 anni, convola a nozze a maggio con la compagna di 35 anni più giovane
Video
Culture
13 ore

Ruba un'opera d'arte armato di motosega elettrica

Nessun furto spettacolare, ma una performance di Aldo Giannotti avvenuta al Museo di arte moderna di Bologna
Spettacoli
23 ore

La Nbc non trasmetterà più i Golden Globe nel 2022

La decisione è stata presa alla luce delle polemiche che hanno investito la Hollywood Foreign Press Association che ogni anno assegna le statuette
Spettacoli
1 gior

Le storie che curano di Finzi Pasca e Pablo Gershanik

Dalla città ideale di La Plata alla dittatura argentina, abbiamo assistito alle prove del nuovo spettacolo della Compagnia Finzi Pasca
Culture
1 gior

Giornata internazionale dei musei, in Svizzera è #museumkick

Appendice online tutta svizzera all'interno dell'evento mondiale: cittadini e musei sono invitati a usare l'hashtag per dare vita al 'movimento museale'
Archeologia
1 gior

I neanderthaliani, ottant'anni dopo

Tanti ne sono passati dal primo cranio scoperto nel '39. E mentre al Circeo (Latina) spuntano altri nove nostri antenati, a Ercolano si scoprono nuove identità...
Jazz in Bess
2 gior

La 'Foresta' di Ivano Torre in solo, un'anteprima

Mercoledì 12 maggio alle 21, set unico per il suo concerto per batteria, lamofono, campane, e voce
Spettacoli
2 gior

‘Totò, Napoli e dintorni’, un viaggio tra poesia e musica

Ad Arbedo, domenica 16 maggio alle 17, con l'attore partenopeo Jano Di Gennaro e il quintetto Bonomi-Urbani-Bottelli-Cavinato-Cantoni
Cinema
2 gior

Toronto premia 'Ostrov - Lost Island', documentario svizzero

Svetlana Rodina e Laurent Stoop raccontano l'ambiente di una comunità di pescatori sul Mar Caspio. Con questa vittoria sono in gara per gli Oscar 2022.
Arte
2 gior

Christie's batte all'asta 'Testa di orso' di Leonardo

È uno dei rari disegni in mani private. È stimato fra 9 e oltre 13 milioni di euro. Quadrata, 7 centimetri per lato, reca la firma del genio rinascimentale
Cinema
2 gior

Golden Globe, Netflix e Amazon mollano Hollywood Foreign Press

L'organizzazione che assegna i premi sotto accusa dopo inchiesta giornalistica: nessun giornalista nero, regali dagli studios e 'sessismo', dice Scarlett Johansson.
Archeologia
2 gior

Dopo 80 anni, altri uomini di Neanderthal scoperti al Circeo

Sono nove, e insieme a essi vi sono resti di animali. Nel febbraio del '39, nel sito in provincia di Latina di grandissima importanza, fu rinvenuto un primo cranio.
Spettacoli
2 gior

Addio a Tawny Kitaen, da Whitesnake a Hercules

Attrice e volto del pop anni Ottanta, era apparsa nel video di ‘Here I Go Again’ e aveva recitato con Tom Hanks in ‘Bachelor Party’
Culture
2 gior

Tra le pagine di Trickster-p in Biblioteca

Incontro con Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl martedì 11 maggio alle 18.30 a Bellinzona, aspettando ‘Book is a Book is a Book’, al Sociale del 17 al 19 maggio.
Tecnologie
3 gior

Radioamatori, c'era una volta il social network

Gli unici a non essere tagliati fuori quando tutto si ferma, i primi a essere d'aiuto, dal terremoto dell'Aquila al Monte Lema. In Ticino sono in 350.
Culture
3 gior

‘L’inguaribile’ vivacità di narrazione e di stile

Un marito, una moglie, due figlie, una separazione, un club per scambisti, una morte sospetta: Tommaso Soldini si diverte e diverte con il suo romanzo
Scienze
30.04.2021 - 05:300

Lo scioglimento dei ghiacciai è sempre più veloce

Intervista al glaciologo ticinese Daniel Farinotti, coautore di uno studio che per la prima volta ha monitorato la situazione dei ghiacciai a livello globale

Il ritiro dei ghiacciai è forse una delle manifestazioni più evidenti del riscaldamento globale. Ma per stimare lo scioglimento non basta certo il confronto con i propri ricordi o con qualche fotografia scattata anni fa sulle Alpi, anche perché da esso dipendono l’innalzamento del livello del mare – si stima che negli ultimi vent’anni lo scioglimento dei ghiacciai abbia causato fino al 21 per cento dell’aumento osservato, circa 0,74 millimetri all'anno – e la disponibilità di acqua dolce, dal momento che durante la stagione secca l’acqua di disgelo è una fonte importante di approvvigionamento idrico.

Un team internazionale di ricerca guidato dal Politecnico di Zurigo e dall’Università di Tolosa con la partecipazione del Wsl, l’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio, ha da poco pubblicato su ‘Nature’ uno studio completo sul ritiro globale dei ghiacciai. Il risultato mostra quanto, a livello globale, i ghiacciai abbiano perso in massa e spessore negli ultimi due decenni, un ritiro che oltretutto avviene sempre più velocemente. Abbiamo sentito uno degli autori dello studio, il glaciologo ticinese Daniel Farinotti.

Il vostro lavoro viene presentato come l’analisi più completa e accurata nel suo genere fino a oggi. Che cosa significa di preciso?

La particolarità dello studio è che copre l’intero globo con la stessa metodologia: finora si avevano solo studi parziali, condotti ad esempio sulle Ande, sull’Himalaya o sulla Groenlandia, e questo rendeva difficile capire se le differenze regionali fossero dovute ad un segnale vero o ad una differenza metodologica.

La consistenza dei dati è quindi un primo aspetto importante di questa ricerca; il secondo è la risoluzione spaziale e la quantità di dati. Sono state utilizzate 500’000 immagini satellitari che, assieme, coprono un arco di vent’anni. Questo ci permette di fare una stima per tutti i circa 200'000 ghiacciai al mondo, con una risoluzione spaziale di 100 metri. Avendo a disposizione quelle immagini abbiamo potuto rimisurare più volte gli stessi punti, ottenendo quindi stime più precise e stime sull’andamento temporale.

Mi rendo conto che sono aspetti tecnici interessanti soprattutto per gli addetti ai lavori, e che il messaggio di fondo è generalmente noto: i ghiacciai si sciolgono. Ma adesso abbiamo dati consistenti e più precisi, e questo ci permette di vedere segnali che non si erano mai visti prima.

I ghiacciai si sciolgono e lo fanno più velocemente. A cosa è dovuta questa accelerazione?

Ci sono diversi fattori. Da una parte le temperature aumentano sempre più velocemente e questo chiaramente influenza la velocità di scioglimento. Dall’altra parte è importante notare che l’aumento delle temperature ha delle conseguenze non lineari. Mi spiego: per i ghiacciai, alzare la temperatura da -6 a -4 gradi è un conto, alzarla da -1 a +1 è un altro! Infine, a determinare lo scioglimento dei ghiacciai è la quantità di energia che arriva dal sole, e le superfici innevate o ricoperte da ghiaccio riflettono molto bene i raggi solari – ce ne accorgiamo quando andiamo a sciare senza protezione solare e ci scottiamo. Se un  ghiacciaio si ritira, lascia una superficie generalmente più scura, e questo riflette in maniera meno efficace l’energia solare. Con questo, la temperatura può alzarsi ancora di più, e via dicendo in un ciclo vizioso. Èanche questo genere di feedback il motivo per cui le regioni polari e alcune zone alpine si riscaldano così velocemente.

Il ritiro dei ghiacciai non è comunque uniforme.

Sì: si osservano regioni che si comportano in maniera differente. Ad esempio i ghiacciai alla periferia della Groenlandia, dell’Islanda o della Scandinavia si sciolgono meno velocemente di quello che facevano un decennio fa – continuano sempre a ritirarsi, ma a un ritmo minore. Questo ha a che vedere con cambiamenti delle temperature e delle precipitazioni – se vogliamo, più una questione di meteorologia che di clima, legata alle correnti degli oceani. Sappiamo che le temperature degli oceani variano secondo dei cicli, con una parte che si scalda maggiormente di altre. Il fenomeno di questo tipo più conosciuto è forse quello di El Niño che influisce tra le altre cose anche sulle siccità in Cile o in Africa; ma ve ne sono anche altri, che riguardano l’Atlantico del Nord, per esempio.

Un’altra regione interessante è il Karakorum, una catena montuosa a Ovest dell’Himalaya in cui i ghiacciai erano sospettato di sciogliersi poco o addirittura di aumentare leggermente di massa. Dal nostro studio risulta che negli ultimi anni anche in questa regione i ghiacciai hanno iniziato a ritirarsi.

Le conseguenze dello scioglimento dei ghiacciai sono l’aumento del livello del mare e scarsità d’acqua dolce. Questa ricerca può aiutarci a meglio prevedere questi fenomeni?

Sì. Tutte le proiezioni future si basano su modelli numerici, ossia delle simulazioni al computer che cercano di stabilire come i ghiacciai reagiranno a questi cambiamenti in temperature e precipitazioni. Questi modelli necessitano una  una calibrazione, ora resa possibile dai dati del nostro studio.

Da questo studio emergono anche possibili interventi per rallentare il ritiro dei ghiacci?

Sì e no, siccome la ricetta è conosciuta da tempo. La causa principale, come detto, è il cambiamento climatico e sappiamo che per rallentarlo occorre ridurre le emissioni di gas a effetto serra. A lungo termine è l’unica soluzione, sia per i ghiacciai che per altri cambiamenti del sistema terrestre.

Si parla di progetti di copertura dei ghiacciai o di una loro crescita tramite innevamento artificiale. Sono soluzioni sono praticabili, a fianco della riduzione delle emissioni?

Queste misure hanno senso a livello locale. Penso al ghiacciaio del Rodano, dove una copertura protegge la grotta che è un’attrazione turistica, o ad Andermatt dove con l’innevamento artificiale si è mantenuto il livello del ghiaccio per mantenere la continuità delle piste da sci. Ma i problemi dell’approvvigionamento idrico e del livello dei mari sono fenomeni ben più grandi, ed è impossibile pensare di affrontarli con misure del genere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved