non-silent-protest-quando-il-coro-alza-la-voce
Il Coro Calicantus, in uno dei tanti viaggi nel mondo
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
14 min

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
15 ore

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
17 ore

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
18 ore

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
22 ore

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
22 ore

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
23 ore

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
23 ore

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
1 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
1 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
1 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Letteratura
1 gior

Premio Strega Giovani a Edith Bruck per ‘Il pane perduto’

Nata in una povera e numerosa famiglia ebrea nel 1931, sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne 'Il pane perduto' ripercorre la sua vita.
Musica
1 gior

'Curio, Salone Piazza Grande, il mio piccolo Lac del Malcantone'

Con Sandro Schneebeli nella sede dell'Associazione da lui fondata, in tempi in cui il musicista è sempre più 'imprenditore’: ‘Per me è così da trent'anni’.
Cinema
1 gior

A Cannes un Dario Argento attore in 'Vortex'

Gaspar Noé ha scritturato il regista del brivido insieme a Françoise Lebrun e Alex Lutz per un film che racconta gli ultimi giorni di una coppia di vecchi amanti.
Culture
1 gior

Da Pro Helvetia 25mila franchi per un progetto letterario

La Fondazione svizzera per la cultura sostiene 15 autrici e autori: per la prima volta, selezionati anche progetti non scritti in una delle 4 lingue nazionali.
Locarno Film Festival
2 gior

Excellence Award Davide Campari a Laetitia Casta

Il 4 agosto, l'attrice francese sarà in Piazza Grande per la premiazione; il giorno dopo, in conversazione col pubblico al Forum @Rotonda by la Mobiliare.
Società
2 gior

Storia di Alfredino che cadde nel pozzo

Dal 10 al 13 giugno 1981, l'Italia intera ne attese il salvataggio davanti al piccolo schermo. Invano. La chiamarono 'tv del dolore', altro non poteva essere.
Spettacoli
2 gior

Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto

Dalla morte del bracciante Nikola Hadziev alla dura vita nell'alpe: intervista al regista zurighese Aldo Gugolz
Scienze
2 gior

'La voce' della depressione captata dall'intelligenza artificiale

L'algoritmo ideato da Carol Espy-Wilson, della University of Maryland riconosce la depressione nella lentezza della voce. Possibile l'impiego tramite app
Scienze
3 gior

Ganimede, satellite di Giove, visto dalla sonda Juno

Il più grande satellite del pianeta gassoso, e dell'intero Sistema solare, ritratto lo scorso 7 giugno a poco più di mille chilometri dalla superficie
Studi
3 gior

ETHZ rimane la migliore università dell'Europa continentale

Il Politecnico federale di Zurigo, ottavo tra le migliori università del mondo, conferma la sua leadership iniziata 14 anni fa
Cinema
3 gior

Drive-in o itinerante, a Chiasso è sempre Cinestate

Dai Pink Floyd a Grease, da Woody Allen a Wonder Woman e un po' di cinema per riflettere, divisi tra Cinequartiere e Proiezioni Grande Velocità.
Spettacoli
3 gior

L’inaspettata Orchestra della Svizzera italiana

Presentata la stagione 2021-22 dell'Osi. Il direttore Christian Weidmann racconta il suo progetto di rinnovamento non solo musicale
Cinema
3 gior

Tra Gandria e lo Spazio Elle, al via il nuovo Cineroom

Mercoledì 9 giugno, al Lido San Domenico, la prima di ‘Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto’; poi il programma di sposta a Locarno
LongLake Festival
3 gior

Al Boschetto Parco Ciani c'è Pelù che ‘Spacca l'infinito'

Mercoledì 9 giugno alle 17, l'ex Litfiba in dialogo con Gianluca Verga, per un racconto personale oltre il rocker, l'attivista, il personaggio pubblico
LongLake Festival
3 gior

Massimo Bucciantini, 'Addio Lugano bella' in Biblioteca

Lo storico presenta le sue 'Storie di ribelli, anarchici e lombrosiani' mercoledì 9 giugno alle 18
Scienze
3 gior

Morto il premio Nobel svizzero per la chimica Richard Ernst

Nato a Winterthur, Ernst aveva ottenuto il Nobel nel 1991: le sue scoperte hanno aperto la strada alla moderna risonanza magnetica
Locarno Film Festival
3 gior

Oper Doors, Sud est asiatico e Mongolia: i selezionati

Laos, Cambogia, Thailandia, Vietnam, Myanmar, Indonesia, Malesia, Filippine e Mongolia, otto progetti e nove produttori per chiudere il ciclo triennale
Musica
05.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 12:04

'Non silent protest', quando il coro alza la voce

Una protesta educata per attirare l'attenzione sulle corali svizzere in pericolo. A nome del 'Calicantus', Mario Fontana. Risponde Manuele Bertoli (Decs)

I cori non hanno smesso di cantare. Nemmeno se l’ordinanza del Consiglio federale dello scorso 28 ottobre vieta le attività corali nei settori professionali e non professionali. Per la precisione: i cori svizzeri seguono l’ordinanza (i professionisti sono autorizzati a provare, senza però dare concerti), ma a mezzogiorno di ogni giorno, da qualche giorno, cantano. Non tutti insieme, ognuno per sé e con invito a postare in rete il proprio ‘canto delle dodici’. Annunciata nelle tre lingue ufficiali, la protesta è pacifica. Si chiama ‘Non silent protest’ ed è riassunta in sette punti. Aperti da un “tacere non va bene”.

Anche il Coro Calicantus si fa sentire. La voce ce la mette il maestro Mario Fontana, che il coro lo dirige, a margine di un più corposo comunicato della Federazione Svizzera Europa Cantat che fa il punto su una minaccia che interessa più di 4mila cori e gruppi appartenenti ad associazioni, per un totale di 120mila cantanti e più di 600 direttori di coro. Con un punto fermo: “Negli ultimi mesi – recita il comunicato – la scena corale ha dimostrato che il canto di gruppo può essere praticato in modo sicuro in base a rigorosi piani di protezione". Grazie ai quali – mascherina inclusa – non sono stati identificati focolai d'infezione. Di conseguenza, “non vi è alcuna giustificazione statistica a sostegno dell’attuale divieto del canto corale". Si chiede che l’ordinanza sia "adattata in modo che i cori e gli ensemble, così come i cori di bambini e i cori giovanili che sono la base del futuro, possano presto riprendere le loro attività nei limiti di un numero massimo di 15 cantanti e nel rispetto dei più rigorosi piani di protezione”.

Mario Fontana. Si è fatto tramite della ‘Non silent protest’. Ce la spiega?

È la prima risposta 'gandhiana' che la comunità corale svizzera ha proposto dopo le normative del 28 ottobre che vietano il canto nei cori. Chiunque lo voglia, alle 12 di ogni giorno d’ora in poi, canterà qualsiasi cosa. Invitiamo tutti a cantare anche solo un “Laaa”. È anche un modo per combattere la stigmatizzazione del canto, per il quale non esistono studi concreti che dimostrino che è più pericoloso del parlare.

Qual è al momento la situazione che vive il coro Calicantus?

Con il Team stiamo lavorando assiduamente per offrire continuità ai bambini. Dal 9 novembre le lezioni si svolgeranno secondo le regole, in gruppi di 15 allievi senza cantare. Saranno offerte didattiche finalizzate alla crescita culturale, a mantenere la motivazione e in vista della futura normalità. I nostri piani di protezione hanno dimostrato sin qui di essere molto efficaci e continueranno a essere rispettati.

E qual è la situazione delle corali a livello ticinese, e svizzero?

La coralità svizzera ha messo in atto tutte le misure necessarie per collaborare alla crisi sanitaria, cantando anche con mascherine, distanze ecc. I contagi avvenuti nei cori sono infimi e non paragonabili ad altri campi. Ma i casi di cori che potrebbero chiudere, di cantori che potrebbero smettere, sono purtroppo numerosi! Un’intera tradizione svizzera a rischio.

Contestate l’aver dovuto prendere misure necessarie per collaborare alla crisi sanitaria. Vi sentite traditi dalle ultime disposizioni sanitarie?

La comunità corale collabora e propone. Le misure necessarie, per questa comunità, sarebbero anche altre, vedi chiusura dei centri erotici, dei quali contestiamo la continuità. L’Oms chiede che le conseguenze psicologiche della pandemia non siano sottovalutate nella definizione delle misure. Il canto ha un’influenza positiva sulla vita sociale e sulla salute, soprattutto in tempi di crisi.

Per i bambini, aver lasciato loro il permesso di cantare almeno fino ai 12 anni (sono ca. 30mila in Svizzera), avrebbe dimostrato sensibilità verso una generazione già colpita da scompensi psicologici di varia natura. Secondo alcuni studi di sociologi, psicologi e pediatri, tra le altre conseguenze sulla salute, vengono riscontrati accresciuti stati d’ansia, stress, insonnia, stanchezza, fragilità e disorientamento. Cantare nei cori di bambini sin qui non ha prodotto danni alla comunità; ora il danno lo ricevono loro.

Il problema che lei solleva va oltre la musica. La preoccupa il disagio provato dai bambini nel dire loro che è proibito cantare...

Desidero citare il Maestro Abbado: “In un coro ogni persona è concentrata sulla relazione della propria voce con le altre. Il coro come l’orchestra è l’espressione più valida di ciò che sta alla base della società: la conoscenza e il rispetto del prossimo attraverso l’ascolto reciproco e la generosità nel mettere le proprie risorse migliori al servizio degli altri”.

Immaginiamoci di essere un bambino che in un coro ha sempre trovato un luogo di riferimento e di crescita, e sentir dire che non può cantare perché è pericoloso. Sarebbe un atto di reale tutela della comunità anche quello di incoraggiare un riequilibrio dell’immagine del canto.

È preoccupato anche del generalizzare, dell'idea che 'cantare può contagiare'...

I giovani, spesso descritti come irrispettosi delle regole attuali, stanno portando nella loro vita il peso di non esser spontanei coi propri coetanei. Portano il peso dell’incertezza più assoluta sul proprio futuro, alla loro età, nella quale la vita e il mondo si apre loro, in primo luogo nella loro esperienza personale. Cercano di rispettare le regole ma incontrano contraddizioni, portano la mascherina tutto il giorno, a scuola e nei mezzi di trasporto pubblici, dove si ritrovano stipati.

Soffrono infine, di svariati sintomi nuovi. Se a ciò aggiungiamo che ora debbono dubitare se essi stessi possono essere veicolo d'infezione cantando, anche con le misure di protezione già implementate, io sì, sono preoccupato. È necessario affermare con forza che il problema non sta qui.

Il coro, per definizione, presuppone vicinanza fisica. Open air a parte: un coro all'interno, numeroso di suo, pur con un pubblico entro le 50 unità, non è un rischio?

Come detto, i cori svizzeri hanno adottato misure molto severe e sin qui hanno fornito un’ esemplare collaborazione, senza alcun focolaio, solo qualche quarantena, va precisato. Ora, l’attuale norma all’art. 6f dell’ordinanza COVID-19, dice che sono ammesse le prove senza canto di gruppi fino a 15 persone. È il momento di esser creativi e fare un altro tipo di lavoro. Aiutiamo i nostri coristi adulti, i nostri ragazzi e le loro famiglie ad aver fiducia nella vita!

C’è una soluzione?

Oltre a firmare la petizione lanciata dalle più importanti associazioni svizzere “Canto dunque sono” (sorride, ndr), credo che oggi più che mai sia necessario che il mondo degli adulti e della Cultura diano il proprio segnale, forte e deciso, cercando d'indicare un percorso anche audace di fiducia, essendo propositivi nei confronti delle giovani generazioni. Loro sono il bene più prezioso della società.

Manuele Bertoli, Decs

’Pronto a sostenere il percorso di fiducia’

Abbiamo inoltrato le preoccupazioni di Fontana e delle corali, ticinesi e svizzere, a Manuele Bertoli, direttore del Decs.

Manuele Bertoli. L’ultimo grido d’allarme del mondo della musica ticinese arriva dal Coro Calicantus, che si fa tramite ticinese di una doppia protesta: la messa a rischio dell’esistenza stessa delle corali, ma anche il disagio che lo stop provoca nei bimbi...

Capisco questo grido d’allarme, ma le norme vengono da Berna e noi non possiamo che farle applicare. Nella consultazione sulle modifiche dell’ordinanza i bambini membri dei cori non erano toccati dalle restrizioni, ma la versione ufficiale è poi cambiata.

Le corali svizzere, certe delle misure di sicurezza messe in atto e dell’assenza di contagi riscontrati al loro interno, sostengono che il blocco non abbia alcuna giustificazione statistica.

Prendo atto di questa presa di posizione, che però va girata al Consiglio federale.

Il concetto è estendibile ai grandi teatri. È quanto si dice anche al Lac, ampia struttura all’interno della quale il distanziamento sarebbe garantito. In sintesi: perché i ristoranti sì e i teatri no, perché le scuole sì e le corali no?

Anche qui, è una posizione che posso capire dal profilo della ricerca di una coerenza stretta tra le misure, ma se ragioniamo in questo modo, per analogie, l’unica ‘soluzione’ perfettamente coerente sarebbe chiudere tutto, con i problemi immensi che conosciamo. Per i teatri credo che si tratterà di resistere qualche settimana senza spettacoli.

Le corali chiedono al mondo degli adulti e della Cultura “un percorso di fiducia nei confronti delle giovani generazioni”. Cosa si sente di poter dire in questo senso?

Credo che sui bambini abbiano delle ragioni e sarebbe bene che venissero consegnate in un documento sottoscritto da questi importanti attori del mondo formativo/culturale nei diversi Cantoni. Per quel che mi riguarda sarei pronto a sostenerne le ragioni verso il Consiglio federale.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved