dimissioni-non-solo-manuele-bertoli
È un problema di fiducia (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
7 min

Usa e Russia, una guerra molto fredda

Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
1 gior

I soldi comprano le parole e anche i diritti

Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
1 gior

Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco

Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
1 gior

Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri

Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
2 gior

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport
Commento
3 gior

I soldi, lo sballo, il gioco dello stupro tra Pornhub e Genovese

Di prima mattina, al semaforo, sull’utilitaria davanti a me mi colpiscono i colori squillanti di un adesivo a tutto lunotto: “Pornhub”
Commento
3 gior

Tony Judt, OpenLux e la cassaforte delle ingiustizie

Un’inchiesta giornalistica racconta di come il Lussemburgo sia la capitale dell’elusione fiscale: una scappatoia che mette a rischio lo stato sociale di intere nazioni
Commento
5 gior

Per i grandi progetti, più potere al popolo

Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti
Sguardo a nord
5 gior

La meglio gioventù e l’epidemia silenziosa

Le nuove generazioni sanno adattarsi, ma non bisogna sopravvalutarle né dimenticare che la Svizzera presenta uno dei tassi di suicidio più alti al mondo
Commento
16.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 16:13

Dimissioni? Non solo Manuele Bertoli

Dopo il pasticciaccio brutto dei posti nei teatri, la preoccupazione non è solo il futuro della cultura. Ma la fiducia nelle istituzioni

Le più che legittime preoccupazioni del mondo culturale per la difficilissima situazione che devono affrontare teatri, cinema e sale da concerto; le perplessità di fronte a misure sanitarie che sembrano concentrarsi su situazioni relativamente in sicurezza, tralasciando attività che presentano rischi maggiori. Tutto questo non deve farci perdere di vista il grande problema del balletto dei numeri al quale si è assistito settimana scorsa, partendo dalle incertezze se il limite di 5 persone si applicasse o no agli spettacoli, arrivando poi alla conferma e infine, qualche giorno dopo, alla correzione di 30.
Pierre Lepori auspicava, nel suo corsivo trasmesso da Rete Due he tanto ha fatto discutere, le dimissioni di Manuele Bertoli. Ma a dimettersi dovrebbe essere tutto il Consiglio di Stato e l’unico motivo per non chiederle, quelle dimissioni, è che ci troviamo in una situazione di emergenza che poco si concilia con le lungaggini di un passaggio di consegne. Per il resto, si fatica a vedere altri motivi per lasciare i cinque consiglieri di Stato al loro posto, dopo che hanno perso una delle cose più importanti in una situazione di emergenza: la fiducia.

Ricordiamo i fatti: domenica 8 novembre, quindi otto mesi dopo le prime misure cantonali, vengono presentate delle misure che entreranno in vigore poche ore dopo e delle quali, con il senno di poi, non si comprendevano bene gli effetti. Tanto che sono arrivate indicazioni contraddittorie agli stessi operatori culturali. E quando, in serata, abbiamo fatto presente l’esistenza di un problema di comunicazione, la risposta di chi, in governo, si occupa di comunicazione è stata questa: “E perché chiami me?”. Il giorno dopo, lunedì, ci si rende conto della necessità di chiarire meglio come applicare l’ordinanza. Perché, come ha detto il cancelliere, le cose adesso sono più complicate di marzo-aprile quando semplicemente si è chiuso tutto. Verissimo, ma è altrettanto vero che da quelle misure sono passati, come detto, otto mesi, durante i quali si è sempre temuto l’arrivo di una seconda ondata: un tempo sufficiente, ci sembra, per ragionare sulle possibili misure da adottare e magari discuterle anche con gli operatori.

Fin qui la situazione si poteva ancora recuperare, spiegando cosa è andato storto nel processo decisionale, quali aspetti sono stati presi in considerazione. Ed ecco le “precisazioni”: virgolette di citazione, perché proprio così è stata descritta la correzione che martedì ha portato, per gli spettacoli, il limite di partecipanti da 5 a 30. Con quel “precisazioni sulle misure in vigore nel Cantone Ticino” il Consiglio di Stato ha mostrato di non saper ammettere i propri errori, primo passo per analizzarli e fare in modo di non commetterli di nuovo.

Il problema va al di là della difficile situazione del settore culturale: è un problema di fiducia nelle autorità, aspetto fondamentale nella gestione di una emergenza come quella in cui ci troviamo. Emergenza che, come detto, rende le dimissioni più un altro problema che una soluzione: ma se chiederle non si può, si può e si deve chiedere maggiore trasparenza nelle decisioni future e un maggior dialogo con cittadinanza e operatori

© Regiopress, All rights reserved