ULTIME NOTIZIE Culture
RICERCA SOCIALE
33 min

Quella violenza che non guardiamo

Spesso le persone non intervengono quando assistono a un’aggressione, sia essa reale o virtuale. Perché? Una neuroscienziata prova a spiegarcelo.
Nobel per la Letteratura 2022
7 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
10 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
11 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
11 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
14 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
16 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
17 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
18 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Spettacoli
19 ore

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
Spettacoli
1 gior

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
1 gior

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
1 gior

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
1 gior

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
1 gior

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
1 gior

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
2 gior

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
2 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
2 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
2 gior

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
2 gior

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
2 gior

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
2 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
2 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
2 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
2 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
3 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
3 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
3 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
3 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Lac
laR
 
19.08.2022 - 13:30
Aggiornamento: 14:26

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)

la-traviata-secondo-rifici
Lac
Sala Teatro, prove di regia

Sull’imballo c’è scritto ‘Chaise longue’; è appena stata scaricata e troverà il suo posto sul palcoscenico. È elemento provvisorio che poco fuori dal Lac attrae, se si entra dal retropalco; è una delle parti più o meno grandi della ‘Traviata’ che vanno via via diventando tutt’uno. In scena, di giovedì mattina, giorno di prove, ci sono un grande letto matrimoniale, uno scrittoio e poco altro. E grandi, luminose vetrate davanti alle quali, viene da pensare, si muoveranno il soprano greco Myrtò Papatanasiu (Violetta), Airam Hernández (Alfredo) e Giovanni Meoni (Giorgio Germont). Presto si uniranno Markus Poschner e l’Orchestra della Svizzera italiana, e così il Coro della Radiotelevisione svizzera e la compagnia Teatro Gioco Vita, al cui teatro d’ombre sono affidate le ‘memorie’ di Violetta (si veda in seguito); e poi decine di figuranti e quella squadra artistica e tecnica – qui potenziata per l’imponenza dell’allestimento – già al lavoro sul ‘Barbiere di Siviglia’, stagione 2018, il debutto dell’opera lirica al Lac.

La regia del capolavoro verdiano, così come fu per Rossini quattro anni fa, è di Carmelo Rifici. Ci attende in ‘modalità prove’ – un lungo tavolo, una luce dall’alto, la Sala Teatro nella semioscurità – quando mancano più o meno due settimane alla ‘prima’ di venerdì 2 settembre, ore 20, e poi domenica 4 (alle 15), e martedì 6 e giovedì 8 settembre di nuovo alle 20.

Carmelo Rifici: qual è lo stato d’animo? Il vostro, il suo in particolare?

Gli stati d’animo sono diversi come diverse sono le due opere. Abbiamo iniziato l’avventura nella lirica con Rossini, un sistema teatrale dalle dinamiche a me note, difficile da fare bene ma che un regista può cogliere. Per La traviata la situazione è più complessa, perché si tratta di un’opera che tutti conoscono e vi è un immaginario collettivo a essa collegato; si tratta dunque di comprendere come portare il pubblico a lasciare quell’immaginario per accogliere dell’altro, che scava all’interno dell’opera. E poi c’è la musica di Verdi, che a differenza di quella rossiniana chiede un’attenzione al particolare psicologico, analitico, e un rispetto quasi maniacale dei tempi musicali. Se in Rossini i tempi sono matematici – e il divertimento è proprio quello di stare nella matematica del tempo – in Verdi i tempi sono più ambigui. È assai più arduo entrarvi, ed entrarvi richiede una certa responsabilità.

Fino a quanto si è spinto per far dimenticare questo immaginario, a quanta parte d’immaginario il pubblico rinuncerà?

Io vorrei che non vi rinunciasse affatto. Mi auguro che possa essere sorpreso da alcune scelte, comunque mai provocatorie. La mia sarà una ‘Traviata’ piuttosto classica, perché è ciò che volevo fare, ma priva di quell’intenzione di portare il pubblico nell’atmosfera appassionata del postribolo, della prostituta malata. In questo caso, coloro i quali s’aspettassero tutto questo saranno inevitabilmente ‘spostati’. Per me Violetta è una vittima, io riprendo il concetto iniziale di Verdi, che all’epoca fu censurato, il suo voler raccontare la storia di una vittima, finalizzata a una critica feroce al perbenismo e all’ambiente conservatore in cui egli stesso viveva, riprendendo a sua volta la critica di Dumas.

Scenicamente, in quale modo Violetta torna vittima?

Ho cercato di spogliare quella parte fintamente festosa dell’opera, in luogo di un côté a tratti minaccioso nei confronti della protagonista: Violetta è minacciata da un contesto conservatore, che ha bisogno di lei, che necessita di qualcosa di malato per liberarsi di quel male, che necessita della sua morte perché tutto torni all’ordine. Myrtò (Papatanasiu, ndr) si trova molto a suo agio nell’interpretazione di una Violetta più pura, più candida, meno portata all’idea che la vita sia – come dice una parte della sua aria – semplicemente "folleggiare" (‘Sempre libera’, ndr). Per questa ‘Traviata’ abbiamo guardato alla parte in cui sia lei che Alfredo comprendono che la vita e l’amore hanno in sé qualcosa di più altero e misterioso. In quest’alterità, in questo mistero, abbiamo cercato di costruire lo spettacolo.

Nessun desiderio di trasportarlo ad altro tempo storico, a quello presente, o altre dimensioni con le quali alcune regie, confrontandosi con le opere, hanno ‘giocato’?

Devo dire che quello che ha funzionato nel ‘Barbiere di Siviglia’, e che funziona di solito quando io faccio l’opera, è rendere tutto un pochino più astratto, dare al pubblico una collocazione storica non così tradizionale, ma mai iper contemporanea o postmoderna. Anche in questo caso, quando si aprirà il sipario, ci si ritroverà in un contesto che ‘alluderà’ all’Ottocento, ma gli oggetti, il taglio dei vestiti, i particolari renderanno il tempo, a tratti, universale. Ci sono elementi che paiono arrivare dagli anni 50 affiancati ad abiti ottocenteschi, il tutto in una sorta di eleganza, almeno mi auguro sarà tale, capace di rendere la vicenda attuale ma mai contemporanea.


Lac
L’infanzia di Violetta (prove di regia)

E le ombre?

In questo caso, sono partito dalla ‘Lanterna magica’ di Ingmar Bergman. L’idea, e torno su quanto detto in precedenza a proposito della purezza, era quella di creare in determinati momenti dello spettacolo alcuni flashback evocativi di Violetta bambina, i suoi ricordi di un’infanzia già strana, già portata a un destino crudele. E in questa infanzia c’è un suo amore per i giochi d’ombra: appaiono in scena giocattolini, teatrini, dove gli uomini che giocano con lei già alludono agli sviluppi tragici della sua vita. L’ombra è sempre sorprendente: sai che è una cosa semplice, capace di renderti bambino in un attimo, ma resta comunque un’ombra, portatrice di un universo sempre un po’ pericoloso. Il viaggio che fa Violetta è quello di un’innocente che entra dentro un incubo, e l’incubo è la società che, come ogni società perbenista, ha bisogno di qualcuno che si sobbarchi il peccato.

In questo ampliare della figura di Violetta anche in ambiti onirici, com’è il suo rapporto con lei, e quale quello con Alfredo?

Si divertono, nei relativi duetti, a prestarsi allo sguardo interiore cui lo stesso Verdi apre. Ieri (mercoledì, ndr), provando nuovamente il primo atto, Myrtò mi ha detto: "Ci hai dato tutto in maniera così precisa che è impossibile dimenticarti quel che devi fare. È tutto molto naturale". In realtà non è cosa che abbia inventato io, è la musica di Verdi che fa da lente d’ingrandimento sull’anima, tanto che quest’amore altero e misterioso trascende quello esistente tra i due. È come se Verdi, attraverso la musica, individuasse una sorta di amore cosmico, non necessariamente buono di per sé, ma che comprende la relazione in divenire tra i due in questo mondo troppo corrotto, che tende a degradare tutto ciò che si eleva e fugge dalle maglie del quotidiano, per riportarlo all’interno. Con Alfredo ci riesce; con Violetta invece, in modo terribile, fa luce su quella società patriarcale e maschilista, perfettamente descritta, che vuole la donna vittima e colpevole. Violetta accetta questo destino, conscia del fatto che non esiste possibilità di scelta, conscia che l’uomo vuole che una donna venga punita per i danni di un’intera società. Non posso dire che ‘La traviata’ sia un’opera femminista, è ovvio, ma in essa è vivo uno sguardo attento, estremamente empatico, tant’è che Verdi, Violetta, la salva: l’ultima parola che la donna pronuncia è ‘gioia’, e il sacrificio diventa salvazione.

Tecnicamente parlando, e ci perdoni il riferimento sportivo, squadra che vince non si cambia…

La macchina è enorme e ha bisogno di un’organizzazione ferrea. Tra qualche giorno iniziano gli ‘assieme’, e le parti preparate in maniera separata vengono unite, e io potrò soltanto aiutare Marcus Poschner. Affinché questo possa succedere, la macchina ha iniziato a lavorare molto tempo prima. Ci sono state e continuano a esserci importanti riunioni tecniche e di settore. La cosa interessante, nell’opera precedente e in questa, è quanto le squadre del Lac siano all’altezza del compito, una qualità riconosciuta dagli stessi cantanti. Non è una questione di bravura: noi non siamo un teatro di repertorio, che porta in scena un’opera ogni tre giorni, dunque dobbiamo essere più pronti e preparati degli altri. Non c’è ansia, c’è quella trepidazione che viene dal chiedersi se tutto funzionerà, e se al pubblico arriverà quel carico emotivo che ci si è immaginati.

Se non un’opera ogni tre giorni, è possibile che l’ambito operistico del Lac si espanda?

Non nei prossimi anni. Il business plan parla di un’opera ogni due anni, per i prossimi quattro anni. L’opera comporta oneri importanti. Grazie a Michel Gagnon, molto attento a questa parte del lavoro, riusciamo a mettere in cantiere almeno tre opere.

La prossima?

Il prossimo anno. Il nome è Donizetti, in coproduzione con due teatri italiani.

L’opera?

Il titolo lo stiamo ancora scegliendo. La direzione sarà di Diego Fasolis.

Per finire: c’è una ‘Traviata’ cui lei tende?

A mio parere, la più bella degli ultimi anni è stata quella di Robert Carsen. La considero la più interessante, molto attualizzante e contemporanea, modalità che non ha prodotto in me alcun tipo d’ispirazione, se non contraria. Ho sempre trovato in quell’edizione un’idea opposta alla mia, ma la più coerente e la più forte. Nel suo essere molto moderna è anche assai sfacciatamente legata al lato postribolare del personaggio, che è esattamente ciò che io non voglio, ma che mi aiuta a lavorare di contrasto. E comunque, condotta con una sapienza registica impressionante, come tutte le cose che fa Carsen, d’altra parte.


Lac
Carmelo Rifici

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved