laRegione
retedue-alla-vigilia-della-plenaria-39-firme-e-un-grazie
Salviamo Rete Due (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
7 ore

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
8 ore

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
10 ore

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
10 ore

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
1 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
1 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
1 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
1 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
1 gior

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Video
Musica
2 gior

Wagner, revolver e muri del suono: è morto Phil Spector

In carcere per omicidio, inventò il 'Wall of Sound'. Dalle Crystals alle Ronettes, dai Beatles agli ex Beatles, da Cohen ai Ramones, influenzò Springsteen.
Scienze
2 gior

In Cina, boom dei servizi tramite droni nel 2020

Il Paese ha aumentato l'uso dei droni in vari campi come agricoltura e protezione dell'ambiente, anche per precipitazioni artificiali
Spettacoli
2 gior

I nuovi sguardi della critica cinematografica, oltre le stelline

Anita Hugi, direttrice delle Giornate cinematografiche di Soletta: “I critici non sono personal shopper”
Rsi
13.01.2021 - 16:380

ReteDue: alla vigilia della 'plenaria' 39 firme e un 'Grazie'

L'85% del corpo giornalistico, 3/4 del personale complessivo, esprimono la propria preoccupazione all'azienda e ringraziano per la mobilitazione pubblica

In tutto 39 firme, da consegnarsi in occasione della riunione plenaria del personale radiofonico prevista per domani, 14 gennaio 2021. Sono quelle di collaboratrici e collaboratori dei Rete Due, verificate e certificate dal Sindacato svizzero dei mass media (Ssm), sulla scia del dibattto pubblico apertosi attorno al progetto Lyra della Rsi, che prevede lo smantellamento del 'parlato' dalla Rete Due. I 39 tra collaboratrici e collaboratori di Rete Due – oltre 3/4 del suo personale complessivo, l'85% del corpo giornalistico – esprimono la propria preoccupazione alla Rsi e allo stesso tempo ringraziano per il sostegno pubblico con un documento, ivi riportato integralmente:

È con perplessità frammista a commozione che abbiamo finora seguito il dibattito pubblico avviato da La Regione Ticino, lo scorso 5 dicembre, attorno al futuro di Rete Due. Un dibattito che per la nostra realtà ha assunto proporzioni inusitate e inimmaginabili: per il numero di voci che a vario titolo si sono pronunciate; per la loro autorevolezza; per il moto popolare che ha trovato espressione spontanea attraverso una raccolta di firme senza precedenti; per un’interpellanza all’Assemblea federale partita dal Consiglio degli Stati. Questo sostegno ci commuove e ci onora, e rende giustizia al valore di un’idea di lavoro e di cultura che ha fatto la nostra storia, la storia della RSI, la storia della Svizzera italiana.

La ridefinizione dell’offerta radiofonica dell’azienda affidata al progetto Lyra implica, allo stato dei lavori, con l’annunciata riduzione dei contributi parlati al 10%, lo smantellamento dell’approfondimento culturale così come lo conosciamo e così come è garantito dalla vigente concessione radiotelevisiva del Consiglio federale alla SSR-SRG RSI. Ma, bene al di là delle incognite per il nostro lavoro che il progetto Lyra inevitabilmente presenta, se siamo perplessi è perché l’attuale situazione riflette un disinvestimento della SSR-SRG RSI verso l’offerta culturale che parte da lontano e che non accenna a fermarsi, né sul piano quantitativo né su quello qualitativo, e questo malgrado il plebiscito per il servizio pubblico sancito dal rifiuto dell’iniziativa “No-Billag” il 4 marzo 2018: a conferma basterebbe confrontare i palinsesti radiotelevisivi dell’ultimo decennio (l’investimento nel web non è ancora significativo). Se invece limitiamo la materia di osservazione al maggior vettore culturale della RSI, nel solo periodo 2016-2020 Rete Due ha affrontato i licenziamenti e i prepensionamenti forzati del 2016, che hanno causato un’emorragia di personale e di posti di lavoro non ancora cessata, con conseguenze dirette sull’offerta e sulla modalità di fruizione dei programmi; la rinuncia all’Orchestra della Svizzera italiana, al Coro della Radiotelevisione Svizzera e a I Barocchisti; e la recente fusione dei dipartimenti Cultura e Intrattenimento, di cui il progetto Lyra è la prima, importante emanazione.

A giustificazione, la direzione della SSR-SRG RSI ha sempre impugnato due argomenti inconfutabili, l’epocale mutamento in atto del mondo massmediatico e la concomitante, inesausta riduzione delle entrate pubblicitarie, che grava sugli ancora cospicui proventi del canone radiotelevisivo. Se, però, siamo perplessi è anche perché le dichiarazioni della direzione della RSI rilasciate a mezzi pubblici e privati tradiscono da una parte la volontà di sottrarre l’azienda alla fondamentale riflessione sulle responsabilità del proprio agire nel campo culturale, e dall’altra il tentativo di isolare Rete Due all’interno della stessa azienda, ponendola sul podio di chi, ora, agirebbe per mero elitarismo ideologico. Dalla sua fondazione, nei primi anni ’80, Rete Due si è sempre e unicamente mossa nell’alveo della divulgazione e della produzione di cultura, in ottemperanza al mandato della concessione radiotelevisiva che pone al centro dei suoi compiti l’approfondimento culturale, dando voce a quegli attori che, in Svizzera e all’estero, attraverso la cultura si esprimono, con particolare attenzione alla tutela dell’italianità nazionale. Rete Due si è sempre considerata, collegialmente, parte integrante della RSI e dell’offerta della RSI.

Per questi motivi Rete Due fa proprie le preoccupazioni e le richieste espresse il 16 dicembre scorso dal Comitato del Consiglio regionale della CORSI e desidera esprimere la propria riconoscenza a chi in queste settimane, apprezzandone il lavoro, l’ha sostenuta e continua a farlo.

Grazie!

© Regiopress, All rights reserved