GIRON M. (USA)
0
NADAL R. (ESP)
3
fine
(1-6 : 4-6 : 2-6)
come-si-dice-lidate-il-cantone-indaga-le-varieta-dell-italiano
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
10 ore

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
12 ore

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
14 ore

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Culture
15 ore

È morto lo stilista italiano Nino Cerruti

Tra i protagonisti della moda del Novecento, negli anni Sessanta arruolò Armani
Musica
2 gior

La versione di Fiorella spiegata a Locarno

Sabato 2 aprile al Palaexpo Fevi, la tappa ticinese del tour di Fiorella Mannoia che prende il nome dal programma Rai.
Spettacoli
2 gior

Santoro SOLOinscena al Foce per ‘Edgar Allan Horror Poe’

Mercoledì 19 gennaio alle 19, con musiche dal vivo di Claudia Klinzing, Emanuele Santoro nel recital dedicato al grande autore statunitense
Culture
2 gior

‘Novecento’ di Baricco è la prima opera letteraria Nft

L’Nft (Non-Fungibile Token) è un certificato che attesta la proprietà e la provenienza di un asset digitale.
Scienze
2 gior

C’è vapore acqueo sul pianeta sosia di Nettuno

La scoperta, che porta la firma del celebre telescopio spaziale Hubble, potrebbe aiutare a ricostruire l’origine di TOI 674b, misterioso mondo alieno
Fumetti
2 gior

Tre milioni e 360mila dollari per una pagina di Spider-Man

Disegnata da Mike Zeck per il numero 8 di “Secret Wars” del 1984, presenta la prima apparizione dell’Uomo Ragno con il costume nero. Aggiudicata a Dallas.
Video
Musica
2 gior

La 97enne discepola di Rachmaninoff incide un album

Ruth Slenczynska fu enfant prodige. A 97 anni diventa una delle artiste più longeve: è in attività da oltre 90 anni.
Spettacoli
2 gior

Le canzoni di Sanremo: tanto amore, tanto ballo e una poesia

Le abbiamo ascoltate a Milano. Su ‘Lettera di là dal mare’ di Massimo Ranieri parte l’applauso; il resto (Morandi, Elisa, Mahmood) dignitosamente segue
Spettacoli
2 gior

Lella Costa al Sociale nel segno di Franca Valeri

Martedì 18 gennaio per la rassegna com.x ‘La vedova Socrate’ scritto dalla grande signora del teatro italiano scomparsa nel 2020
Spettacoli
2 gior

Morto il chitarrista e compositore Angelo Gilardino

Originario di Asigliano in provincia di Vercelli, aveva 80 anni
Spettacoli
2 gior

Grigioni, il lungo addio alla torre rossa di Origen

La struttura continuerà a ospitare eventi culturali fino al 2023. In programma uno spettacolo sull’imperatrice Irene di Bisanzio e il Requiem di Brahms
Scienze
2 gior

Archeologia, luce sulla preistoria dal Tibet

In un sito preistorico nella prefettura di Ngari ritrovati reperti risalenti a 8-10mila anni fa
22.11.2020 - 16:090
Aggiornamento : 16:56

Come si dice lìdatè? Il Cantone indaga le varietà dell’italiano

L’indagine sociolinguistica si aggiorna con un sondaggio online. Ne parliamo con Laura Baranzini dell’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana

Le lingue cambiano non solo nel tempo ma anche nello spazio. Il pensiero va subito agli “elvetismi”, alle particolarità linguistiche che distinguono l’italiano della Svizzera da quello degli altri territori. Ma il progetto lìdatè (acronimo di “l’italiano dal territorio”), presentato nei giorni scorsi dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport e che si occupa, appunto, di studiare queste variazioni territoriali, guarda oltre. «Dal momento che lavoriamo per l’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana abbiamo uno sguardo particolarmente attento sulla varietà svizzera dell’italiano però l’idea è, potenzialmente, coprire tutte le varietà geografiche dell’italofonia» ci spiega la sociolinguista Laura Baranzini che con Matteo Casoni si occupa di lìdatè. «I dati che ci provengono dalla Svizzera italiana e dalle aree di confine dell’Italia settentrionale ci interesseranno particolarmente perché ci permetteranno di tracciare i confini precisi della varietà svizzera dell’italiano, su cui non sappiamo tantissimo. Per alcuni termini il confine corrisponde a quello politico, ma per altri, penso soprattutto a quelli di matrice dialettale, non necessariamente».

Scopo è quindi studiare queste variazioni, capire – è uno degli esempi – in quali zone l’azione deliberata di saltare le lezioni si chiama “bigiare”, in quali “marinare”, “fare filone” o altre espressioni ancora (il dizionario Treccani riporta “fare forca o sega o cuppo o salina o fughino o lippe o manca o vela”). Come? Chiedendolo ai parlanti stessi sul sito www.lidate.ch, tramite sondaggi e mostrando poi i risultati su delle mappe. Ci sono inoltre dei quiz mensili (con tanto di premi) che non fanno parte dell’indagine ma vogliono stimolare la riflessione sulle lingue e divulgare alcune conoscenze di base. 

Per capire la diffusione geografica di certe espressioni non si potevano analizzare delle raccolte di testi? «Studiando dei testi già scritti non è detto si riesca a ottenere una fotografia della lingua realmente parlata dalle persone» ci spiega Baranzini. Il contesto della lingua scritta è diverso da quella parlata: per tornare all’esempio di prima, in un testo è più facile essere assenti ingiustificati che bigiare. Per questo «in sociolinguistica l’inchiesta è il metodo di indagine di base: un tempo per disegnare gli atlanti linguistici si girava il territorio muniti di questionari con un certo numero di termini, espressioni e frasi».
Il progetto lìdatè aggiorna questa metodologia: «Pensiamo che la tecnologia ci permetta di trasformare questa inchiesta sociolinguistica, di renderla più diffusa, capillare e veloce chiedendo direttamente alle persone, ai parlanti di partecipare».
Non rischia di esserci un problema di selezione, di raggiungere solo alcune fasce di popolazione ottenendo quindi una fotografia parziale? «Sì, è un rischio di cui siamo consapevoli e che riguarda tutte le operazioni di questo tipo. Abbiamo cercato di ampliare il più possibile l’utenza, ad esempio creando non una app per smartphone, ma un sito accessibile quindi da più dispositivi». Inoltre al momento dell’iscrizione si traccia un profilo abbastanza completo, chiedendo fascia di età, livello di istruzione: «Così sapremo se un gruppo sociale o una fascia d’età sono rimasti fuori dall’inchiesta e non correremo il rischio di attribuire a tutti i parlanti aspetti che riguardano invece solo una parte».
Obiettivo, come detto, è studiare come la lingua cambia nello spazio; tuttavia viviamo in un’epoca con un’elevata mobilità e oltretutto molte esperienze linguistiche sono “extraterritoriali”, dalle trasmissioni radio e tv ai social media. «Sono aspetti che rendono più complicato il nostro compito» conferma Baranzini. Per gestire questa ricchezza del background linguistico dei parlanti si è fatto di nuovo ricorso a una profilazione più completa possibile, chiedendo ad esempio se la persona ha vissuto più di un anno in un’altra regione italofona, quale lingua si parlava nel contesto familiare eccetera. «Per le mappe ci basiamo sostanzialmente su un’autovalutazione: è il parlante stesso che decide dove è localizzato il suo italiano. È chiaramente una semplificazione, ma avendo altri dati sul suo percorso potremmo capire perché magari c’è un dato discordante con gli altri».
Qual è l’orizzonte temporale del progetto? «Abbiamo tantissimo materiale» spiega Baranzini, riferendosi a espressioni e termini che sono particolarmente soggetti a variazione geografica. «Se volessimo anche solo testare le variazioni svizzere, e non è quello il nostro obiettivo, potremmo andare avanti decenni». Per ora è prevista una prima fase di due anni «anche per vedere se la partecipazione è attiva e continua», poi si vedrà. «Più risposte avremo più i risultati saranno significativi; dipende anche da quanto riusciremo a diffondere il progetto al di fuori dei confini della Svizzera italiana». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved