rsi-per-tweet-inopportuni-tolto-il-dossier-molestie-a-canetta
Due commenti non consoni al ruolo e all’immagine di direttore (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
9 ore

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
11 ore

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
14 ore

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
15 ore

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
16 ore

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
1 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
1 gior

Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’

Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
1 gior

Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla

Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
1 gior

Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’

All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
2 gior

L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022

Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
2 gior

Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)

C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
2 gior

Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso

Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
laR
 
01.02.2021 - 18:49
Aggiornamento : 21:23

Rsi, per tweet inopportuni tolto il dossier molestie a Canetta

In attesa dell’arrivo di Mario Timbal, sarà Enrico Carpani a occuparsi delle segnalazioni di molestie sessuali, di mobbing e bossing

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Maurizio Canetta lascerà la direzione della Rsi il 31 marzo, quando gli subentrerà Mario Timbal dopo un primo mese a Berna per approfondire i principali dossier con il direttore generale della Ssr. Nel frattempo, uno dei dossier più delicati, quello relativo alle accuse di molestie e mobbing raccolte dal sindacato Ssm, è già passato di mano: a occuparsene non sarà più il direttore uscente ma il supplente e responsabile del Dipartimento sport Enrico Carpani. Tutti gli altri dossier rimarranno in mano a Canetta fino allo scadere del suo mandato.

La decisione di questo passaggio di consegne è stata presa dal presidente del consiglio di amministrazione della Ssr Jean Michel Cina e dal direttore generale della Ssr Gilles Marchand in seguito a due tweet giudicati inappropriati. Si tratta di risposte a tweet di altri utenti ad argomento sessuale: non vi sono né molestie né commenti sessisti rivolti ad altre persone, ma delle battute sopra le righe, non consone al ruolo e all’immagine del direttore della Rsi come giudicato dai vertici della Ssr e prima ancora come ammesso dal diretto responsabile.

I due tweet risalgono infatti allo scorso aprile ed erano stati prontamente segnalati da alcuni dipendenti all’ufficio del personale della Rsi. La responsabile delle Risorse umane ne ha discusso con il direttore che ha riconosciuto l’errore, ha chiesto scusa e rimosso i due tweet inappropriati. Le collaboratrici e i collaboratori che avevano fatto la segnalazione – di cui Canetta ignora l’identità – sono stati informati. Con queste scuse e con la consapevolezza dell’errore la faccenda sembrava chiusa, «come accade per questo tipo di segnalazioni» ci precisa Canetta da noi raggiunto.

Tuttavia qualcuno ha conservato prove di quelle battute inappropriate e negli scorsi giorni ha deciso di informarne la Ssr. In seguito a questa segnalazione, il direttore generale Gilles Marchand ha richiamato ufficialmente Maurizio Canetta – che si è nuovamente scusato per l’accaduto – decidendo inoltre, come detto, di togliergli la responsabilità del dossier molestie e mobbing. Enrico Carpani, che già si occupava su delega di Canetta dei rapporti con il sindacato, adesso riferirà direttamente a Marchand.

Si tratta di una decisione opportuna? «Sì – ci risponde Canetta –, perché permette di portare avanti in modo sereno la discussione con l’Ssm su un tema particolarmente sensibile come quello delle molestie e del mobbing».

Perché allora non è stato fatto prima questo passo indietro? «Nell’aprile del 2020 il dossier su molestie e mobbing ancora non era stato aperto e quando abbiamo iniziato ad affrontare anche qui il tema è parso che quei tweet potessero rappresentare un pregiudizio negativo. È quindi corretto che, nei mesi di febbraio e marzo, il dossier venga gestito direttamente da Carpani e Marchand».

Il commento

Quel piccolo grande errore

I due tweet inopportuni di Maurizio Canetta sono un piccolo grande errore.

Piccolo perché si tratta di battute incaute, di dubbio gusto e certo non convenienti al direttore della Rsi, ma ben lontane dai commenti sessisti e dalle offese a sfondo sessuale che purtroppo abbondano non solo sui social media. Una violenza verbale, quest’ultima, che non si vuole assolutamente minimizzare, definendo quei tweet di Canetta una stupidaggine che è stato giusto segnalare ma che sarebbe ingiusto accostare a casi ben più gravi.

Quei commenti liberati nello spazio pubblico di Twitter sono tuttavia anche un grande errore. Certamente perché un direttore chiamato, tra le tante cose, a occuparsi di molestie e abusi sul luogo di lavoro deve essere al di sopra di ogni sospetto, dare prova di una sensibilità al tema che mal si concilia con quelle sfortunate battute. Ma questa vicenda è un grande errore soprattutto perché testimonia, all’interno dell’azienda, un clima avvelenato. Forse chi ha conservato per mesi copia di quei tweet, informandone i vertici della Ssr quasi un anno dopo l’accaduto, l’ha fatto per senso di giustizia, perché giudicava inefficace la gestione interna dell’incidente o perché trovava inopportuno che, pur dopo le doverose scuse, Canetta continuasse a occuparsi delle tante, troppe segnalazioni molestie e mobbing raccolte dal sindacato. Ma è difficile non pensare piuttosto a un regolamento di conti. Il che sarebbe ben più grave di un’infelice battuta: più che per Canetta, per le condizioni di lavoro che si sono create all’interno della Rsi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
maurizio canetta mobbing molestie twitter
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved