dimissioni-non-solo-manuele-bertoli
È un problema di fiducia (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore

L’eterno ritorno di Hillary Clinton e la mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo l’ex first lady per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
2 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
3 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
4 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
4 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
5 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
1 sett

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 sett

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
16.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 16:13

Dimissioni? Non solo Manuele Bertoli

Dopo il pasticciaccio brutto dei posti nei teatri, la preoccupazione non è solo il futuro della cultura. Ma la fiducia nelle istituzioni

Le più che legittime preoccupazioni del mondo culturale per la difficilissima situazione che devono affrontare teatri, cinema e sale da concerto; le perplessità di fronte a misure sanitarie che sembrano concentrarsi su situazioni relativamente in sicurezza, tralasciando attività che presentano rischi maggiori. Tutto questo non deve farci perdere di vista il grande problema del balletto dei numeri al quale si è assistito settimana scorsa, partendo dalle incertezze se il limite di 5 persone si applicasse o no agli spettacoli, arrivando poi alla conferma e infine, qualche giorno dopo, alla correzione di 30.
Pierre Lepori auspicava, nel suo corsivo trasmesso da Rete Due he tanto ha fatto discutere, le dimissioni di Manuele Bertoli. Ma a dimettersi dovrebbe essere tutto il Consiglio di Stato e l’unico motivo per non chiederle, quelle dimissioni, è che ci troviamo in una situazione di emergenza che poco si concilia con le lungaggini di un passaggio di consegne. Per il resto, si fatica a vedere altri motivi per lasciare i cinque consiglieri di Stato al loro posto, dopo che hanno perso una delle cose più importanti in una situazione di emergenza: la fiducia.

Ricordiamo i fatti: domenica 8 novembre, quindi otto mesi dopo le prime misure cantonali, vengono presentate delle misure che entreranno in vigore poche ore dopo e delle quali, con il senno di poi, non si comprendevano bene gli effetti. Tanto che sono arrivate indicazioni contraddittorie agli stessi operatori culturali. E quando, in serata, abbiamo fatto presente l’esistenza di un problema di comunicazione, la risposta di chi, in governo, si occupa di comunicazione è stata questa: “E perché chiami me?”. Il giorno dopo, lunedì, ci si rende conto della necessità di chiarire meglio come applicare l’ordinanza. Perché, come ha detto il cancelliere, le cose adesso sono più complicate di marzo-aprile quando semplicemente si è chiuso tutto. Verissimo, ma è altrettanto vero che da quelle misure sono passati, come detto, otto mesi, durante i quali si è sempre temuto l’arrivo di una seconda ondata: un tempo sufficiente, ci sembra, per ragionare sulle possibili misure da adottare e magari discuterle anche con gli operatori.

Fin qui la situazione si poteva ancora recuperare, spiegando cosa è andato storto nel processo decisionale, quali aspetti sono stati presi in considerazione. Ed ecco le “precisazioni”: virgolette di citazione, perché proprio così è stata descritta la correzione che martedì ha portato, per gli spettacoli, il limite di partecipanti da 5 a 30. Con quel “precisazioni sulle misure in vigore nel Cantone Ticino” il Consiglio di Stato ha mostrato di non saper ammettere i propri errori, primo passo per analizzarli e fare in modo di non commetterli di nuovo.

Il problema va al di là della difficile situazione del settore culturale: è un problema di fiducia nelle autorità, aspetto fondamentale nella gestione di una emergenza come quella in cui ci troviamo. Emergenza che, come detto, rende le dimissioni più un altro problema che una soluzione: ma se chiederle non si può, si può e si deve chiedere maggiore trasparenza nelle decisioni future e un maggior dialogo con cittadinanza e operatori

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved