PHI Flyers
3
SEATTLE KRAKEN
0
1. tempo
(3-0)
TOR Leafs
0
NY Rangers
1
1. tempo
(0-1)
rsi-per-tweet-inopportuni-tolto-il-dossier-molestie-a-canetta
Due commenti non consoni al ruolo e all’immagine di direttore (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Lac
5 ore

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
6 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
8 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
10 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
10 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
11 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
11 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
13 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
13 ore

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Spettacoli
1 gior

Altroquando festival svela il suo primo film

A Massagno il 3 e 4 dicembre, la prima edizione si aprirà con il film svedese Knocking, proposto in prima ticinese grazie a Nifff on Tour
Arte
1 gior

Arte, addio a Perilli, tra i padri nobili dell’astrattismo

Fondatore dello storico gruppo di ispirazione marxista Forma 1, Perilli aveva 94 anni
Culture
1 gior

I messaggi essenziali della poesia di Giampiero Neri

Il decano della poesia in lingua italiana ha pubblicato ‘Piazza Libia’ un percorso liberamente narrativo in cui emerge la sua natura antiretorica
La recensione
1 gior

From Bollani to Chiasso, cronaca di un colorato trionfo

Tra il blu e il verde, e ottimi Soloists, il pianista segna un’altra tacca al Cinema Teatro: ‘Un pubblico così bello che dovremmo portarcelo in tour’
Culture
 
01.02.2021 - 18:490
Aggiornamento : 21:23

Rsi, per tweet inopportuni tolto il dossier molestie a Canetta

In attesa dell’arrivo di Mario Timbal, sarà Enrico Carpani a occuparsi delle segnalazioni di molestie sessuali, di mobbing e bossing

Maurizio Canetta lascerà la direzione della Rsi il 31 marzo, quando gli subentrerà Mario Timbal dopo un primo mese a Berna per approfondire i principali dossier con il direttore generale della Ssr. Nel frattempo, uno dei dossier più delicati, quello relativo alle accuse di molestie e mobbing raccolte dal sindacato Ssm, è già passato di mano: a occuparsene non sarà più il direttore uscente ma il supplente e responsabile del Dipartimento sport Enrico Carpani. Tutti gli altri dossier rimarranno in mano a Canetta fino allo scadere del suo mandato.

La decisione di questo passaggio di consegne è stata presa dal presidente del consiglio di amministrazione della Ssr Jean Michel Cina e dal direttore generale della Ssr Gilles Marchand in seguito a due tweet giudicati inappropriati. Si tratta di risposte a tweet di altri utenti ad argomento sessuale: non vi sono né molestie né commenti sessisti rivolti ad altre persone, ma delle battute sopra le righe, non consone al ruolo e all’immagine del direttore della Rsi come giudicato dai vertici della Ssr e prima ancora come ammesso dal diretto responsabile.

I due tweet risalgono infatti allo scorso aprile ed erano stati prontamente segnalati da alcuni dipendenti all’ufficio del personale della Rsi. La responsabile delle Risorse umane ne ha discusso con il direttore che ha riconosciuto l’errore, ha chiesto scusa e rimosso i due tweet inappropriati. Le collaboratrici e i collaboratori che avevano fatto la segnalazione – di cui Canetta ignora l’identità – sono stati informati. Con queste scuse e con la consapevolezza dell’errore la faccenda sembrava chiusa, «come accade per questo tipo di segnalazioni» ci precisa Canetta da noi raggiunto.

Tuttavia qualcuno ha conservato prove di quelle battute inappropriate e negli scorsi giorni ha deciso di informarne la Ssr. In seguito a questa segnalazione, il direttore generale Gilles Marchand ha richiamato ufficialmente Maurizio Canetta – che si è nuovamente scusato per l’accaduto – decidendo inoltre, come detto, di togliergli la responsabilità del dossier molestie e mobbing. Enrico Carpani, che già si occupava su delega di Canetta dei rapporti con il sindacato, adesso riferirà direttamente a Marchand.

Si tratta di una decisione opportuna? «Sì – ci risponde Canetta –, perché permette di portare avanti in modo sereno la discussione con l’Ssm su un tema particolarmente sensibile come quello delle molestie e del mobbing».

Perché allora non è stato fatto prima questo passo indietro? «Nell’aprile del 2020 il dossier su molestie e mobbing ancora non era stato aperto e quando abbiamo iniziato ad affrontare anche qui il tema è parso che quei tweet potessero rappresentare un pregiudizio negativo. È quindi corretto che, nei mesi di febbraio e marzo, il dossier venga gestito direttamente da Carpani e Marchand».

Il commento

Quel piccolo grande errore

I due tweet inopportuni di Maurizio Canetta sono un piccolo grande errore.

Piccolo perché si tratta di battute incaute, di dubbio gusto e certo non convenienti al direttore della Rsi, ma ben lontane dai commenti sessisti e dalle offese a sfondo sessuale che purtroppo abbondano non solo sui social media. Una violenza verbale, quest’ultima, che non si vuole assolutamente minimizzare, definendo quei tweet di Canetta una stupidaggine che è stato giusto segnalare ma che sarebbe ingiusto accostare a casi ben più gravi.

Quei commenti liberati nello spazio pubblico di Twitter sono tuttavia anche un grande errore. Certamente perché un direttore chiamato, tra le tante cose, a occuparsi di molestie e abusi sul luogo di lavoro deve essere al di sopra di ogni sospetto, dare prova di una sensibilità al tema che mal si concilia con quelle sfortunate battute. Ma questa vicenda è un grande errore soprattutto perché testimonia, all’interno dell’azienda, un clima avvelenato. Forse chi ha conservato per mesi copia di quei tweet, informandone i vertici della Ssr quasi un anno dopo l’accaduto, l’ha fatto per senso di giustizia, perché giudicava inefficace la gestione interna dell’incidente o perché trovava inopportuno che, pur dopo le doverose scuse, Canetta continuasse a occuparsi delle tante, troppe segnalazioni molestie e mobbing raccolte dal sindacato. Ma è difficile non pensare piuttosto a un regolamento di conti. Il che sarebbe ben più grave di un’infelice battuta: più che per Canetta, per le condizioni di lavoro che si sono create all’interno della Rsi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved