Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(5-5)
lo-scioglimento-dei-ghiacciai-accelera
Il ghiacciaio del Findel (Vallese) in una fotografia del 2005
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
4 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
5 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
6 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
6 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
7 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
7 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
8 ore

In Svizzera 3’096 contagi in 72 ore. Netto calo dei ricoveri

Il tasso di riproduzione del virus registra un’ulteriore discesa fermandosi a 0,74. Più che dimezzate le ospedalizzazioni rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
28.04.2021 - 20:460
Aggiornamento : 21:12

Lo scioglimento dei ghiacciai accelera

Negli ultimi 20 anni si sono sciolti in media 267 miliardi di tonnellate di ghiaccio all’anno, indica uno studio pubblicato su ‘Nature’

Zurigo – Lo scioglimento dei ghiacciai accelera in quasi tutto il mondo ed è responsabile di circa un quinto dell'aumento del livello dei mari. Secondo una ricerca internazionale diretta dall'Eth di Zurigo, negli ultimi due decenni si sono sciolti in media a livello planetario 267 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno.

Le 267 gigatonnellate di acqua permetterebbero di sommergere la Svizzera ogni anno su un'altezza di sei metri, scrive oggi l'Eth a proposito dello studio pubblicato sulla rivista scientifica "Nature".

Per lo studio, i ricercatori guidati dal dottorando Romain Hugonnet, che lavora all'Eth di Zurigo e all'Università francese di Tolosa, hanno esaminato un enorme archivio di immagini satellitari inedite utilizzando un computer ad alte prestazioni. Con questi dati è stato possibile calcolare la perdita di massa di 217'175 ghiacciai tra il 2000 e il 2019.

Sensibile accelerazione

Secondo lo studio, i ghiacciai stanno attualmente perdendo più massa di tutte le lastre di ghiaccio presenti nella Groenlandia o nell'Antartide. Mentre la perdita di massa tra il 2000 e il 2004 era di 227 gigatonnellate di ghiaccio all'anno, tra il 2015 e il 2019 la cifra è salita a 298 gigatonnellate all'anno. Ciò si è tradotto in un aumento del livello del mare dal 6 al 19%.

Solo in pochissime zone i tassi di fusione dei ghiacciai hanno rallentato durante il periodo studiato: in particolare in Islanda, in Scandinavia e sulla costa orientale della Groenlandia. I ricercatori attribuiscono questo fatto a un'anomalia meteorologica nel Nord Atlantico che ha causato maggiori precipitazioni e temperature più basse a livello locale nel periodo in esame.

Basi per il prossimo rapporto Ipcc

Secondo lo studio, circa 200 milioni di persone vivono in luoghi che si troveranno entro la fine del secolo sotto le linee di marea degli oceani. Allo stesso tempo, più di un miliardo di persone rischia di soffrire per la scarsità d'acqua e l'insicurezza alimentare entro i prossimi tre decenni.

Attualmente il ritiro dei ghiacciai sta alleviando la carenza d'acqua in alcune regioni perché l'acqua di fusione alimenta fiumi come il Gange, il Brahmaputra e l'Indo. "Tuttavia, se i ghiacciai dell'Himalaya continuano a ridursi a un ritmo crescente, fra pochi decenni stati popolosi come l'India o il Bangladesh potrebbero affrontare carenze d'acqua o di cibo", afferma Hugonnet in base al comunicato.

Una comprensione approfondita dei ghiacciai è di centrale importanza per sviluppare strategie di adattamento mirate. Per questo, i risultati dello studio saranno inclusi nel prossimo rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc), scrive l'Eth.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved