Verona
0
Bologna
1
1. tempo
(0-1)
Bienne
1
Zurigo
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Berna
0
Friborgo
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Ajoie
1
Zugo
4
2. tempo
(1-3 : 0-1)
Lakers
1
Ginevra
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
0
Ambrì
3
2. tempo
(0-2 : 0-1)
Davos
3
Losanna
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
Turgovia
2
Winterthur
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
giancarlo-majorino-maestro-brillante-e-vivace
Majorino a un incontro dell'Associazione Amici di Piero Chiara
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro Sociale
1 ora

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
3 ore

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
4 ore

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
5 ore

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
9 ore

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
9 ore

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
11 ore

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
Animali
12 ore

Ora è chiaro come le balenottere mangino senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
15 ore

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri da abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
01.06.2021 - 14:450
Aggiornamento : 18:38

Giancarlo Majorino, maestro brillante e vivace

Il 20 maggio è morto a 93 anni il poeta milanese Majorino, figura di particolare rilievo nella poesia di secondo Novecento. Il ricordo di Maurizio Cucchi

Giancarlo Majorino se ne è andato il 20 maggio, a 93 anni, lasciandoci un’opera molto vasta, varia e importante. Figura di particolare rilievo nella poesia di secondo Novecento, ha avuto, tra i tanti pregi, quello di una vitalità aperta e inquieta di pensiero – ma di un pensiero sempre sensibile alla realtà anche concreta dei tempi. E insieme a questo si è imposta la sua capacità di muovere la forte tensione intellettuale nella ricerca attiva di una forma poetica originale, libera e molto varia, spesso con tratti decisamente innovativi, sperimentali. Secondo peraltro un’idea di sperimentazione alternativa rispetto a quella della neoavanguardia costituitasi in gruppo negli anni Sessanta. Più vicino, semmai, alle esperienze di Giovanni Giudici, e soprattutto di Giovanni Raboni o Giorgio Cesarano o Tiziano Rossi.

Aveva esordito nel ’59 con un poemetto, ‘La capitale del nord’ e alla dimensione poematica sarebbe poi tornato in un testo molto corposo e impegnativo, con tendenza epica, come ‘Viaggio nella presenza del tempo’ (2008) , un vero e proprio poema, appunto, al quale aveva a lungo lavorato.

Ma il suo percorso era passato da un realismo potente – con un estroso abbassamento dei toni, fino all’uso energico del parlato, in un’opera come ‘Lotte secondarie’ (1967) – a un documento poetico sul tempo della contestazione studentesca (essendo stato insegnante) attorno al ’68 in ‘Equilibrio in pezzi’ (1971).

Nel suo lungo e articolato lavoro poetico non sono del resto mancate nitide accensioni liriche, come per esempio in ‘Sirena’ (1976) o ‘La solitudine e gli altri’ (1990), mentre in un libro come ‘Gli alleati viaggiatori’ (2001), tra i suoi maggiori, prefigura i grandi movimenti migratori con una carica di emozione, figure e situazioni davvero straordinaria. E non va dimenticato il suo contributo di attento promotore di cultura nella contemporaneità, soprattutto nella creazione di una rivista aperta alle più varie forme di espressione e di pensiero come, negli anni Sessanta, ‘Il corpo’, oltre che in una particolare antologia come ‘Poesie e realtà ’45-’75’.

Un carattere essenziale della sua personalità di poeta e intellettuale è stato nella piena e irrinunciabile adesione all’esistere, pur nella piena consapevolezza della finitudine, della transitorietà dell’umano esserci, nel suo formidabile e anche misterioso coesistere di limpida meraviglia e cupe fenditure. Gli stessi titoli di alcune sue opere esprimono in modo diretto questa sua aperta, generosissima concezione della vita: ‘Provvisorio’ (1984), ‘Tetrallegro’ (1995), fino alla sua ultima opera poetica, ‘La gioia di vivere’ (2018).

Ho avuto la fortuna e il privilegio di essergli amico fin dal 1971, quando da ragazzo andavo a trovarlo ascoltandolo e imparando dal suo esempio nell’opera e nella parola. Un maestro brillante e vivace, capace di arguzia e ironia, dotato di un sentimento profondo e raro nel suo rapporto con la dimensione della quotidianità, vista nella molteplicità dei suoi risvolti. Lo rimpiango molto, molto. Ma ci restano i suoi libri; continuiamo a frequentarli, sicuri che nel tempo ne crescerà ancora il valore.

© Regiopress, All rights reserved