storie-di-uomini-e-di-ramina-la-dove-tutto-e-accaduto
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
3 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
6 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
7 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
8 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
10 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
13 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
13 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
13 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
14 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
2 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Cinema
3 gior

Omaggio a Villi Hermann al San Giò Verona Video Festival

Dopo le Giornale cinematografiche di Soletta, una selezione dei film della Imagofilm Lugano sarà proiettata anche durante la rassegna veronese
Ticino Musica
3 gior

Anna Talácková: 'Il flauto è la risposta a tutti i miei dubbi'

A colloquio con la flautista ceca. Il suo recital, martedì 27 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio con la collaborazione della pianista Marta Cencini
Ceresio Estate
3 gior

Trio Torrello, un viaggio musicale con Hermann Hesse

Giovedì 29 luglio alle ore 20.30 a Montagnola, Valentina Londino alla voce, Tommaso Maria Maggiolini al flauto e Nicolas Mottini al pianoforte
Ticino Musica
3 gior

Adrian Oetiker per due giganti dell'Ottocento

Il pianista svizzero in Conservatorio lunedì 26 luglio alle 21, per suonare Schubert e Liszt: 'Molto diversi tra di loro, ma con somiglianze affascinanti'
Cinema
4 gior

L'Africa trionfa ancora a Friburgo: vince 'La Nuit des Rois'

Il 35esimo Festival internazionale del film di Friburgo (Fiff) incorona la fiaba ivoriana di Philippe Lacôte
Figli delle stelle
4 gior

David Crosby, finché c'è tempo

David Crosby, ‘For Free’ (Three Blind Mice, Inc.) - ★★★★★ - Dalla botta di vita al trapasso, un superbo volo a planare (con amici)
Culture
4 gior

Môtiers, 'Art en plein air' parla anche ticinese

Ivo Soldini e Marta Margnetti tra gli espositori della mostra di sculture all’aperto più famosa in Svizzera, aperta sino al 20 settembre
Museo delle dogane
 
21.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:41

Storie di uomini e di ramina, là dove tutto è accaduto

A Cantine di Gandria la mostra 'Un confine tra povertà e persecuzioni’, contrabbandieri e profughi al confine italo-svizzero durante la Seconda guerra mondiale

«Il contrabbando al confine tra Italia e Svizzera è una storia che arriva dalla notte dei tempi. Da sempre, anche quando l’Italia non esisteva». Parole dello storico Adriano Bazzocco, una tesi di dottorato sulla storia del contrabbando tra le due nazioni che verrà pubblicata il prossimo anno e che ha portato a una mostra intitolata ‘Un confine tra povertà e persecuzioni’, la prima di due esposizioni allestite – virtualmente, nel caso della seconda – al Museo svizzero delle dogane alle Cantine di Gandria, che in questi giorni ospita un sunto delle vite di contrabbandieri e profughi al confine italo-svizzero durante la Seconda guerra mondiale. Frutto di nuove ricerche archivistiche, concepita da Bazzocco con Stefania Bianchi, realizzata per il museo dallo scenografo Emmanuel Urban, la mostra illustra i meccanismi del contrabbando, un tempo ‘integrato’ e privo di giudizio morale, acuitosi dopo l’occupazione da parte della Wehrmacht dell’Italia centro-settentrionale, da cui l’afflusso di profughi per i quali Cantine di Gandria rappresentò la via di fuga dalle persecuzioni, e le cui storie, alcune di esse, sono oggetto della parte più toccante della mostra.

Il Grande paradosso

Adriano Bazzocco è andato a investigare «cosa successe a Cantine di Gandria – racconta alla ‘Regione’ – sia per quanto riguarda il contrabbando sia per quel che riguarda i profughi». E nella prima stanza, nella quale il pavimento è la mappa di dove ci troviamo e le pareti la ramina, si dipana la storia di finanzieri e spalloni, di cani contrabbandieri e miti del contrabbando come Clemente Malacrida, ‘Il Duca della montagna’, che tentò di sconfinare da Arogno col suo ‘esercito’ di 131 spalloni; nella prima stanza, fisicamente, stanno anche gli attrezzi del mestiere: la bricolla in tela di juta, le pedule (sovrascarpe) per non far rumore e non lasciare tracce; il bastone per reggersi sotto il peso della merce caricata in spalla e la roncola con la quale, eventualmente, recidere le spalline della bricolla per poi darsi alla fuga.


Tra il lago e la ramina (Ti-Press)

La seconda stanza è ‘ambientata’ durante la Seconda guerra mondiale, ovvero quando «il contrabbando entra nella sua fase più epica, ma anche drammatica», ci spiega Bazzocco. «Epica perché raggiunge un’intensità spaventosa, mai conosciuta nella sua storia, e perché cambia la fisionomia: non si esportano più merci dalla Svizzera verso l’Italia, ma viceversa». È il ‘Grande paradosso’, titolo di una delle sezioni, e cioè i contrabbandieri italiani che «cercano di portare in Svizzera tutto quello che riescono a vendere, soprattutto riso, scomparso dalle tavole dei confederati, per ottenere preziosi franchi svizzeri da rivendere sul mercato nero della valuta italiana, in preda a un’inflazione spaventosa. Il paradosso fu che la popolazione italiana ridotta alla fame per l’occupazione nazista riforniva la Svizzera». Per quanto il tema lasci poco spazio a divagazioni ironiche, la seconda sala – alla sezione ‘La genialità dei contrabbandieri’ – regala anche un sorriso riportando le immagini del sommergibile artigianale in legno, rivestito di metallo, scoperto dalle guardie di Finanza italiane nel novembre del 1948 nelle acque di Porto Ceresio. Un sommergibile silenziosissimo (in quanto a pedali...).

Destini

Nella terza stanza, ad accogliere i visitatori è una sorta di lapide digitale coi nomi di chi, a Cantine di Gandria, fu accolto e quelli di chi fu respinto, destini vicini come la sfumatura che sta tra il bianco e il grigio. «È la stanza in cui affrontiamo la vicenda dei profughi, le migliaia e migliaia di ebrei, antifascisti, rifugiati politici, di soldati alleati fuggiti dai campi d’internamento dopo l’occupazione dell’Italia centro-settentrionale, che si riversano in direzione della Svizzera cercandovi rifugio», spiega Bazzocco. «E nella terza stanza ci sono le quattro storie di profughi ebrei presentatisi proprio a Cantine di Gandria». Stanza nella quale, in sottofondo, si ascolta ‘La forza del destino’ di Verdi diretta da Arturo Toscanini, perché a Cantine di Gandria, tra i molti profughi accolti, ci fu anche la figlia Wally.


‘La forza del destino’ nella terza stanza (Ti-Press)

Scorrono dall’alto verso il basso, i nomi, su di una parete scura di fronte alla quale stanno le ‘Quattro storie di persecuzioni e fuga’, o anche i ‘Quattro destini passati da Caprino’, da leggersi per intero ‘sul giornale’. Storie come quella degli ebrei berlinesi Isidor e Rosa Jakubowski, commercianti di tessuti, un figlio – Hans – mandato a studiare a Treviglio con l’inizio delle prime persecuzioni naziste; la madre che lo raggiunge in Italia, e quando il settimanale di propaganda antisemita ‘Der Stürmer’ dà voce all’odio di un lettore che di Isidor fornisce generalità e indirizzo, anche l’uomo fugge nella Penisola fresca di leggi razziali. Da Milano, dopo i vani tentativi di emigrare negli Stati Uniti o in Inghilterra, il capofamiglia finisce nel campo di concentramento di Urbisaglia (Macerata), e Rosa e il figlio Hans decidono di attraversare le montagne della Valle d’Intelvi, poco sopra il museo; respinti per ben due volte, li salverà da Auschwitz il soldato ticinese incaricato di riaccompagnarli nuovamente in Italia, mosso da pietà. Il resto è nella storia da consultarsi in loco, nei documenti d’identità originali della donna, in una teca con l’altrettanto originale registro dei profughi giunti al posto di confine di Caprino, dove oggi ha sede il Museo.

Tra le quattro storie, quella del medico torinese Leonardo De Benedetti, respinto con la moglie Jolanda perché nel 1943 direttive di Berna impongono l’accettazione di anziani, malati e famiglie con bambini, e Leonardo e Jolanda sono soltanto una famiglia, senza bambini. Finiranno ad Auschwitz, dove De Benedetti farà amicizia con Primo Levi e insieme a questi, quando l’esercito sovietico chiederà loro di redigere un rapporto sulle condizioni sanitarie in essere ad Auschwitz, i due sopravvissuti alla Shoah – medico il primo, chimico il secondo – produrranno uno dei primi scritti sul famigerato campo di concentramento (di Leonardo si legge in ‘La tregua’).


Adriano Bazzocco (Ti-Press)

Online

«Siamo stati catapultati in una nuova situazione per noi decisamente straordinaria. Per questo sono stati fatti sforzi enormi per allestire un’esposizione digitale, imparando molto, non essendo noi ‘nati’ digitali. L’apertura della stagione è stata diversa dal solito, ma siamo qui». Così spiega Maria Moser, responsabile del Museo, l’origine di ‘Stra-Ordinario’, mostra multimediale nata da un evento storico come la chiusura dei confini svizzeri per pandemia. All’interno del Museo delle dogane, ‘Stra-Ordinario’ occupa una stanza, ma l’esposizione è digitale, accessibile collegandosi a www.straordinario.ch. «L’anno scorso a Pasqua avremmo tanto voluto aprire, il museo rappresenta la storia e l’identità della dogana svizzera, abbiamo voluto comunque documentare quello che è successo». Ecco dunque – attraverso reportage, testi, immagini e video – 17 episodi di vita lavorativa dell’Afd durante il periodo di chiusura dei confini. «È spiegato il nostro lavoro, ma anche come la situazione ci abbia uniti».


Maria Moser, responsabile del Museo delle dogane (Ti-Press)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved