ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Divorzio Kardashian-West: lui sborserà 200mila dollari al mese

Kim e Kanye si erano sposati nel 2014. La crisi è arrivata nel 2020, quando West annunciò la sua candidatura alla presidenza Usa.
Società
16 ore

Chiude il fast food, là dove nacquero i ‘paninari’

Si tratta del McDonald’s di piazza San Babila, culla negli anni Ottanta del fenomeno modaiolo ossessionato da griffe e linguaggio in codice
Scienze
19 ore

Morto Bernard Crettaz, etnologo specializzato in riti mortuari

Anche sociologo, il vallesano insieme alla moglie Yvonne Preiswerk aveva creato i ‘Café mortels’, ritrovi per parlare del fine-vita. Aveva 84 anni
Spettacoli
20 ore

Il Sociale diventa una ‘Funeral Home’ con Giacomo Poretti

Il Teatro di Bellinzona propone la commedia per la sezione ‘Com.x’. Per la rassegna ‘Narrazioni’ salirà sul palco ‘52’ della Compagnia Finzi Pasca
Culture
23 ore

Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel

Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
1 gior

Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’

Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
1 gior

‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano

È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
1 gior

‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour

Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
1 gior

Le ciliege della costa del Mar Nero

Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
1 gior

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
Culture
1 gior

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
1 gior

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
1 gior

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
laR
 
27.04.2021 - 18:03
Aggiornamento: 19:14

Il frammentato mondo dei musei svizzeri

Pubblicata la statistica annuale sulle istituzioni museali: cresce il divario tra piccoli e grandi musei. Ma ancora non si sa l'effetto della pandemia

di Ivo Silvestro
il-frammentato-mondo-dei-musei-svizzeri
Musei di storia naturale tra i più popolari (Ti-Press)

Una situazione stabile, quella dei musei svizzeri, ma attraversata da alcune divisioni: tra regioni linguistiche, tra grandi istituzioni con numerosi visitatori e realtà più piccole, tra pubblici di età e livello di istruzione diversi. È il quadro che emerge dell’annuale rilevazione dell’Ufficio federale di statistica iniziata nel 2015 e che, con i dati relativi al 2019 appena pubblicati, permette di tracciare un quadro dell’evoluzione degli ultimi cinque anni.

Sostanziale stabilità, si è detto: il numero di musei attivi in Svizzera è rimasto praticamente lo stesso, e lo stesso vale per il numero di oggetti conservati e le giornate di apertura. Del resto, come si ricorda nel rapporto, “il museo è un’istituzione attiva sul lungo periodo” e i dati analizzati si riferiscono, come detto, al 2019: non tengono quindi conto della pandemia che ha tenuto chiusi i musei diversi mesi. Per una fotografia degli effetti del Covid-19 sui musei occorrerà attendere ancora un anno; di più per capire se e come sono cambiate le abitudini dei visitatori verso un’istituzione culturale che, almeno finora, si è dimostrata tra le più popolari e diffuse.

Negli anni presi in considerazione, infatti, oltre un quarto dei Comuni svizzeri ospitava almeno un museo sul proprio territorio; per un confronto, solo il 7 per cento aveva una sala cinematografica sul proprio territorio. Alta anche la percentuale di visitatori tra la popolazione – che però è oggetto di un’altra ricerca, quella sulle abitudini culturali, e ha un approccio un po’ diverso includendo oltre ai musei veri e propri anche esposizioni e gallerie – è alta: più del 70 per cento delle persone ha frequentato un’istituzione museale.

Stabilità ma, come accennato, anche disparità. Una prima riguarda le dimensioni delle istituzioni: abbiamo da una parte un numero relativamente contenuto – una sessantina – di musei a forte affluenza di pubblico, aperti per buona parte dell’anno, molto attivi nell’organizzare attività ed eventi e dall’altra parte una maggioranza di piccole istituzioni, aperte in media 80 giorni l’anno (meno di due giorni a settimana). Si tratta di un dato già noto; la novità è che il divario è in crescita: negli ultimi cinque anni si è infatti registrato un forte aumento dei visitatori (+2 milioni di ingressi, per un totale di 14,2 milioni) imputabile quasi esclusivamente ai grandi musei. Guardando ai tipi di museo, a fare più visitatori sono quelli di scienze naturali con circa 22mila visitatori in media nel 2019 (con un marcato aumento rispetto al 2015); seguono i musei d’arte e quelli archeologici che ogni anno attirano circa ventimila visitatori; per i musei regionali e locali la media si situa sui 1700 ingressi.

La cosiddetta “coda lunga” – il 71 per cento dei musei svizzeri contava meno di 5mila ingressi nel 2019, mentre solo il 5 per cento superava i 50mila – composta perlopiù da musei regionali e locali non arriva minimamente ai livelli dei pochi grandi. Questo divario, come accennato, non riguarda solo i visitatori ma anche altri aspetti della vita dei musei, dai giorni di apertura alle visite guidate agli eventi quali inaugurazioni, conferenze o proiezioni. 

Questa situazione ha un interessante riflesso sulle tre regioni linguistiche. Se il numero di musei presenti rispecchia grosso modo la popolazione – il numero di istituzioni museali pro capite è più o meno lo stesso in tutta la Svizzera – la composizione cambia radicalmente: i musei regionali e locali sono diffusi soprattutto nella Svizzera tedesca (circa il 37 per cento del totale, contro il 32 a livello nazionale), mentre nella Svizzera italiana c’è una particolare presenza di musei d’arte. In Romandia si registra invece una maggiore quota di musei a forte affluenza di pubblico rispetto alle altre regioni linguistiche, causa (o effetto?) di una maggiore frequentazione di musei: il 74 per cento dei romandi ha visitato un’istituzione museale contro il 70 per cento della Svizzera tedesca e il 66 di quella italiana.

Infine, differenze nel profilo dei visitatori: non solo le persone con livello di formazione di scuola dell’obbligo frequentano meno i musei di chi ha proseguito gli studi, ma la loro percentuale è scesa negli ultimi anni. Per contro non vi sono differenze di genere o età nella frequentazione di istituzioni museali, anche se cambiano leggermente il tipo di museo frequentato: le donne preferiscono maggiormente i musei d’arte, gli over 60 quelli regionali e locali e la fascia 30-44 anni i musei di scienze naturali e tecnici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved