retedue-alla-vigilia-della-plenaria-39-firme-e-un-grazie
Salviamo Rete Due (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
3 ore

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
3 ore

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
4 ore

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
5 ore

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
6 ore

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
19 ore

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
20 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
23 ore

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
23 ore

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
1 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
1 gior

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Rsi
13.01.2021 - 16:38

ReteDue: alla vigilia della 'plenaria' 39 firme e un 'Grazie'

L'85% del corpo giornalistico, 3/4 del personale complessivo, esprimono la propria preoccupazione all'azienda e ringraziano per la mobilitazione pubblica

In tutto 39 firme, da consegnarsi in occasione della riunione plenaria del personale radiofonico prevista per domani, 14 gennaio 2021. Sono quelle di collaboratrici e collaboratori dei Rete Due, verificate e certificate dal Sindacato svizzero dei mass media (Ssm), sulla scia del dibattto pubblico apertosi attorno al progetto Lyra della Rsi, che prevede lo smantellamento del 'parlato' dalla Rete Due. I 39 tra collaboratrici e collaboratori di Rete Due – oltre 3/4 del suo personale complessivo, l'85% del corpo giornalistico – esprimono la propria preoccupazione alla Rsi e allo stesso tempo ringraziano per il sostegno pubblico con un documento, ivi riportato integralmente:

È con perplessità frammista a commozione che abbiamo finora seguito il dibattito pubblico avviato da La Regione Ticino, lo scorso 5 dicembre, attorno al futuro di Rete Due. Un dibattito che per la nostra realtà ha assunto proporzioni inusitate e inimmaginabili: per il numero di voci che a vario titolo si sono pronunciate; per la loro autorevolezza; per il moto popolare che ha trovato espressione spontanea attraverso una raccolta di firme senza precedenti; per un’interpellanza all’Assemblea federale partita dal Consiglio degli Stati. Questo sostegno ci commuove e ci onora, e rende giustizia al valore di un’idea di lavoro e di cultura che ha fatto la nostra storia, la storia della RSI, la storia della Svizzera italiana.

La ridefinizione dell’offerta radiofonica dell’azienda affidata al progetto Lyra implica, allo stato dei lavori, con l’annunciata riduzione dei contributi parlati al 10%, lo smantellamento dell’approfondimento culturale così come lo conosciamo e così come è garantito dalla vigente concessione radiotelevisiva del Consiglio federale alla SSR-SRG RSI. Ma, bene al di là delle incognite per il nostro lavoro che il progetto Lyra inevitabilmente presenta, se siamo perplessi è perché l’attuale situazione riflette un disinvestimento della SSR-SRG RSI verso l’offerta culturale che parte da lontano e che non accenna a fermarsi, né sul piano quantitativo né su quello qualitativo, e questo malgrado il plebiscito per il servizio pubblico sancito dal rifiuto dell’iniziativa “No-Billag” il 4 marzo 2018: a conferma basterebbe confrontare i palinsesti radiotelevisivi dell’ultimo decennio (l’investimento nel web non è ancora significativo). Se invece limitiamo la materia di osservazione al maggior vettore culturale della RSI, nel solo periodo 2016-2020 Rete Due ha affrontato i licenziamenti e i prepensionamenti forzati del 2016, che hanno causato un’emorragia di personale e di posti di lavoro non ancora cessata, con conseguenze dirette sull’offerta e sulla modalità di fruizione dei programmi; la rinuncia all’Orchestra della Svizzera italiana, al Coro della Radiotelevisione Svizzera e a I Barocchisti; e la recente fusione dei dipartimenti Cultura e Intrattenimento, di cui il progetto Lyra è la prima, importante emanazione.

A giustificazione, la direzione della SSR-SRG RSI ha sempre impugnato due argomenti inconfutabili, l’epocale mutamento in atto del mondo massmediatico e la concomitante, inesausta riduzione delle entrate pubblicitarie, che grava sugli ancora cospicui proventi del canone radiotelevisivo. Se, però, siamo perplessi è anche perché le dichiarazioni della direzione della RSI rilasciate a mezzi pubblici e privati tradiscono da una parte la volontà di sottrarre l’azienda alla fondamentale riflessione sulle responsabilità del proprio agire nel campo culturale, e dall’altra il tentativo di isolare Rete Due all’interno della stessa azienda, ponendola sul podio di chi, ora, agirebbe per mero elitarismo ideologico. Dalla sua fondazione, nei primi anni ’80, Rete Due si è sempre e unicamente mossa nell’alveo della divulgazione e della produzione di cultura, in ottemperanza al mandato della concessione radiotelevisiva che pone al centro dei suoi compiti l’approfondimento culturale, dando voce a quegli attori che, in Svizzera e all’estero, attraverso la cultura si esprimono, con particolare attenzione alla tutela dell’italianità nazionale. Rete Due si è sempre considerata, collegialmente, parte integrante della RSI e dell’offerta della RSI.

Per questi motivi Rete Due fa proprie le preoccupazioni e le richieste espresse il 16 dicembre scorso dal Comitato del Consiglio regionale della CORSI e desidera esprimere la propria riconoscenza a chi in queste settimane, apprezzandone il lavoro, l’ha sostenuta e continua a farlo.

Grazie!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grazie progetto lyra rete due rsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved