ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno Film Festival
1 ora

Successione Marco Solari, c’è la commissione

Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
8 ore

Le Donne, la musica e Ornella Vanoni

Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
18 ore

Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson

È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Musica
20 ore

L’Orchestra della Svizzera romanda suonerà i Led Zeppelin

A curare gli arrangiamenti sarà il cantautore e produttore neozelandese Jaz Coleman, cantante della band britannica Killing Joke
Scienze
20 ore

San Francisco tassa le bibite zuccherate, calano i consumi

L’intento della ‘Soda Tax’ è quello di ridurre i casi di diabete e ipertensione e ha generato 15 milioni di entrate, impiegati in programmi salutari
Spettacoli
22 ore

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
Spettacoli
22 ore

Sanremo 2023, ora i duetti sono ufficiali

Di venerdì a duettare con gli artisti in gara, tra gli altri, Eros Ramazzotti, Edoardo Bennato, Salmo, Arisa, Carla Bruni. L’elenco completo
Spettacoli
22 ore

È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams

L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Musica
22 ore

Il violoncello di Jean-Guihen Queyras in Auditorio con l’Osi

Il programma del terzo appuntamento della stagione allo Stelio Molo di Lugano, giovedì 2 febbraio, propone brani da Bach a Haydn e Ligeti
Scienze
23 ore

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
1 gior

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
1 gior

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
1 gior

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
1 gior

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Culture
1 gior

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
1 gior

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
1 gior

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
2 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
2 gior

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
2 gior

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
11.10.2022 - 18:37
Aggiornamento: 20:48

La musica classica non è solo per vecchi, l’Osi suona a scuola

Pomeriggio-concerto al Centro professionale tecnico di Trevano con l’Orchestra della Svizzera italiana, nell’ambito della rassegna ‘be connected’

la-musica-classica-non-e-solo-per-vecchi-l-osi-suona-a-scuola
Ti-Press/Samuel Golay
Un momento del concerto ‘Back to school’ che l’Osi ha tenuto lunedì 10 ottobre al Cpt di Trevano
+1

D’improvviso la ragazza seduta che più in fondo di così non si può, interrompe il flusso ininterrotto di chiacchiere con il suo compagno riccioluto. «Adoooro questa canzone!». Lui sospende quello che pare essere il tentativo di record del mondo di lancio di bottiglietta di tè freddo semivuota, da fare atterrare in piedi, il tempo di ribattere «ma se non sai neanche di chi è!». «Eh fa niente, mi piace lo stesso» chiude la questione lei, prima di riprendere il filo di chissà quali discorsi. La ‘canzone’ è la Quinta di Ludwig van Beethoven, celeberrima sinfonia che alle prime note suonate dall’Orchestra della Svizzera italiana fa comparire su più d’un viso un’espressione da "ah questa la conosco".

La più nota delle n. 5 è da tempo uscita dagli auditori, finendo anche per far da base, con alcuni dei suoi passaggi più conosciuti, a forme creative che con la musica classica poco paiono c’entrare. O forse sì, se alla stessa non si vogliono imporre confini né etichette. Più che in un contesto tradizionale come un concerto, è dunque probabile che lunedì qualcuno tra il pubblico di adolescenti seduti o semi sdraiati nella palestra del Centro professionale tecnico (Cpt) di Lugano-Trevano abbia avuto modo sentire o perfino canticchiare musica classica, senza sapere che si trattasse proprio di quella cosa ritenuta per persone di ben altra, avanzata, età. «Andate sul profilo Instagram dell’Osi – l’invito di Roberto Gerbolés, chiamato a far da tramite fra ciò che i giovani conoscono e l’origine dei brani – e magari scoprirete che la classica non è solo musica per vecchi». Che tanto per dire, aggiunge l’attore argentino, Mozart scrisse la prima sinfonia a cinque anni.

Quei luoghi comuni da sfatare

La pubblicità di un’auto potente (su ‘Le quattro stagioni: l’Estate’ di Antonio Vivaldi), la suoneria del cellulare (Sinfonia n. 40 di Wolfgang Amadeus Mozart), l’esatta lunghezza di un cd (Sinfonia n. 9 di Beethoven) dell’‘Inno alla gioia’ che dal 1972 è pure inno ufficiale dell’Unione europea e del Consiglio d’Europa. La musica classica ci circonda, capace di adattarsi ai tempi, però forse non ne siamo coscienti. Da qui l’iniziativa ‘Back to school’, inserita nella rassegna ‘be connected’, che propone occasioni per ascoltare l’Orchestra della Svizzera italiana fuori dagli schemi. «La pandemia ha accentuato il fatto che i tempi sono cambiati e anche noi dobbiamo aggiornarci», ci spiega Barbara Widmer (co direttrice artistica ad interim dell’Osi). «Se un esperimento del genere serve per incuriosire, è giusto che l’orchestra lo faccia. L’intento di è capire cosa vogliano i ragazzi, quali siano i loro timori e i motivi che li bloccano dall’andare a un concerto». Il pomeriggio alla Cpt è la prima di due tappe (il 28 novembre si replica alla Scuola cantonale di commercio a Bellinzona), frutto di mesi di lavoro con alcuni studenti coadiuvati da docenti. «È emerso che uno dei freni è vedere l’orchestra come qualcosa di lontanissimo e i musicisti, nei loro vestiti eleganti, persone irraggiungibili che si esibiscono in un luogo, come può essere il Lac, che mette timore. Grazie alla preparazione di questa giornata abbiamo provato ad abbattere quel distacco». Tra gli espedienti per sdrammatizzare un’immagine seriosa, i suonatori spezzano il look total black con occhiali da sole fucsia, papillon (gli uomini) e fiocchetto al polso (le donne) rosa più tenue. «Questo spettacolo proposto in maniera meno scolastica e, ci auguriamo, pure divertente, mira a seminare, nella speranza prima o poi nasca la curiosità di fare il passo, ossia assistere a un concerto al Lac. Durante il percorso che ha portato al concerto, a stupirmi è stato il fatto che non è la voglia da parte dei giovani a mancare, quanto la non conoscenza di cosa possa essere la musica classica. Da un lato ciò ci lascia un po’ di amaro in bocca, poiché si sarebbe potuto o dovuto fare di più; dall’altro lato è rincuorante, perché è un elemento su cui si può agire. È di certo un lavoro lungo, che richiede da parte nostra di capire dove semmai correggere il tiro: sbagliamo i mezzi di comunicazione?, sbagliamo altro? È un lavoro lungo e per noi un grandissimo esercizio».

Giù dal palco sul quale sono abituati a esibirsi, i musicisti «hanno mostrato motivazione per questa iniziativa, perché è qualcosa di assai diverso dal solito. Credo che si divertano – conclude Barbara Widmer – e apprezzino la possibilità di dedicarsi a un impegno per certi versi meno pesante di un concerto al Lac, dedicato a una fascia d’età inusuale. Ovviamente non si vuole perdere l’identità dell’Orchestra della Svizzera italiana, dunque in questo genere di progetti portiamo sempre ciò che siamo capaci a fare».

La partita a carte e i brividi

«Non abbiate paura ad avvicinarvi alla musica» è l’incoraggiamento di Roberto Gerbolés al giovane e più o meno attento pubblico. C’è chi applaude convinto ognuno dei sei brani proposti, fors’anche un po’ stupito di averli apprezzati, chi fischia a mo’ di tifo da stadio, chi in un angolo della palestra è impegnato in una sentita sfida a carte. E chi accoglie l’esortazione a tuffarcisi in mezzo, alla musica; occupando le sedie piazzate tra i suonatori così da poter sentire un concerto ‘dal di dentro’. «È stata una sensazione unica e indescrivibile – ci dice Nicholas con entusiasmo al termine dell’esibizione –. Stare proprio lì di fianco allo strumento, fa sentire tutta la grinta che ci mette il musicista: è spettacolare». Pianista autodidatta, da quando ha iniziato a suonare il pianoforte desiderava assistere a un concerto di musica classica al Lac. «Oggi è stata la prima occasione e mi è piaciuta parecchio. Quando si ascolta una musica con le cuffiette è una cosa, ma sentirla dal vivo, è ben altro. È stato un momento davvero da brividi». Amante in particolare della musica elettronica, Leonardo dal canto suo aggiunge di ascoltare «con piacere anche la classica, se capita». Un genere che dice essere piacevole e avvolto da quel «fascino e valore particolari, che avvolgono tutte le cose del passato». Milo non si definisce particolarmente appassionato di classica, ma «l’abbraccio volentieri se si verifica l’occasione». Con la famiglia ha già assistito a concerti al Lac «e di sicuro ci vorrò tornare. Quali sono i miei generi? Eh io ascolto robaccia – ride –. Un po’ di tutto, in particolare trap. Il concerto mi è piaciuto e l’Osi è stata bravissima; peccato che l’acustica non fosse gran che».

Prima del concerto ci aveva detto "io ci credo molto". A esibizione conclusa le emozioni della direttrice del Cpt Cecilia Beti «sono decisamente forti. La palestra era piena di studenti dai 15 anni: ci sono stati momenti di silenzio e di attenzione e diversi applausi, segni di apprezzamento per ciò che l’Osi ci ha regalato. Quanto mi immaginavo potesse accadere, è successo e forse ancora di più. Abbiamo risposto all’invito dell’Osi, anche perché momenti del genere sono importanti: noi vediamo gli allievi in aula ed è bello poter offrire loro qualcosa di completamente diverso di ciò che si fa in classe. Sono occasioni che permettono di condividere momenti che formano la comunità del Centro. E cosa c’è di meglio, che farlo attraverso la musica?».
La rassegna ‘be connected’ prosegue con due ‘Lunch with Osi’ (19 ottobre e 19 aprile 2023, ore 12.30-13.30 al Lac) e un concerto nella discoteca Vanilla a Riazzino (14 marzo 2023). Informazioni e prenotazioni su www.osi.swiss.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved